Sere nere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sere nere
FerroSereNereVideo.jpg
Screenshot tratto dal videoclip del brano
Artista Tiziano Ferro
Tipo album Singolo
Pubblicazione 7 novembre 2003
Durata 4 min : 24 s
Album di provenienza 111 Centoundici
Genere Pop soul
Power ballad
Pop
Etichetta EMI
Produttore Alberto Salerno
Mara Maionchi
Registrazione 2003
Kaneepa Studio
Padova
Formati CD
Download digitale
Certificazioni
Dischi di platino Italia Italia (3)[1]
(vendite: 150 000+)
Spagna Spagna
(Vendite: 60.000+)
Tiziano Ferro - cronologia
Singolo precedente
(2003)
Singolo successivo
(2004)

Sere nere è una canzone del cantante Tiziano Ferro. È il secondo singolo estratto il 7 novembre 2003 dall'album 111 Centoundici del 2003.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

La canzone viene tradotta in lingua spagnola con il titolo Tardes negras.

Il brano Sere nere viene utilizzato come colonna sonora del film Tre metri sopra il cielo.

Il singolo del brano esce in CD soltanto in Spagna e Germania. Sere nere rimane in vetta alla classifica degli Airplay radiofonici in Italia per 9 settimane. Inoltre è il singolo più programmato di sempre dalle radio italiane in una settimana.

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Nel video, di Sere nere, girato completamente in bianco e nero, si vede Tiziano Ferro passeggiare per le strade di Trieste, nel rione di Roiano. Sui muri dello stabilimento Stock s.p.a. e sull'asfalto di via dei Giaginti sono scritti alcuni versi delle sue canzoni. Gran parte del video è inoltre stato girato nel Caffè San Marco, famoso caffè letterario triestino situato in Via Cesare Battisti.

Il video è girato da Paolo Monico.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CDS - Sere nere (Italia)
  1. Sere nere
CDS - Tardes negras (Spagna)
  1. Tardes negras (Album version)
  2. Perverso (Melodica fremix Spanish vocal)
  3. Perverso (Original extended version)
CDS - Sere nere (Germania)
  1. Sere nere (Radio edit)
  2. Sere nere (Album version)
  3. Perverso (Melodica remix)
  4. Perverso (Original extended version)
Download digitale
  1. Sere nere
  2. Tarde negra
  3. Sere nere-Tardes negras (duetto con Liah)

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sere nere viene inserita in versione Live nell'album Italia Loves Emilia. Il concerto del 2012 (audio e video).

Sere nere viene inserita nella compilation Radio Italia Gold del 2009.

Nel 2014 Sere Nere è stata inserita anche nella raccolta TZN - The Best of Tiziano Ferro.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2003/04) Posizione
massima
Belgio (Vallonia)[2] 4
Germania[2] 77
Italia 1
Paesi Bassi[2] 99
Spagna[3] 8
Stati Uniti (latin songs)[4] 14
Svizzera[2] 32

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Sere Nere-Tardes negra
Artista Liah
Featuring Tiziano Ferro
Tipo album Singolo
Pubblicazione 25 luglio 2005
Durata 3 min : 59 s
Album di provenienza Perdas e Ganhos
Genere Pop
Pop rock
Etichetta EMI
Registrazione 2005
Formati CD
Download digitale
Liah - cronologia
Singolo precedente
Tarde Demais
(2005)
Singolo successivo
Perdas e Ganhos
(2005)
Tiziano Ferro - cronologia
Singolo precedente
(2004)
Singolo successivo
(2006)

Nel 2005 la cantante brasiliana Liah realizza una cover di Sere nere in duetto con Tiziano Ferro.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Il brano viene intitolato Sere nere/Tardes negra, è in versione italo-portoghese e in duetto con Tiziano Ferro.

Il brano è il 2° singolo estratto dall'album Perdas e Ganhos di Liah. La canzone ha raggiunto la # 1 della Hot 100 Brasil.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

BRA CD Single
  1. Sere nere/Tarde negra - Radio Edit
  2. Sere nere/Tarde negra - DJ Malboro Remix
  3. Sere nere/Tarde negra - Extend Version

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Chart (2005) Peak
position
Brasile - Hot 100 1
Brasile - Hit Parade 9

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Certificazioni dei singoli in Italia – Tiziano Ferri – Sere Nere, Federazione Industria Musicale Italiana.Selezionare "Online" e compilare il campo "Scegli la sezione". Selezione settimana -- e anno ----. Digitare Tiziano Ferro nel campo "Artista", quindi premere "Avvia la ricerca".
  2. ^ a b c d Tiziano Ferro - Perdono, Ultratop. URL consultato il 16 luglio 2011.
  3. ^ (ES) Spanish Top 20 Singles and Maxisingles – 06/2004 (PDF), Productores de Música de España. URL consultato l'8 marzo 2015.
  4. ^ (EN) Nielsen Business Media, Inc, Tiziano Ferro Album & Song Chart History – Latin Songs, Billboard. URL consultato l'8 marzo 2015.


musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica