Supermarkets Italiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Supermarkets Italiani
StatoItalia Italia
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione1957 a Milano
Sede principaleLimito di Pioltello
Persone chiaveBernardo Caprotti
Settoregrande distribuzione organizzata
Prodottialimentari e beni di largo consumo

Supermarkets Italiani S.p.A. è una società italiana che opera nella grande distribuzione organizzata con supermercati e superstore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nata il 13 aprile 1957 per opera di Nelson Rockefeller, famiglia Caprotti e di alcuni soci è stata la prima catena di supermercati fondata in Italia. Il primo punto vendita fu aperto a Milano in viale Regina Giovanna il 27 novembre 1957, il locale era un'officina in disuso.[1].

Tra gli azionisti che avviarono la società figurano Nelson Rockefeller (deteneva il 51%), Marco Brunelli (cofondatore, assieme a Guido Caprotti, anche di quelli che furono i Supermercati GS), Franco Bertolini, il senatore Mario Crespi con il fratello Vittorio, Laetitia Boncompagni Pecci Blunt. Nel febbraio del 1961 Bernardo Caprotti si recò a Ginevra portando con sé un assegno di 4 milioni di dollari per l'acquisto del 51% di Rockefeller.[2].

Supermarkets Italiani fattura (nel 2013) circa 6,7 miliardi di euro con un utile di 180 milioni. Il valore degli immobili del gruppo (circa 150) è stimato attorno a 2 miliardi di euro[3][4].

La società è, grazie alla controllata Esselunga, la ventitreesima azienda italiana per fatturato, quarta nella grande distribuzione organizzata.[senza fonte]

L'azienda conta oltre 23.000 dipendenti[5][6]. Il Presidente era Bernardo Caprotti, morto il 30 settembre 2016.

Società controllate[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione

La più importante controllata di Supermarkets Italiani è la catena di supermercati Esselunga, che ha oltre 140 punti vendita sparsi nel Nord Italia.

  • Atlantic Srl

Società che gestisce i bar presenti nelle gallerie commerciali del gruppo.

  • Olimpia Beauté Spa

Società che gestisce le profumerie presenti nelle gallerie commerciali del gruppo.

Finanziaria

  • Fudfina Spa

Nasce nel giugno del 2006 come società finanziaria di gestione delle partecipazioni. Nel settembre dello stesso anno il capitale sociale passa da 10 000 a 400 milioni di euro e, a fronte di un riassetto societario, il 70% di Esselunga passa sotto Fudfina.

Sviluppo immobiliare

  • Finco Srl

Società, controllata al 100% da Esselunga, di promozione e sviluppo immobiliare.

  • Iridea Srl

Società attraverso la quale vengono acquistati gli immobili di Esselunga.

  • La Villata Spa

La Villata racchiude al suo interno circa 100 dei 150 immobili (valore stimato intorno ai 2 miliardi di euro) nei quali sono situati i punti vendita Esselunga. Prende nome da "La Villata", una tenuta della famiglia Caprotti, che si trova in Corsica.

  • Orofin Srl

Orofin raccoglie i circa 50 immobili rimanenti.

Servizi

  • Fidaty Spa

Società che gestisce il sistema di fidelizzazione al cliente del gruppo.

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende