Pitești

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piteşti
municipio
Piteşti – Stemma
Piteşti – Veduta
Localizzazione
Stato Romania Romania
Regione Muntenia
Distretto Actual Arges county CoA.png Argeş
Amministrazione
Sindaco Tudor Pendiuc[1]
Territorio
Coordinate 44°51′38″N 24°52′04″E / 44.860556°N 24.867778°E44.860556; 24.867778 (Piteşti)Coordinate: 44°51′38″N 24°52′04″E / 44.860556°N 24.867778°E44.860556; 24.867778 (Piteşti)
Altitudine 289 m s.l.m.
Superficie 40,73[2] km²
Abitanti 166 893[3] (1º gennaio 2009)
Densità 4 097,54 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 110000
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Romania
Piteşti
Posizione di Piteşti nel distretto di Argeş
Posizione di Piteşti nel distretto di Argeş
Sito istituzionale

Piteşti è un municipio della Romania di 166.893 abitanti, capoluogo del distretto di Argeş, nella regione storica della Muntenia. È situata sulla sponda sinistra del fiume Argeș, importante affluente del Danubio.

È conosciuta come "città dei tulipani" (il tulipano è il simbolo della città) e ogni anno nel mese di aprile si tiene una festa con una mostra di fiori, il fiore di base è ovviamente il tulipano.

La città è tristemente nota anche per il carcere nel quale fu condotto, tra il 1949 e il 1952, un inumano esperimento, definito da Aleksandr Solgenitsin "il più terribile atto di barbarie del mondo moderno"[4]. Questo esperimento carcerario aveva lo scopo di rieducare gli oppositori del regime e creare uomini nuovi attraverso ininterrotte torture sia fisiche che psicologiche, eseguite dai detenuti stessi su altri detenuti sotto la guida e l'istigazione di Eugen Turcanu. Quando iniziarono a diffondersi notizie sul carcere, Turcanu e gli altri esecutori diretti furono condannati a morte per evitare che ulteriori informazioni trapelassero riguardo all'esperimento e ai suoi ideatori.

Nella città ha attualmente termine il percorso della Autostrada A1.

Città gemellate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RO) Sito della prefettura di Argeş. URL consultato il 27-01-2011.
  2. ^ (RO) Sito ufficiale del comune. URL consultato il 27-01-2011.
  3. ^ (RO) Dati al 1 gennaio 2009 forniti dall'Institutul National de Statistica (XLS). URL consultato il 27-01-2011.
  4. ^ Paola Capriolo, Romania, l'horror estremo, Corriere della Sera, 29-03-2010. URL consultato il 01-04-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Romania Portale Romania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Romania