Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Street Fighter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Street Fighter (disambigua).
Street Fighter
videogioco
Street Fighter.png
Titolo originaleストリートファイター
PiattaformaArcade, Amstrad CPC, ZX Spectrum, Commodore 64, Amiga, MS-DOS, TurboGrafx-16, Atari ST
Data di pubblicazioneArcade:
Giappone 4 dicembre 1988

TurboGrafx-16:
Giappone 4 dicembre 1988
Flags of Canada and the United States.svg novembre 1989

Virtual Console:
Giappone 6 ottobre 2009
Flags of Canada and the United States.svg 2 novembre 2009
Zona PAL 6 novembre 2009
GenerePicchiaduro a incontri
SviluppoCapcom, Tiertex (home computer), Alfa System (TurboGrafx-16)
PubblicazioneCapcom, GO! (home computer), U.S. Gold (home computer), Hudson Soft (TurboGrafx-16)
IdeazioneTakashi Nishiyama, Hiroshi Matsumoto
SerieStreet Fighter
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
SupportoFloppy disk, cassetta, CD-ROM, download
Distribuzione digitaleVirtual Console
Fascia di etàCEROB · ESRBE10+ · OFLC (AU): PG · PEGI: 12
Seguito daStreet Fighter II: The World Warrior
Specifiche arcade
CPUMotorola 68000 a 8 MHz
Processore audioZ80 a 3,579 MHz
SchermoRaster orizzontale
Risoluzione384×22 a 60 
Periferica di inputJoystick a 8 direzioni con 6 tasti
Joystick a 8 direzioni con 2 tasti pneumatici
Logo della serie Street Fighter

Street Fighter (ストリートファイター?) è un videogioco arcade del 1987 pubblicato da Capcom. Primo titolo della serie di picchiaduro ad incontri Street Fighter[1], il gioco è stato convertito per diversi home computer dell'epoca.[2] La versione per TurboGrafx-16, prodotta da Hudson Soft e disponibile su CD-ROM, è stata commercializzata con il titolo Fighting Street (ファイティング・ストリート?) e successivamente distribuita nel 2009 tramite Virtual Console per Wii.[3]

Ispirato al manga Karate baka ichidai[4], Street Fighter è considerato uno dei precursori del genere, sebbene non sia popolare quanto il suo sequel, Street Fighter II: The World Warrior.[5]

Il protagonista del videogioco è Ryu che deve affrontare dieci lottatori controllati dalla CPU in cinque diverse parti del mondo.[6] Nella modalità multigiocatore è inoltre possibile controllare Ken.[4] Nonostante l'impossibilità di selezionare il personaggio giocante e l'assenza di alcuni celebri personaggi della serie[6], il titolo riscosse molto successo anche fuori del Giappone, tanto da spingere Capcom a sviluppare Final Fight come possibile seguito del gioco[4].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il primo torneo di Street Fighter venne organizzato da Sagat, il più forte lottatore di Muay Thai a livello mondiale, in cerca di nuovi avversari. Ryu e Ken Masters, allievi di Gouken, maestro dell'Ansatsuken, decidono di iscriversi al torneo per mettersi alla prova.[7]

Ryu riesce ad arrivare alla finale del torneo, dove incontra Sagat. Dopo un incontro molto duro, apparentemente Sagat stava avendo la meglio sul giovane. Convinto di essere il vincitore, Sagat porse la mano a Ryu per aiutarlo a rialzarsi. Tuttavia il ragazzo si trasformò in Evil Ryu e colpì il suo avversario al petto con uno Shoryuken, procurandogli una grossa cicatrice.[7]

Dopo aver vinto il torneo, Ryu tornò dal maestro Gouken per chiedere spiegazioni su quello che gli era successo. Al suo ritorno, però, ritrovò solo il suo compagno di allenamenti Ken. Gouken infatti era stato affrontato e ucciso dal fratello Akuma. Dopo aver appreso il corso degli eventi da Ken, Ryu partì per scoprire cosa gli era successo durante il combattimento con Sagat e per vendicare la morte del suo maestro.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore deve affrontare due lottatori per ognuna delle seguenti quattro nazioni: Stati Uniti, Giappone, Regno Unito e Cina. Per superare ogni stage, il giocatore deve vincere due round su tre. Una volta sconfitti i due lottatori avversari, il giocatore dovrà passare attraverso un bonus stage prima di procedere alla nazione successiva. Quando tutti e quattro i Paesi saranno completati, il giocatore si recherà in Thailandia per sconfiggere gli ultimi due combattenti del gioco. In alcune versioni arcade non è possibile riprendere la partita con un nuovo credito se si subisce il doppio ko dagli avversari thailandesi.

Ci sono quattro bonus stage nel gioco: due in cui il giocatore deve distruggere una pila di mattoni con un solo colpo, e due in cui bisogna rompere le tavolette di legno tenute in mano da alcuni uomini prima dello scadere del tempo.

Erano presenti due differenti tipi di cabinati arcade per Street Fighter, entrambi rivoluzionari per il tempo: uno presentava tre pulsanti per i differenti tipi di pugni e tre per i calci (standard poi utilizzato nei successivi videogiochi della serie), mentre la seconda tipologia prevedeva due pulsanti con tecnologia pneumatica, uno per i pugni ed uno per i calci, che riconosceva il tipo di attacco da sferrare per velocità e potenza in base alla pressione esercitata dal giocatore sul tasto.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Giocabili[modifica | modifica wikitesto]

  • Giappone Ryu (giocatore 1)
  • Stati Uniti Ken (giocatore 2)

Avversari[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i temi musicali si devono a Yoshihiro Sakaguchi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ KLOV
  2. ^ (JA) All About Capcom Head-to-Head Fighting Game 1987-2000, 2000, p. 10, ISBN 4-88554-676-1.
  3. ^ (EN) This Week's Downloadable Lineup Truly Sparkles, su Nintendo, 2 novembre 2009.
  4. ^ a b c (EN) Rus McLaughlin, IGN Presents the History of Street Fighter, su IGN, 16 febbraio 2009.
  5. ^ (EN) Chris Baker, It’s time to celebrate 30 years of Street Fighter, su Red Bull, 13 novembre 2017.
  6. ^ a b (EN) Aleksander Gilyadov, Hadouken: A History of Street Fighter, su CGMagazine, 21 maggio 2016.
  7. ^ a b (EN) Gavin Jasper, Street Fighter: Making Sense of the Story, su Den of Geek, 17 dicembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi