Casabona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casabona
comune
Casabona – Stemma Casabona – Bandiera
Casabona – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Crotone-Stemma.png Crotone
Amministrazione
Sindacocommissione straordinaria dal 29-10-2018
Territorio
Coordinate39°15′N 16°57′E / 39.25°N 16.95°E39.25; 16.95 (Casabona)Coordinate: 39°15′N 16°57′E / 39.25°N 16.95°E39.25; 16.95 (Casabona)
Altitudine304 m s.l.m.
Superficie67,67 km²
Abitanti2 465[1] (31-8-2020)
Densità36,43 ab./km²
FrazioniMontagnapiana, Santa Maria, Simma, Zinga
Comuni confinantiBelvedere di Spinello, Castelsilano, Melissa, Pallagorio, Rocca di Neto, San Nicola dell'Alto, Strongoli, Verzino
Altre informazioni
Cod. postale88822
Prefisso0962
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT101004
Cod. catastaleB857
TargaKR
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Nome abitanticasabonesi
Patronosan Nicola di Bari
Giorno festivo6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Casabona
Casabona
Casabona – Mappa
Posizione del comune di Casabona nella provincia di Crotone
Sito istituzionale

Casabona (IPA: [kazaˈbɔna.][3], Casivonu in dialetto casabonese[4]) è un comune italiano di 2 465 abitanti[1] della provincia di Crotone in Calabria.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il paese di Casabona si trova su un colle di tufo marino, collocato in un territorio solcato dalle acque del Neto e del torrente VItravo.[5]

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Sulle origini del nome sono state elaborate diverse teorie.

Alcuni ritengono che Casabona, un tempo Casinova, Terra Casiboni, Casalbuono, deriverebbero dal latino Casabundia, ossia "vicina a cadere", a indicare uno stato di precarietà degli edifici in seguito a un terremoto (forse quello del 1638 o quello del 1783).[5]

Secondo altri, il toponimo non deriverebbe, come sembrerebbe a un primo esame, dall'espressione casa (nel senso di abitazione) buona, ma dal latino caseus, attraverso il calabrese casu, a indicare una zona dove si produceva buon formaggio. A favore di questa tesi sarebbero le indicazioni toponomastiche che, fino al 1508, riportano il luogo come Caso Bono, nome successivamente ritrovato come Casal Buono o Casu bono.[6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Strabone narra che nel territorio vivessero i Choni,[7][5] antico popolo le cui origini forse riportano ai Chaones dell'Epiro. I molti reperti della prima età del ferro provenienti dal territorio e conservati nel Museo archeologico nazionale di Crotone, nel Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria, unitamente a quelli appartenenti alla Collezione Tallarico (oggetto di furto, recuperati in parte e depositati da anni presso la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Liguria), fanno pensare che la zona fosse abitata da popolazioni di ceppo enotrio.

Le prime attestazioni documentate su Casabona sono però del 1198, quando Papa Innocenzo III confermò a un tal Nicodemo l’esistenza, sul territorio di Casabona, una serie di beni tra cui una chiesa dedicata a San Dionigi (della quale oggi cui non resta tuttavia alcuna traccia).[6]

L'area territoriale in cui è situato il borgo, in età magno-greca fu oggetto, verosimilmente, di intense frequentazioni, volte, soprattutto, allo sfruttamento delle saline di Zinga, e, quale area di transito per il pellegrinaggio verso l'area sacra individuata nei pressi del Vitravo (reperti esposti nel Museo Archeologico Nazionale di Crotone). In quest'area sorgeva, infatti, un tempio dedicato al culto di Herakles, oggi completamente franato a causa dello smottamento idrogeologico del territorio. Molti reperti sono stati saccheggiati, data la totale assenza di controlli della Soprintendenza alle Belle Arti di Catanzaro. Ancora oggi, nelle case di alcune famiglie di Casabona, tali antichi reperti sono conservati ed esposti come soprammobili.

In età romana nascono, lungo la valle del Vitravo, numerosi insediamenti produttivi ed agricoli, ancora oggi riconoscibili ed oggetto di studio. Alcune ville d'età romana conservano resti monumentali, purtroppo molto danneggiati da scavi illegali e da lavori agricoli condotti senza sorveglianza archeologica.

I numerosi complessi di grotte artificiali, presenti nell'attuale centro abitato e nel territorio,[5] potrebbero risalire ad età alto medioevale.

L'attuale insediamento abitativo è di origine altomedievale, costituitosi su resti di fattorie sparse di età più antica.

In seguito a un terremoto - anche se ci sono pareri discordanti se si trattasse di quello del 1638 o di quello del 1783 - del nucleo originario di Casabona sopravvisse solamente un convento dedicato a San Bernardino.[5] Attorno a questo convento, situato accanto all'attuale chiesa di Santa Maria ad Nives[6], si sviluppò un nucleo di cento fuochi che andò a formare il cosiddetto centro di "Casabona il nuovo", nella quale pian piano confluirono anche gli abitanti che, dopo il terremoto, avevano provato a ricostruirsi un futuro nel vecchio abitato.[5] Le mura perimetrali del convento, detto "dell'Annunziata", furono demolite nel 1966 per far posto all'attuale casa parrocchiale.[5]

La Riforma agraria comportò opere di bonifica del territorio che portarono a debellare la malaria, oltre ad opere idrauliche quali l'irrigazione delle terre a sinistra del Neto e la realizzazione dell'acquedotto del Lese.[5]

La frazione di Zinga[modifica | modifica wikitesto]

Panorama di Zinga

Del territorio del Comune di Casabona fa parte il borgo storico di Zinga[8] (anticamente Cinga), che sorge nei pressi della cima omonima (Promontorio di Cinga o Motta di Cinga). La data di fondazione è sconosciuta e il primo documento in cui si parla del borgo è datato 1325.

Riportato come Motta o Castrum, Zinga era munita di una fortificazione a controllo della strada che, dalla bassa valle del Neto, portava verso Umbriatico attraverso la sponda sinistra del Vitravo.[9]

Sempre molto poco popolato, il feudo passerà di mano più volte e la sua economia sarà prevalentemente agricola, oltre che basata sullo sfruttamento dei diapiri salini presenti a valle dell'abitato[10][11].

Dopo il terremoto del 1659 l'abitato fu ricostruito poco più a monte.

Perse la sua autonomia nel 1807 diventando luogo di Strongoli e, dal 1811[6], frazione di Casabona.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Villa Tallarico[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale è presente la villa Tallarico[12], con annesso giardino botanico, del naturalista, medico e politico[13] casabonese Giuseppe Tallarico. Nel giardino della villa costruita alle pendici del Timpone di Montagnapiana, il naturalista sperimentò la coltivazione di diverse specie, alcune rare, tra cui Hevea brasiliensis e Araucarie.[14]

Ex-convento Annunziata[modifica | modifica wikitesto]

