Tom Hulce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Tom Hulce nel 2006

Tom Hulce, ufficialmente Thomas Edward Hulce (Detroit, 6 dicembre 1953), è un attore e produttore teatrale statunitense.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce al cinema nel 1977 con il film September 30, 1955. Successivamente partecipa al più popolare Animal House nel ruolo di Larry "Pinto" Kroger, al fianco di John Belushi. Nel 1984 ottiene il ruolo di Wolfgang Amadeus Mozart nel film diretto da Miloš Forman Amadeus, battendo colleghi come Mel Gibson, Kenneth Branagh, Mark Hamill e Tim Curry (questi ultimi due interpretarono il personaggio solo a Broadway). Per questa parte ha vinto il premio David di Donatello 1985 come miglior attore straniero ed è stato candidato al Premio Oscar nel 1985 come miglior attore protagonista, senza però vincere la statuetta poiché battuto dal collega F. Murray Abraham, interprete di Antonio Salieri nello stesso film.

Ha inoltre partecipato ai film Echo Park (1986) di Robert Dornhelm, Slamdance - Il delitto di mezzanotte (1987) di Wayne Wang, Nick e Gino (1988) di Robert M. Young (ottenendo la candidatura al Golden Globe nel 1989 come miglior attore drammatico), Shadowman (1988) di Piotr Andrejew, Parenti, amici e tanti guai (1989) di Ron Howard, Il proiezionista (1991) di Andrei Konchalovsky, Fearless - Senza paura (1993) di Peter Weir, Frankenstein di Mary Shelley (1994) di Kenneth Branagh e Il gobbo di Notre Dame (1996) di Gary Trousdale e Kirk Wise, dove presta la voce al protagonista Quasimodo. Successivamente ha avuto piccoli ruoli in Vero come la finzione (2006) di Marc Forster e Jumper - Senza confini (2008) di Doug Liman. È apparso anche nel film televisivo Murder in Mississippi del 1990.

Ha prodotto l'adattamento cinematografico del libro Una casa alla fine del mondo scritto da Michael Cunningham. Il film ha avuto come interpreti Colin Farrell, Robin Wright Penn e Sissy Spacek, ed è stato diretto dal regista Michael Mayer, che in seguito ha lavorato a Spring Awakening, progetto teatrale vincitore di un Tony Award scritto e prodotto dallo stesso Hulce. A Broadway Hulce ha recitato in spettacoli come A Memory of Two Mondays, scritto da Arthur Miller, Equus, scritto da Peter Shaffer (autore di Amadeus), A Few Good Men, scritto da Aaron Sorkin e da cui è stato tratto il film Codice d'onore (1992) con Tom Cruise, The Normal Heart, presentato al Teatro del West End di Londra, e infine Amleto, recitato al Royal Shakespeare Theatre. Grazie alla sua interpretazione di A Few Good Men Hulce è stato candidato al Tony Award nel 1990.

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 Hulce ha affermato di essere gay in un'intervista al Seattle Gay News. Nella stessa intervista ha smentito le voci secondo cui avrebbe sposato una donna italiana e di avere una figlia.[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Da doppiatore è sostituito da:

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premi Oscar 1985 – Candidatura all'Oscar al miglior attore per Amadeus

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eric Andrews-Katz, SGN Exclusive Interview: The Incredible Hulce, in Seattle Gay News, 3 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2021).
  2. ^ Nelle scene ridoppiate, la voce è di Vittorio De Angelis

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN117433286 · ISNI (EN0000 0001 0938 9225 · LCCN (ENn90700089 · GND (DE124116531 · BNE (ESXX1327333 (data) · BNF (FRcb13998721t (data) · J9U (ENHE987007434809205171 · CONOR.SI (SL7592803 · WorldCat Identities (ENlccn-n90700089