Vera Miles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vera Miles

Vera Miles, pseudonimo di Vera June Ralston (Boise City, 23 agosto 1929), è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque in Oklahoma e trascorse l'adolescenza in Kansas, a Pratt e Wichita, dove si diplomò presso la "Wichita North High School", lavorando la sera come operatrice dattilografa per la Western Union[1][2]. Dopo gli inizi come modella, nel 1948 vinse il titolo di Miss Kansas e si classificò terza al concorso per Miss America[3].

Intrapresa nel 1951 la carriera di attrice ed ottenuti i primi importanti ruoli in L'indiana bianca (1953) di Gordon Douglas e Wichita (1955) di Jacques Tourneur, venne diretta da grandi registi, tra cui John Ford nei due celebri western Sentieri selvaggi (1956) e L'uomo che uccise Liberty Valance (1962), Henry Hathaway nel thriller 23 passi dal delitto (1956), Robert Aldrich nel dramma sentimentale Foglie d'autunno (1956), Melville Shavelson nella commedia Giacomo il bello (1957). Nel 1955 interpretò la parte di Jane in Tarzan e la giungla proibita di Harold D. Schuster (1955), accanto a Gordon Scott, che la Miles sposò l'anno dopo.

La svolta nella carriera cinematografica giunse nel 1956 con il ruolo della protagonista (giudicato di "vitale drammaticità"[4]) in Il ladro di Alfred Hitchcock, accanto a Henry Fonda. Proprio il maestro inglese, dopo la sua ottima prova in questo film, voleva lanciare l'attrice come una nuova star, rimodellandone sensibilmente l'immagine e affidandole l'anno successivo il ruolo della protagonista di La donna che visse due volte accanto a James Stewart, ma la Miles dovette rinunciare perché rimasta incinta. Questo fatto, secondo alcune fonti, creò non pochi e duraturi dissapori con Hitchcock[senza fonte], che poi affidò la parte a Kim Novak. Dal 1957 apparve in film di vario genere, tra cui Sono un agente FBI (1959) di Mervyn LeRoy, accanto a James Stewart, Quasi una truffa (1959) di Guy Hamilton, Psyco (1960) di Hitchcock, al fianco di Anthony Perkins e Janet Leigh e con cui onorò il contratto con la Paramount Pictures interrotto per la gravidanza, Jovanka e le altre (1960) di Martin Ritt e Il sentiero degli amanti (1961) di David Miller.

In seguito venne impiegata con successo in diverse commedie prodotte soprattutto dalla Disney, come Tigre in agguato (1964), I cacciatori del lago d'argento (1965) e I ragazzi di Camp Siddons (1966), tutti diretti da Norman Tokar, Il fantasma ci sta (1967) di William Castle e Il gigante buono (1967) di James Neilson. Interpretò ruoli significativi anche in film drammatici come Il sergente Ryker (1968) di Buzz Kulik, Kona Coast (1968) di Lamont Johnson e Uomini d'amianto contro l'inferno (1968) di Andrew V. McLaglen. Dopo avere continuato a prendere parte a film per famiglie, intorno alla metà degli anni settanta la Miles iniziò a diradare le apparizioni sul grande schermo per privilegiare quelle televisive; notevole tuttavia fu nel 1983 la sua partecipazione a Psycho II di Richard Franklin, primo sequel di successo del capolavoro hitchcockiano, nel quale impersonò lo stesso ruolo di oltre vent'anni prima e nuovamente accanto a Perkins. Nel 1985 apparve con un cameo in Tutto in una notte di John Landis. La sua ultima apparizione cinematografica risale a Vite separate (1995) di David Madden.

Lunga e importante fu anche la carriera televisiva sin dal 1954, che vide la sua partecipazione alle principali serie televisive statunitensi soprattutto degli anni sessanta, tra cui L'ora di Hitchcock (in due episodi, nel 1962 e 1965) e settanta, oltre che ad alcune pellicole TV; la sua ultima apparizione sul piccolo schermo risale al 1985 in un episodio della celebre serie La signora in giallo.

Nel 1960 le venne assegnata una stella sulla Hollywood Walk of Fame. Sembra[non chiaro] che abbia dichiarato il suo disappunto per i libri su Alfred Hitchcock scritti da Donald Spoto, insistendo sul fatto che le ripetute affermazioni secondo cui alla metà anni cinquanta ebbe contrasti col regista sul set sono false, e che invece pensa a Hitchcock "molto affettuosamente". Da molti anni si è ritirata a vita privata e ha rinunciato ad apparire in pubblico. Risiede a Palm Desert, in California.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Vera Miles si è sposata quattro volte: nel 1948 con Bob Miles, dal quale ebbe due figli, Debra (nata nel 1950) e Kelley (nata nel 1952, anch'essa attrice e scrittrice), dal quale divorziò nel 1954; nel 1954 con l'attore Gordon Scott, dal quale ebbe un figlio, Michael (nato nel 1957) e divorziò nel 1959; nel 1960 con Keith Larsen, dal quale ebbe un figlio, Erik (nato nel 1961, attore), e dal quale divorziò nel 1971. Nel 1973 sposò il tecnico del suono britannico Bob Jones, da cui divorziò nel 1975.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vera Miles Biography (1930-)
  2. ^ Vera Miles Biography - Yahoo! Movies
  3. ^ Pageantcenter Archiviato il 7 maggio 2012 in Internet Archive. - Consultato il 20 marzo 2012]
  4. ^ Le Garzantine Cinema, p. 777

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN100238726 · ISNI (EN0000 0000 7824 1323 · LCCN (ENno90020557 · GND (DE137301472 · BNF (FRcb138975137 (data) · BNE (ESXX1152852 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no90020557