Umbriatico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Umbriatico
comune
Umbriatico – Stemma Umbriatico – Bandiera
Umbriatico – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Crotone-Stemma.png Crotone
Amministrazione
Sindaco Rosario Pasquale Abenante (Movimento per Umbriatico) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 39°21′11.66″N 16°55′04.8″E / 39.353239°N 16.918°E39.353239; 16.918 (Umbriatico)Coordinate: 39°21′11.66″N 16°55′04.8″E / 39.353239°N 16.918°E39.353239; 16.918 (Umbriatico)
Altitudine 422 m s.l.m.
Superficie 73,36 km²
Abitanti 839[1] (25-10-2017)
Densità 11,44 ab./km²
Frazioni Perticaro
Comuni confinanti Campana (CS), Carfizzi, Cirò, Crucoli, Pallagorio, Scala Coeli (CS)
Altre informazioni
Cod. postale 88823
Prefisso 0962
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 101026
Cod. catastale L492
Targa KR
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti umbriaticesi
Patrono San Donato
Giorno festivo 7 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Umbriatico
Umbriatico
Umbriatico – Mappa
Posizione del comune di Umbriatico nella provincia di Crotone
Sito istituzionale

Umbriàtico (IPA: [umbriˈatiko][2]) è un comune italiano di 863 abitanti[1] della provincia di Crotone, in Calabria. È un paese rurale per l'agricoltura e per l'allevamento e la forestazione. È il comune della provincia con la più bassa densità, 12 abitanti per chilometro quadrato, dovuta al basso numero di abitanti in un ampio territorio dominato da boschi.

La Rupe[modifica | modifica wikitesto]

La caratteristica di Umbriatico è la rupa sul quale è stato costruito l'abitato. Della Rupe scriveva l’Ughelli, “in rupe quadam orrendis praecipitiis munita atquae inaccessa” e Mons. Pacichelli aggiungeva, “in una rupe di malagevole accesso e di poca grata dimora tra sentieri di precipizio e di spavento”. E il poeta Teodoro Torchia: “Sì è vero! Tra tante rupi a strapiombo, picchi inaccessibili, tra orridi abissi è posta Umbriatico…si accede attraverso ... un viadotto, posto su un ristrettissimo istmo. Senza questo viadotto, il paese rimarrebbe completamente isolato appunto perciò cinto da altissime mura naturali” [3].

Umbriatico è una delle poche cittadine calabresi prive di un castello feudale, costruzione fortificata non necessaria in quanto la roccia su cui sorge costituisce essa stessa una fortezza inespugnabile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Età antica: Bristacia[modifica | modifica wikitesto]

Sul colle dell'attuale abitato, delimitato da spaventevoli dirupi, sorse, intorno al VII sec. a.c., la città di Bristacia, fondata o fortificata da coloni crotoniati sulle fondamenta di un borgo enotrio-italico gia attivo.

Nel 215 a.C., durante la Seconda guerra punica, Annibale vi costruì un fortino per difendersi dagli attacchi dei Romani, ma dopo la fuga di Annibale a Cartagine, i Romani espugnarono il paese (204 a.C.) facendo un massacro. I resti di queste persone morte circa 2000 anni fa sono stati ritrovati durante i lavori per la costruzione della strada che porta dalla frazione Perticaro a Umbriatico. I resti del fortino sono ancora visibili dalla strada provinciale 6, alle falde del monte Tigano.

Alto Medioevo: Euria e Euraton[modifica | modifica wikitesto]

Nell'alto medioevo in epoca di dominazione bizantina, sorse come città di Euria (Euraton, Euriatensis), e compare in età bizantina tra le primitive diocesi suffraganee della nuova metropolia di Santa Severina, istituita verso la metà del nono secolo. Essa è presente nel Synecdemus (Euraton) e nella Notizia III della Diatiposi (Euriatensis). [4]

La scelta del nome Euria è legata con tutta probabilità al popolamento dell’abitato con reduci provenienti dall’Epirus Vetus (Grecia nord-occidentale), ove una diocesi omonima si avviava a scomparire. Nonostante le fonti riferiscono la denominazione di Euria dal X sec in poi, è plausibile ritenere che Umbriatico fosse di fondazione precedente, almeno della seconda metà del VI sec, come testimoniano gli insediamenti rurali di età bizantina nati attorno al kastron di Umbriatico [5].

