Ratko Rudić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ratko Rudić
Ratko Rudić kolovoz 2012.jpg
Ratko Rudić, 2012
Nazionalità Jugoslavia Jugoslavia fino al 1991
Croazia Croazia dal 1992
Altezza 188 cm
Peso 87 kg
Pallanuoto Water polo pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex giocatore)
Squadra Pro Recco
Ritirato 1981 (come giocatore)
Hall of fame Int. Swimming Hall of Fame (2007)
Carriera
Squadre di club1
1963-1971 Jadran Herceg Novi Jadran H.N.
1971-1981 Partizan
Nazionale
1968-1980 Jugoslavia Jugoslavia 297
Carriera da allenatore
1981-1984 Jugoslavia Jugoslavia giovanili
1984-1989 Jugoslavia Jugoslavia
1991-2000 Italia Italia
2001-2005 Stati Uniti Stati Uniti
2005-2013 Croazia Croazia
2013-2016 Brasile Brasile
2018- Pro Recco
Palmarès
Olimpiadi 4 1 1
Campionati mondiali 3 0 3
Campionati europei 0 1 2
Per maggiori dettagli vedi qui
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 agosto 2011

Ratko Rudić (Belgrado, 7 giugno 1948) è un ex pallanuotista e allenatore di pallanuoto croato, fino al 1992 jugoslavo, inserito nel 2007 nella International Swimming Hall of Fame per essere stato "uno dei migliori, se non il migliore, allenatore di pallanuoto che abbia mai calcato il bordo piscina"[1].

Carriera da giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Da giocatore militò nello Jadran (Spalato) e nel Partizan (Belgrado)[2], con il quale vinse 8 titoli nazionali e due titoli europei (nel 1974 e nel 1975)[1], e nella Jugoslavia, per la quale disputò 297 partite[1].

Indossando la calottina della nazionale, Rudić vinse due medaglie di bronzo (1970 e 1974) e una d'argento (1977) ai campionati europei, una medaglia di bronzo (1973) ai campionati mondiali e un argento alle Olimpiadi del 1980[1].

Convocato ininterrottamente per le Olimpiadi dal 1968 al 1980, fu costretto a rinunciare alle edizioni del 1968 e del 1976 a causa di alcuni infortuni[1]. Oltre all'edizione del 1980, in compenso, disputò anche quella del 1972, scendendo in vasca in 9 partite e segnando 7 gol[2].

Carriera da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Fu però la carriera da allenatore a valergli un posto nella storia dello sport: sulle panchine di Jugoslavia, Italia, Stati Uniti e Croazia vinse quattro ori olimpici, tre titoli mondiali e tre europei, diventando così l'allenatore di pallanuoto più titolato della storia[1].

Jugoslavia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1981, subito dopo essersi ritirato, esordì sulla panchina della selezione juniores della Jugoslavia, con la quale conquistò una medaglia d'argento sia nei campionati europei sia nei mondiali di categoria[1]. Nel 1984 passò alla guida della nazionale maggiore, convocando fra le sue file molti giocatori di quella selezione juniores come Perica Bukić, Igor Milanović e più tardi Aleksandar Šoštar, Dubravko Šimenc e Mirko Vičević[1]. Sulla panchina slava restò fino al 1991, guidando la squadra attraverso quello che fu considerato un periodo d'oro[1]: in quegli anni la Jugoslavia vinse due ori olimpici (1984 e 1988), un titolo mondiale (1986), una Coppa del Mondo (1987) e due medaglie d'argento agli europei (1985 e 1987)[1].

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991 passò alla guida della nazionale italiana, con la quale collezionò 445 presenze[3] e si aggiudicò il Grande Slam della pallanuoto: medaglia d'oro alle Olimpiadi del 1992, ai Mondiali del 1994, agli Europei del 1993 e del 1995 e nella Coppa del Mondo del 1993[1]. Sulla panchina dell'Italia si aggiudicò inoltre due medaglie d'argento nella Coppa del Mondo (1995 e 1999), un bronzo alle Olimpiadi del 1996 e agli Europei del 1999.