Attuale casa parrocchiale, risale al XV secolo. Dell'impianto originale conserva solo l'arco d'ingresso al cortile. Il convento, attivo fino al 1644, fu probabilmente un dono della regina Bona, discendente della famiglia Sforza.[9]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Nicola (iniziata nel 1716), collocata nella piazza principale. Al suo interno, un crocifisso del Seicento, una statua della Madonna delle Grazie con Bambino (1573) e altre statue. La cappella del Santissimo Sacramento, localmente nota come "Cappellone", ospita un mosaico del risorto, un quadro di una Natività, una vetrata dell'Assunta e un Mosè e il roveto ardente dipinto su vetro.[9]
  • Chiesa della Madonna Assunta (XIX secolo), situata a qualche centinaio di metri dall'omonima icona, nella parte alta dell'abitato.[9]
  • Santuario di San Francesco (XIX secolo), con portale ad arco e, ai lati, colonne a bassorilievo.[9] All'interno varie statue, un pulpito con scalinata decorata e una cappella con, sull'altare, un Ecce Homo.[9]
  • Cappella delle Grazie (XV secolo), nota anche come chiesetta dell'Acqua Dolce[15], conserva un quadro che raffigura una Madonna delle Grazie con Bambino.[9].
  • Cappella della Madonna addolorata, introdotta da una doppia scalinata.[9]
  • Cappella della Madonna delle Lacrime.[9]
A Zinga[modifica | modifica wikitesto]
  • Chiesa dell'Immacolata (XV secolo)[9][15]
  • Chiesa di San GIovanni Battista (XIX secolo), a pianta trapezoidale a unica navata. L'edificio sarebbe stato edificato su una preesistente chiesa del 1343.[9] All'interno, un dipinto di una Pietà del XVII secolo.[5]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Lungo la strada che conduce a Casabona è possibile osservare centinaia di grotte scavate nella roccia.[5][7]

All'interno del borgo, la maggior parte delle abitazioni è da secoli dotata di sotterranei finalizzaza alla conservazione di insaccati di maiale e altri generi alimentari.[7]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[16]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Casabona è un territorio dalla vocazione spiccatamente agricola.[5] Vi si coltivano ulivi, vigne, cereali, favette, agrumi, ortalizi.[5]

Sviluppato è anche l'allevamento di bestie.[5]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 13 giugno 1999 Francesco Baffi Partito Democratico della Sinistra sindaco
13 giugno 1999 13 giugno 2004 Francesco Seminario Democratici di Sinistra sindaco
13 giugno 2004 7 giugno 2009 Francesco Seminario lista civica di centro-sinistra sindaco
7 giugno 2009 25 maggio 2014 Natale Carvello lista civica "Uniti per Casabona e Zinga" sindaco
25 maggio 2014 29 ottobre 2018 Natale Carvello lista civica "Ci siamo" sindaco
29 ottobre 2018 in carica Gaetano Ennio Aiello
Giovanni Todini
Vincenzo Troisi
commissario straordinario [17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana, su dipionline.it. URL consultato il 22 marzo 2014.
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 149.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m Mario Candido et al., Prime luci sullo Jonio, a cura di Comunità montana "Alto Crotonese", Catanzaro, Sinefine edizioni, 1988, p. 38.
  6. ^ a b c d http://casabona.asmenet.it/index.php?action=index&p=76
  7. ^ a b c Salvatore Anastasio, Azienda Promozione Turistica Crotone e Regione Calabria - Assessorato al Turismo, Crotone - Una provincia nuova tra miti e realtà, Crotone, Grafiche Cusato, p. 13.
  8. ^ https://web.archive.org/web/20171107085859/http://www.archiviostoricocrotone.it/urbanistica-e-societa/cinga-zinga/
  9. ^ a b c d e f g h i j k Chiese - Comune di Casabona, su casabona.asmenet.it. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  10. ^ https://web.archive.org/web/20171107085732/http://www.italianostra.org/?p=53219
  11. ^ https://web.archive.org/web/20171107090225/http://www.ceavilladaino.it/contents/it/d31_Zinga.html
  12. ^ http://casabona.asmenet.it/index.php?action=index&p=73
  13. ^ https://web.archive.org/web/20171107093402/http://storia.camera.it/deputato/giuseppe-tallarico-18800428
  14. ^ https://web.archive.org/web/20161028111559/http://amicidellacalabria.blogspot.it/2010/12/comunita-montana-alto-crotonese.html
  15. ^ a b Mario Candido et al., Prime luci sullo Jonio - Guida turistica, a cura di Comunità montana "Alto Crotonese", Catanzaro, Sinefine edizioni, 1988, p. 47.
  16. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  17. ^ Commissione straordinaria ex art. 143 TUEL (ente sciolto per infiltrazioni mafiose)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN143171042 · LCCN (ENn88065947 · GND (DE4216275-0
Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Calabria