All’ultimo periodo bizantino (1030-1040) è attribuita la costruzione della Cattedrale di San Donato, edificata sulla "cripta", che doveva essere secondo alcuni la primitiva chiesa del Decimo secolo, e secondo alcuni un tempio greco pagano.

Basso Medioevo: Ebriaticum[modifica | modifica wikitesto]

All’arrivo dei Normanni “Ebriaticum” è sempre vescovato e compare anche il titolo della sua cattedrale: la “matris ecclesie S. Donati”, come si ricava da un atto del giugno 1115, sottoscritto da “Johannes, Ebriatice sedis indignus episcopus”, riguardante una cospicua donazione di beni, siti nell’attuale territorio di Cirò, fatta da Riccardo Senescalco, figlio del conte Drogone e nipote del Guiscardo, all’abate Raymundus ed ai monaci della chiesa di S. Salvatore di Monte Tabor [4].

La Diocesi di Umbriatico restò sede vescovile fino al 1818, con la bolla De utiliori di papa Pio VII, quando il suo territorio venne incorporato in quello della diocesi di Cariati.

Fu sempre feudo aggregato al Principato di Cariati, che includeva diversi comuni, di diverse potenti famiglie come i Ruffo, i Riario, gli Spinelli ed infine i Rovegno [6][7][8]. Il vescovo aveva anche rendite, spesso in contrasto con il feudatario.

La diocesi cominciò a decadere verso la fine del Duecento quando fu particolarmente devastata dalla guerra del Vespro. Scoppiata infatti l’insurrezione in Sicilia (31 marzo 1282), l’esercito di Pietro III d’Aragona invadeva la Calabria, distruggendo i paesi che si opponevano tra cui Umbriatico sotto il vescovo Lucifero, i cui beni furono particolarmente saccheggiati. I successivi tentativi di rinascita e di ripopolamento non daranno i frutti sperati, nonostante i privilegi ottenuti dal re Carlo II d’Angiò: Umbriatico sia per le distruzioni subite a causa della guerra che per la crudele tirannia del feudatario, andò deserta tanto che il papa Giovanni XXII, il 19 agosto 1317, incaricò l’arcivescovo di Santa Severina di trasferire la sede vescovile in un altro luogo insigne della stessa diocesi. Fu così che Ypsicrò (Cirò) divenne la sede abituale dei vescovi di Umbriatico [4].

Epoca moderna[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un breve periodo di rinascita durante la prima metà del Cinquecento, iniziò, similmente alle altre città vicine, una lunga fase di decadenza, accresciuta dal fatto che i vescovi potevano e preferivano, quando erano in diocesi, risiedere abitualmente con la loro famiglia e curia a Cirò. Al tempo del vescovo Alessandro Filaretto Lucullo (1592-1606) la città ha circa 700 abitanti[4]. Verso la fine dei Seicento Umbriatico è ormai ridotta a circa 350 abitanti e subì gravi epidemia di colera.

Passata la grave crisi seicentesca, Umbriatico si ripopolava e le rendite del vescovo aumentavano, anche se modeste.

Con il riordino amministrativo messo in atto sotto la dominazione napoleonica, Umbriatico fu prima capoluogo di un territorio comprendente le città di Bocchigliero, Campana, Melissa e Savelli; poi semplice comune, facente parte della giurisdizione di Campana; divenne autonomo nel 1816

Architettetture civili e religiose[modifica | modifica wikitesto]

Cattedrale di San Donato[modifica | modifica wikitesto]

È la struttura architettonica più importante della cittadina. Costruita verso la fine della dominazione bizantina (1030-1040), sopra una preesistente "cripta", la Cattedrale è dedicata a San Donato, vescovo di Euria dell’Albania e compatrono della comunità.

