Simona Bonafè

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Simona Bonafé)
Jump to navigation Jump to search
Simona Bonafè
Simona Bonafè daticamera.jpg

Europarlamentare
Legislature VIII, IX
Gruppo
parlamentare
S&D
Circoscrizione Circoscrizione Italia centrale
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVII (fino al 25/6/2014)
Coalizione Italia. Bene Comune
Circoscrizione Lombardia 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
La Margherita (2002-2007)
Titolo di studio Liceo linguistico
Università Università Cattolica del Sacro Cuore
Professione giornalista

Simona Bonafè (Varese, 12 luglio 1973) è una politica italiana, eurodeputata per il Partito Democratico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iscritta a La Margherita dal 2002, è stata assessore all'ambiente del comune di Scandicci dal giugno del 2004, confermata poi dopo le elezioni del 2009.[1]

Insieme a Maria Elena Boschi e Sara Biagiotti è stata una delle tre coordinatrici della campagna di Matteo Renzi per le primarie del centrosinistra del 2012.[2]

Alle elezioni politiche italiane del 2013 è stata eletta deputata nella Circoscrizione Lombardia 2, dimettendosi quindi da assessore.[1]

Nell'aprile del 2014 viene candidata alle elezioni europee come capolista del Partito Democratico nella Circoscrizione Italia centrale (che raccoglie le regioni Toscana, Umbria, Marche e Lazio).[3] Ottenendo 288 674 preferenze,[4] risulta il candidato più votato in Italia per numero di preferenze ottenute in una singola circoscrizione per questa tornata elettorale.[5]

Il 14 ottobre del 2018 viene eletta Segretaria Regionale del Partito Democratico della Toscana, vincendo le Primarie con il 63,2% dei voti.[6]

Alle elezioni europee del 2019 viene ricandidata capolista per il PD nel Centro e risulta prima degli eletti con 169.408 voti.[7] Attualmente è vicepresidente del S&D nonché responsabile degli affari parlamentari e delle relazioni interistituzionali.[8]

Attività parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Al Parlamento Europeo è membro titolare della Commissione Ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare e membro sostituto della Commissione Industria, Ricerca ed Energia. Fa parte della Delegazione Parlamentare per le relazioni con la Repubblica Popolare Cinese[9] . Ha promosso la costituzione dell'Intergruppo "Investimenti sostenibili e di lungo termine e industria europea competitiva" dove ricopre il ruolo di co-presidente.[10]

Nel settembre del 2019 viene eletta vicepresidente del gruppo S&D (Socialisti e democratici) al Parlamento europeo.[11]

Nel corso della sua prima legislatura è stata relatrice per il Parlamento Europeo delle quattro direttive sull'economia circolare che sono state approvate nella sessione plenaria di aprile 2018.[12] È inoltre relatrice per il Parlamento del Regolamento sulle Prescrizioni minime per il riuso dell'acqua.[13] Per il Gruppo S&D, di cui è membro, è stata relatrice dei seguenti provvedimenti: direttiva sui sacchetti di plastica, risoluzione "Strategia della plastica", regolamento "Riduzione gas a effetto serra nei settori del trasporto, delle costruzioni, dei rifiuti, e della piccola industria", regolamento per l'etichettatura dell'efficienza energetica, regolamento "Istituzione di un quadro che favorisce gli investimenti sostenibili", risoluzione "Procedure di autorizzazione dei pesticidi nell'UE". Nel 2018 è stata membro titolare della Commissione Speciale sulla procedura di autorizzazione dei pesticidi da parte dell'Unione [14].

Nel 2016 riceve il "MEP Award" come europarlamentare dell'anno per la categoria Ambiente.[15]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • “Senza è peggio - perché l'Europa serve”,[16] Rubbettino editore, 2019

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simona Bonafé, Gruppo PD Camera dei deputati. URL consultato il 23 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2014).
  2. ^ David Allegranti, Pd, il cerchio magico di Matteo Renzi, tutti i fedelissimi dell'uomo che vuole rifondare il Partito Democratico, L'Huffington Post, 22 aprile 2013. URL consultato il 23 marzo 2014.
  3. ^ Redazione Tiscali, Renzi: "Il Pd candida 5 donne capolista alle Europee: Mosca, Moretti, Bonafè, Picierno, Chinnici", tiscali.it, 9 aprile 2014. URL consultato il 10 marzo 2015.
  4. ^ Europee del 25 Maggio 2014 - Circoscrizione III : ITALIA CENTRALE - PARTITO DEMOCRATICO, in Archivio Storico delle Elezioni, Ministero dell'Interno. URL consultato il 10 marzo 2015.
  5. ^ Europee, Bonafè (Pd) è la più votata. Elette Mussolini, Picierno e Matera, in Corriere della Sera, 26 maggio 2013. URL consultato il 26 maggio 2013.
  6. ^ PD Toscana » Primarie 2018. Simona Bonafè nuova segretaria del Pd toscano. I risultati definitivi, PD TOSCANA. URL consultato il 17 ottobre 2018.
  7. ^ Speciale Elezioni Ue: liste, candidati ed eletti in Italia - repubblica, su elezioni.repubblica.it. URL consultato il 28 maggio 2019.
  8. ^ Iratxe García e Simona Bonafè: “Il Programma di lavoro della Commissione può funzionare solo se finanziato adeguatamente”., su Socialists & Democrats. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  9. ^ 9ª legislatura | Simona BONAFÈ | Deputati | Parlamento Europeo, Parlamento Europeo. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  10. ^ Sustainable, Long Term Investment and European Competitive Industry, Cece. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  11. ^ Redazione ANSA, Bonafè eletta vicepresidente Gruppo S&D all'Eurocamera, in Ansa, 11 settembre 2019.
  12. ^ L'economia circolare per superare l'usa e getta, in Il Sole 24 Ore, 3 maggio 2018. URL consultato il 19 settembre 2018.
  13. ^ Parlamento Europeo, https://www.europarl.europa.eu/meps/it/124814/SIMONA_BONAFE/main-activities/reports#mep-card-content. URL consultato il 9 aprile 2019.
  14. ^ 8ª legislatura | Simona BONAFÈ | Deputati | Parlamento Europeo, Parlamento Europeo. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  15. ^ Bonafè e Caputo vincono premio eurodeputati dell'anno 2016, in ANSA, 17 marzo 2016. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  16. ^ Senza è peggio | Simona Bonafè | Rubbettino Editore, in Rubettino Editore. URL consultato il 3 marzo 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]