Natuzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Natuzzi
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Borse valori NYSE: NTZ
Fondazione 1959 a Taranto
Sede principale Santeramo in Colle
Persone chiave
Settore Arredamento
Prodotti Divani, mobili e accessori
Dimensioni azienda
Fatturato 461,4 milioni € (2014)
Dipendenti 6.048 (2014)
Sito web www.natuzzi.com

Il Gruppo Natuzzi, fondato nel 1959 da Pasquale Natuzzi, disegna, produce e vende divani, poltrone, mobili e complementi d’arredo per uso residenziale. Con un fatturato di 449,1 milioni di euro, realizzato nel 2013, la Natuzzi è la più grande casa di arredamento italiana e unico player globale nel settore. La holding Natuzzi S.pA. è l’unica azienda non americana del settore “arredamento” quotata a Wall Street dal 1993. In Italia Natuzzi distribuisce i propri prodotti attraverso la catena di negozi in franchising Divani & Divani by Natuzzi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pasquale Natuzzi, attuale Presidente ed Amministratore Delegato del Gruppo Natuzzi, inizia la sua carriera nel 1959, all’età di 19 anni, aprendo un laboratorio artigianale a Taranto dove con tre collaboratori costruisce divani e poltrone per il mercato locale.

Nel 1962 si trasferisce a Matera dove inizia una esperienza commerciale, e dove dal 1967 avvia la produzione di divani e poltrone, questa volta a livello industriale. Nel 1972 fonda la Natuzzi Salotti Srl. Un anno più tardi, a causa di un incendio che distrugge completamente lo stabilimento di Matera, Pasquale Natuzzi decide di trasferire la produzione a Santeramo in Colle (Bari), dove attualmente ha sede il quartier generale del gruppo.

Intorno alla metà degli anni ‘70, la Natuzzi si presenta per la prima volta a una fiera dell'arredamento a Bari. Qui iniziano i contatti con alcuni clienti del Medio Oriente: Arabia Saudita, Israele, Giordania. Già nel 1976, l'azienda esporta in quei paesi il 60% del suo fatturato, il resto lo realizza in Italia.

Gli inizi degli anni ’80, con l’ingresso nel mercato USA, sanciscono la definitiva vocazione all’export del gruppo. Durante un viaggio negli USA, Pasquale Natuzzi avvia un contatto con i grandi magazzini Macy's. Di lì a poco, per la prima volta nella storia dell'arredamento statunitense, un divano in pelle viene venduto al pubblico a un prezzo di $999, ovvero al di sotto di un terzo del prezzo medio di allora. La business idea di Pasquale Natuzzi – “democratizzare” il divano in pelle – è stata così descritta dallo scrittore americano Joe Carroll (autore dell’opera enciclopedica “La casa perfetta”, tre volumi interamente dedicati all’arredamento domestico): “Prima la pelle era percepita come un prodotto d’elite, costoso, che ci intimidiva. Un articolo di lusso, destinato ai ricchi. (…) Negli anni 80 è successo che Pasquale Natuzzi, un artigiano di un piccolo paese del sud Italia, ha offerto al pubblico un divano in pelle alla portata tutti. (…) Questo italiano con tanto talento ha dato una grande lezione di marketing agli americani: offrire ciò che la gente vuole, a un prezzo accessibile. E gli esperti di marketing avremmo dovuto essere noi!”. Altre chiavi del successo furono, assieme al rapporto qualità/prezzo, un design originale, un'ampia gamma di personalizzazioni e un sistema industriale integrato verticalmente che consentiva l'applicazione del metodo just in time. Così, nel 1985 viene fondata la Natuzzi Upholstery Inc., con sede a New York, società creata per curare la distribuzione e la vendita in Nord America.

L’affermazione di Natuzzi negli USA, confermata dalla quotazione a Wall Street nel maggio del 1993, proietta il Gruppo alla conquista di altri mercati, principalmente Europa ed Estremo Oriente.

Nel 1998 viene inaugurato a High Point (North Carolina) un edificio dalle forme avveniristiche, progettato dall’architetto Mario Bellini, che ospita gli uffici della Natuzzi Americas ed un grande showroom di 8000 m².

Mentre prosegue l’espansione nel mercato nordamericano, il Gruppo rafforza la propria presenza in Europa e in Italia. Negli anni Novanta si apre a Taranto, per iniziativa di Pasquale Natuzzi, il primo negozio della catena in franchising Divani & Divani by Natuzzi.

Un brand, tre linee di prodotto[modifica | modifica wikitesto]

Natuzzi è il brand del settore arredamento più conosciuto a livello globale tra i consumatori di beni di lusso (Fonte: World Luxury Tracking; Ipsos – Lagardere, 2013) e differenzia la sua offerta in tre linee di prodotto: Natuzzi Italia, Natuzzi Editions e Natuzzi Re-vive.

Natuzzi Italia è la linea di prodotto con una collezione Total Home, rigorosamente made in Italy. I divani, le poltrone e la collezione notte di Natuzzi Italia sono coordinati con mobili, lampade, accessori e pareti attrezzate per offrire felicità attraverso la bellezza ed il relax. Natuzzi Italia è posizionata nel segmento high-end ed i suoi prodotti sono venduti direttamente ai consumatori (con i negozi e le gallerie Natuzzi Italia) e nel free market.

Natuzzi Editions propone una vasta gamma di divani e poltrone in pelle, all’insegna del comfort e dei rinomati punti di forza Natuzzi: il suo grande patrimonio di conoscenza nel mondo della pelle e la sua straordinaria capacità progettuale e produttiva.

Natuzzi Re-vive è la prima “performace recliner” al mondo, una poltrona altamente innovativa che ha rivoluzionato il modo di vivere il comfort a casa.

Infine, il Gruppo gestisce una divisione dedicata alla vendita di prodotti private label/unbranded destinati ai mass-market dealer. Questo programma di vendita offre divani e poltrone con gli standard di qualità e servizi garantiti dal Gruppo Natuzzi, il più grande produttore italiano nel settore dell’arredamento. .

Fatti & Cifre[modifica | modifica wikitesto]

Il Gruppo Natuzzi esporta il 90% della produzione in 123 mercati e detiene le maggiori quote di mercato in Europa con il 52 % e in America con il 34%. Il Gruppo realizza i suoi prodotti all’interno di siti produttivi ubicati in Italia, Cina, Brasile, Romania, orizzontalmente integrati. Natuzzi controlla il 92% delle materie prime e dei semilavorati, 82% dei servizi. La rete distributiva conta 609 punti vendita monomarca Natuzzi Italia (274 Natuzzi Stores, 335 Natuzzi Galleries) nel mondo. Le Natuzzi Galleries sono aperte in partnership con catene della grande distribuzione presso: Selfridges (UK), Sears Roebuck (Canada), David Jones (AUS). I prodotti del brand Natuzzi Editions vengono distribuiti attraverso rivenditori selezionati e con la formula delle Gallerie (420 nel mondo). Il fatturato al 31/12/2014 è stato pari ad € 461,4 milioni. I dipendenti del Gruppo Natuzzi sono 6.048. Il gruppo è certificato secondo le norme ISO 9001, affermato nel dicembre del 2001 attraverso la Certificazione Ambientale ISO 14001 e confermato nel luglio del 2003 attraverso la Certificazione del proprio Sistema di Gestione Integrato Qualità/Ambiente ISO 9001/2000. Nel 2014 il Gruppo Natuzzi ha conseguito la certificazione del Sistema di Gestione della Sicurezza sui Luoghi di Lavoro, secondo la norma BS OHSAS 18001 (Occupational Health and Safety Assessment Series).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Fiorentini; Giulio Sapelli; Giorgio Vittadini, Imprenditore: risorsa o problema? Impresa e bene comune - Milano, BUR Bibioteca Universale Rizzoli, 2014
  • Agnese Sinisi, Natuzzi Un divano a Wall Street – Milano, Egea, 2008
  • Federico Pirro, Angelo Guarini, Grande Industria e Mezzogiorno 1996-2007 – Bari, Cacucci Editore, 2008
  • Federico Rampini, L’impero di Cindia – Milano, Mondadori, 2007
  • Gianfranco Viesti, Il Sud che attrae - Donzelli Editore, 2002
  • Franco Tatò, Perché la Puglia non è la California - BC Dalai Editore,2002
  • Mauro Castelli, Questa Italia siamo noi – Milano, Il Sole 24 Ore, 2000
  • Roberto Napoletano, Fatti per vincere, Sperling&Kupfer, 1999

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]