Il periodo come commissario tecnico della nazionale italiana, però, si concluse con l'ignominia: al termine del quarto di finale delle Olimpiadi del 2000 perso dall'Italia contro l'Ungheria, fu coinvolto in una rissa[4] che gli costò un anno di squalifica[5] e l'esonero[6].

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

L'anno successivo fu chiamato alla guida della nazionale statunitense, con l'obiettivo di traghettarla verso le Olimpiadi del 2008[1]. Con gli USA Rudić vinse meno che con le squadre precedenti: le uniche due medaglie furono un oro ai Giochi Panamericani del 2003 e un bronzo nella World League dello stesso anno.

L'esperienza sulla panchina statunitense, però, si concluse prima del previsto. Nel 2005, infatti, la Federazione croata lo richiamò in patria e Rudić non seppe rifiutare la panchina della nazionale del suo Paese[1].

Croazia[modifica | modifica wikitesto]

Anche con la Croazia Rudić iniziò subito a vincere: alla prima occasione utile, ai Mondiali del 2007, vinse l'oro, al quale seguirono due bronzi (nel 2009 e nel 2011). Nel 2010, inoltre, vinse anche i campionati europei, ospitati quell'anno proprio dalla Croazia. Nel 2012 vince un altro oro olimpico a Londra battendo in rimonta la Nazionale italiana guidata dal suo allievo ed ex giocatore Sandro Campagna.

Brasile[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 accettò l'offerta della Confederação Brasileira de Desportos Aquáticos di allenare la nazionale di pallanuoto maschile del Brasile in vista dei Giochi della XXXI Olimpiade a Rio de Janeiro nel 2016 venendo eliminato ai quarti dalla sua Croazia. Invece alla World League 2015 è arrivato terzo vincendo la finalina contro gli Stati Uniti contro cui ha poi perso la finale dei Giochi panamericani a luglio.

Pro Recco[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 giugno del 2018 diventa l'allenatore della Pro Recco; è la sua prima esperienza da allenatore in una squadra di club.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Partizan: 1972, 1973, 1974, 1975, 1976, 1977, 1978, 1979
Partizan: 1973, 1974, 1975, 1976, 1977, 1979
Partizan: 1974-75, 1975-76

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Jugoslavia: Mosca 1980
Jugoslavia: Belgrado 1973
Jugoslavia: Jönköping 1977
Jugoslavia: Barcellona 1970, Vienna 1974

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Jugoslavia: Los Angeles 1984, Seul 1988
Italia: Barcellona 1992
Croazia: Londra 2012
Italia: Atlanta 1996
Jugoslavia: Madrid 1986
Italia: Roma 1994
Croazia: Melbourne 2007
Croazia: Roma 2009, Shanghai 2011
Jugoslavia: Barcellona 1983
Jugoslavia: Salonicco 1987
Italia: Atene 1993
Italia: Atlanta 1995, Sidney 1999
Croazia: Oradea 2010
Croazia: Almaty 2012
Croazia: Podgorica 2009
Stati Uniti: New York 2003
Croazia: Niš 2010, Firenze 2011
Italia: Sheffield 1993, Vienna 1995
Croazia: Zagabria 2010
Jugoslavia: Sofia 1985, Strasburgo 1987
Italia: Firenze 1999
Stati Uniti: Santo Domingo 2003
Jugoslavia: Santa Cruz de Tenerife 1984

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) Ratko Rudic (YUG/ITA/USA/CRO), su ishof.org. URL consultato il 1-8-2011.
  2. ^ a b (EN) Ratko Rudić Biography and Olympic Results, su sports-reference.com. URL consultato il 1-8-2011.
  3. ^ Via alla World League. Silipo diventa l'azzurro più azzurro di sempre, in www.federnuoto.com, 26 giugno 2003. URL consultato il 20 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2012).
  4. ^ Andrea Galdi, E adesso traballa la panchina di Rudic, in La Repubblica, 30 settembre 2000. URL consultato il 1º agosto 2011.
  5. ^ Stangata su Ratko Rudic. Un anno di squalifica, in La Repubblica, 30 settembre 2000. URL consultato il 1º agosto 2011.
  6. ^ La pallanuoto caccia Rudic, in Corriere della Sera, 23 novembre 2000. URL consultato il 1º agosto 2011 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]