Cerenzia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cerenzia
comune
Cerenzia – Stemma Cerenzia – Bandiera
Cerenzia – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Crotone-Stemma.png Crotone
Amministrazione
SindacoGiovanni Frontera (lista civica Cerenzia nel cuore) dal 10-6-2018
Territorio
Coordinate39°15′N 16°47′E / 39.25°N 16.783333°E39.25; 16.783333 (Cerenzia)Coordinate: 39°15′N 16°47′E / 39.25°N 16.783333°E39.25; 16.783333 (Cerenzia)
Altitudine664 m s.l.m.
Superficie21,97 km²
Abitanti1 063[1] (31-8-2020)
Densità48,38 ab./km²
Comuni confinantiCaccuri, Castelsilano
Altre informazioni
Cod. postale88833
Prefisso0984
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT101006
Cod. catastaleC501
TargaKR
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Nome abitanticerentinesi
Patronosan Teodoro di Amasea
Giorno festivo9 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cerenzia
Cerenzia
Cerenzia – Mappa
Posizione del comune di Cerenzia nella provincia di Crotone
Sito istituzionale

Cerenzia (IPA: [ʧeˈrɛnʦja][3], Acherenthia in greco bizantino) è un comune italiano di 1 063 abitanti della provincia di Crotone in Calabria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'odierno centro abitato di Cerenzia sorse nella seconda metà dell'Ottocento, quando la scarsità d'acqua e la malaria indusse i cerentinesi a spostarsi in maniera definitiva più a ovest rispetto alla vecchia rocca, Akerentia (detta anche Acheronthia o Acerenthia con chiaro riferimento al fiume Acheronte (o Akeronte), antico nome del Lese, che scorre ai piedi della rupe), un tempo sede diocesana ma messa a dura prova dal terremoto della Calabria del 1783.[4]

Detta «città dell'olio» dagli abitanti, ha ottenuto il riconoscimento D.O.P. per la qualità del suo olio.

Sede di un interessante parco archeologico, di notevole valenza paesaggistica e in corso di realizzazione a cura dell'amministrazione comunale con il supporto della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria, è oggetto da diversi anni di campagne di scavo e ricerca condotte dalla stessa Soprintendenza. Nel 2007 è stato eseguito lo scavo parziale del cosiddetto Palazzo del Principe.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa parrocchiale di San Teodoro[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchiale conserva una croce astile d'argento, proveniente dalla vecchia cattedrale di Akerentia, un crocifisso ligneo del Settecento e due antiche campane: la prima, con croce greca, è datata 1545, mentre la seconda è del 1780.[5]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Nella piazza principale si trova un bassorilevo in bronzo, realizzato dallo scultore Treccani, dedicato alle raccoglitrici di olive di Cerenzia.[5]

Sulla provinciale che da Cerenzia porta a Verzino attraverso Akerentia, a circa 2 km dalla SS 107 sulla sinistra si trovano alcune grotte dall'origine incerta.[6]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
20 novembre 1994 29 novembre 1998 Alberto Caliguri Partito Democratico della Sinistra sindaco
29 novembre 1998 26 maggio 2003 Alberto Caliguri lista civica sindaco
26 maggio 2003 14 aprile 2008 Stanislao Dima lista civica Per il futuro di Cerenzia sindaco
14 aprile 2008 27 maggio 2013 Stanislao Dima lista civica Per il futuro di Cerenzia sindaco
27 maggio 2013 10 giugno 2018 Maria Lacaria lista civica Rinascita per Cerenzia sindaco
10 giugno 2018 in carica Giovanni Frontera lista civica Cerenzia nel cuore sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno a Cerenzia si gioca il memorial «De Rito», un torneo calcistico dedicato a un abitante del paese morto tragicamente all'età di 40 anni in un incidente sulla SS 107. Varie squadre partecipano al torneo che si svolge nel centro polisportivo nei giorni che vanno dal 25 luglio fino alla metà d'agosto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana, su dipionline.it. URL consultato il 22 marzo 2014.
  4. ^ Salvatore Anastasio, Azienda Promozione Turistica Crotone e Regione Calabria - Assessorato al Turismo, Crotone - Una provincia nuova tra miti e realtà, Crotone, Grafiche Cusato, p. 15.
  5. ^ a b c Mario Candido et al., Prime luci sullo Jonio - Guida turistica, a cura di Comunità montana "Alto Crotonese", Catanzaro, Sinefine edizioni, 1988, p. 20.
  6. ^ Mario Candido et al., Prime luci sullo Jonio - Guida turistica, a cura di Comunità montana "Alto Crotonese", Catanzaro, Sinefine edizioni, 1988, p. 22.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Calabria