Russell Maryland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Russell Maryland
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 185 cm
Peso 140 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Defensive tackle
Squadra Ritirato
Carriera
Giovanili
Miami Hurricanes
Squadre di club
1991 - 1995 Dallas Cowboys
1996 - 1999 Oakland Raiders
2000 Green Bay Packers
Statistiche aggiornate al 07/08/2012

Russell James Maryland (Chicago, 22 marzo 1969) è stato un giocatore di football americano, di nazionalità statunitense, che ha gioca nel ruolo di defensive tackle per dieci stagioni nella National Football League (NFL). Fu scelto come primo assoluto nel Draft NFL 1991 dai Dallas Cowboys. Al college ha giocato a football coi Miami Hurricanes.

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

Maryland al college giocò con gli Hurricanes dell'Università di Miami con cui riuscì a conquistare due titoli nazionali, nel 1987 e nel 1989. Nel 1990, dopo aver fatto registrare 96 tackle e 10,5 sack vinse l'Outland Trophy, il premio per il miglior giocatore della linea difensiva dei college.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Maryland fu la prima scelta assoluta dei Dallas Cowboys nel Draft NFL 1991[1], dopo che la prevista prima scelta Raghib Ismail decise di firmare coi Toronto Argonauts della Canadian Football League[2]. Anche se i Cowboys non avevano avuto il peggior record della lega quell'anno, essi scambiarono le proprie scelte del draft coi New England Patriots per giungere al primo posto. In cinque stagioni coi Cowboys, Maryland vinse ben tre Super Bowl.

Nel 1996, Maryland passò agli Oakland Raiders, con cui rimase fino al 1999, prima di spendere il suo decimo e ultimo anno di carriera coi Green Bay Packers.

Vittorie e premi[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Tackle totali 375
Intercetti fatti 1
Fumble forzati 9

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 1991 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato l'11 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 27 december 2013).
  2. ^ (EN) "When Rocket Skips, Lineman Soars to Top", su nytimes.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]