Vera Miles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vera Miles nel trailer de Il ladro

Vera Miles, nome d'arte di Vera June Ralston (Boise City, 23 agosto 1929), è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nell'Oklahoma e trascorse l'adolescenza in Kansas, a Pratt e a Wichita, dove si diplomò presso la "Wichita North High School", lavorando la sera come operatrice dattilografa per la Western Union.[1][2] .

Dopo gli inizi come modella (nel 1948 vinse il titolo di Miss Kansas e si classificò terza a Miss America[3]), intraprese una lunga carriera di attrice: la si ricorda per la partecipazione a memorabili pellicole di John Ford, quali Sentieri selvaggi e L'uomo che uccise Liberty Valance, e in due pellicole di Alfred Hitchcock, Il ladro (dove è protagonista di "vitale drammaticità"[4]) e Psyco.

Lunga ed importante fu anche la carriera televisiva, iniziata negli anni cinquanta: la Miles partecipò infatti a tutte le principali serie televisive statunitensi del decennio successivo, fino ad alcuni film TV negli anni ottanta.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Vera Miles si sposò tre volte: nel 1948 con Bob Miles, dal quale ebbe due figli, Debra (nata nel 1950) e Kelley (nata nel 1952 anch'essa attrice e scrittrice), dal quale divorziò nel 1954; nel 1954 con l'attore Gordon Scott, dal quale ebbe un figlio, Michael (nato nel 1957), prima di divorziare nel 1959; il 26 luglio 1960 con Keith Larsen, dal quale ebbe un figlio, Erik (nato il 30 aprile 1961 attore), e dal quale divorziò nel 1971.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Vera Miles nell'episodio Mirror Image della serie antologica Ai confini della realtà.

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vera Miles Biography (1930-)
  2. ^ Vera Miles Biography - Yahoo! Movies
  3. ^ Pageantcenter - Consultato il 20 marzo 2012]
  4. ^ Le Garzantine Cinema, p. 777

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN100238726 · LCCN: (ENno90020557 · ISNI: (EN0000 0000 7824 1323 · GND: (DE137301472 · BNF: (FRcb138975137 (data)