San Donato nel IV secolo d.C. fu vescovo di Euria, nell'Epirus Vetus (Grecia nord-occidentale). Secondo una sua 'Vita' in greco, composta in pieno Medio Evo, i suoi resti sarebbero stati trasferiti nella nuova Euria - cioè Umbriatico - quando la pressione dei barbari costrinse il presule, con il clero e gli abitanti della diocesi, a trasferirsi nell'attuale Calabria. In realtà, la traslazione avvenne alla fine del sesto secolo, sotto la pressione degli Avaro-Slavi, ma alla volta dell'isola di Corfù. Solo ai primi del tredicesimo secolo le reliquie furono trasportate dai Veneziani nell'isola di Murano, dove tuttora si conservano insieme ai presunti resti del drago ucciso da Donato con il solo segno della croce" [9].

La cattedrale sorge nel pieno centro storico del borgo e apre il suo portale principale con stipiti in pietra preceduto da una gradinata a semicerchio. Alla sinistra del frontone s’innalza la torre campanaria terminante a cuspide e il portale laterale in pietra tufacea che reca l’iscrizione “P.S. Aem S. Samarcus rossa S. PP. S. Umb. S. Anno D. MDCX”. L’interno è a tipo basilicale con l’assoluta[3]. nudità architettonica.

La Cripta, divenuta una chiesa ipogea dopa la costruzione della Cattedrale, doveva essere secondo alcuni la primitiva chiesa bizantina del Decimo secolo, e secondo altri un tempio greco pagano.

La cripta è un modesto edificio di stile romanico a pianta rettangolare di m. 20 per m. 7; è divisa in tre navate da due file di colonne - in tutto 12 - tutte più o meno tutte l’una diverse dall’altra[10], anche nel capitello e nel basamento, sulle quali poggiano le 18 arcatelle costituenti la volta a crociera; si ritiene che le colonne possono essere state recuperate da altri templi pagani greci o romani come il tempio di Apollo Aleo di Krimisa.

Per quanto riguarda la data di fondazione della chiesa di Umbriatico, si ritiene coeva a quella di Santa Severina come è testimoniato dai materiali usati, dalla mano d'opera e dai due mattoni che reperiti dall'Arciprete Arcuri, durante i lavori di restauro del 1959, sono stati murati dallo stesso nella navata maggiore. Il primo mattone, con scritta in greco, ricorda «(questo) tempio fu costruito da Teodoro Vescovo» (primo di Umbriatico nella prima metà del secolo XI°); il secondo dice: (sigillo di) «Lucio Novio Ele» (Eleato), probabilmente nome del produttore di mattoni, usati anche per la Cattedrale di Santa Severina, consacrata nel 1036. Quindi la Cattedrale umbriaticese può essere datata intorno alla prima metà del sec. XI e comunque tra il 1030 e il 1040 [11].

All’interno della chiesa, tra le tante opere d’arte che l’arricchiscono, si ricordano l’altare maggiore in marmi policromi di stile barocco, le lapidi sepolcrali di alcuni vescovi titolare di questa sede diocesana, le reliquie di San Gregorio Papa e di altri santi, alcuni frammenti della veste di Cristo e il reliquiario della Santa Spina [3].

Nel corso dei secoli subì diversi rifacimenti e restauri, i più notevoli furono eseguiti nel 1610 dal vescovo Sammarco che fece assumere alla cattedrale l’aspetto barocco, ricco ed elegante che fu poi potenziato nel 1701 dal vescovo Olivieri, nel 1725 dal vescovo Loyero che eseguì lavori di così vasta portata che riconsacrò la cattedrale e il bellissimo altare settecentesco, nella prima metà dell’Ottocento dal vescovo di Cariati Nicola Golia che ne fece restaurare la facciata ed infine nel 1949 quando il tempio, con grande sconcerto della popolazione di Umbriatico, fu denudato (venne smontato l’antico organo, il monumentale altare centrale, il bellissimo pergamo e il coro con i 26 stalli ignei, fu demolito il fonte battesimale e tutti gli altari lungo le navate laterali) e la cattedrale fu riportata alla sua originaria struttura architettonica di epoca normanna. [12]

Chiesetta di Santa Maria delle Grazie[modifica | modifica wikitesto]

Di origine medioevale, si trova a un centinaio di metri della Cattedrale, ha una navata con abside semicilindrica; conserva le tracce di un affresco dedicato alla Madonna incoronata.

Palazzo Giuranna[modifica | modifica wikitesto]

Il settecentesco palazzo nobiliare Giuranna, che oggi ospita la sede municipale, è stato fortemente danneggiato da un incendio nel marzo del 2002. La famiglia Giuranna è originaria della Calabria; le prime memorie certe risalgono a JACOPO nel 1398 ed al fratello GUGLIELMO vescovo di Cerenzia; il casato si stabilì ad Umbriatico nel 1724; della famiglia si ricordano GIUSEPPE giurista; DONATO ANTONIO celebre medico; GIOVAN DOMENICO professore in medicina nella Regia Università di Napoli, cavaliere ufficiale della Corona d’Italia, vivente nella prima metà del XX secolo [13].

Fortini difensivi[modifica | modifica wikitesto]

Umbriatico aveva due fortini di difesa all'estremità dell'abitato: la Porta Fortino, nel rione Castello, dove si rilevano avanzi di mura con feritoie; l'altro, il Fortino di Canalicchio che si trova dal lato opposto del borgo in direzione nord e più in basso rispetto all'abitato a protezione di una strada di accesso alla rupe; in prossimità del Fortino di Canalicchio vi sono anche numerose e antiche grotte a due e tre vani di origine incerta.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[14]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Il paese ha una squadra di calcio a 5 (A.S.D. Umbriatico Calcio a 5 2013) che gioca in Serie D.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2015.
  2. ^ DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana, dipionline.it. URL consultato il 23 marzo 2014.
  3. ^ a b c Mimmo Stirparo, > In giro per la Calabria: Umbriatico e la Cattedrale bizantina, secom.it. URL consultato il 29 marzo 2017.
  4. ^ a b c d Andrea Pesavento, La cattedrale di San Donato, vescovo e martire, ad Umbriatico, in Archivio Storico Crotone, 21 febbraio 2015. URL consultato il 29 marzo 2017.
  5. ^ CSAC - Scheda catalografica di Umbriatico, su www.centristoricicalabria.it. URL consultato il 29 marzo 2017.
  6. ^ Giuseppe Galasso, Economia e società nella Calabria del Cinquecento, Guida Editori, 1º gennaio 1992, ISBN 978-88-7835-048-9. URL consultato il 29 marzo 2017.
  7. ^ Luca Covino, Governare il feudo. Quadri territoriali, amministrazione, giustizia Calabria Citra (1650-1800): Quadri territoriali, amministrazione, giustizia Calabria Citra (1650-1800), FrancoAngeli, 26 agosto 2013, ISBN 978-88-204-5886-7. URL consultato il 29 marzo 2017.
  8. ^ Andrea Pesavento, Alcuni avvenimenti storici della Vallata del Neto (parte seconda), in Archivio Storico Crotone, 15 marzo 2015. URL consultato il 29 marzo 2017.
  9. ^ Nanni Editore, Gli 'Splendori di Umbriatico tra Bisanzio e Roma', su www.nannimagazine.it. URL consultato il 30 marzo 2017.
  10. ^ Edoardo Caruso, Una visita, un viaggio nel tempo: la cripta di S.Donato d'Euria, su www.templaridirossano.it. URL consultato il 29 marzo 2017.
  11. ^ Cosa vedere a Umbriatico, Attrattive da visitare - PaesiOnLine, su www.paesionline.it. URL consultato il 29 marzo 2017.
  12. ^ Egidio Egidio mezzi, La diocesi di Umbriatico nei secoli XVII e XVIII (PDF). URL consultato il 29 marzo 2017.
  13. ^ i cognomi del sud, su www.ilportaledelsud.org. URL consultato il 29 marzo 2017.
  14. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN236102932