Pietro Calistri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Calistri
30 ottobre 1914 – 28 aprile 1945
Nato aVerona
Morto aDongo
Cause della morteFucilazione
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Repubblica Sociale Italiana Repubblica Sociale Italiana
Forza armataRegia Aeronautica
Aeronautica Nazionale Repubblicana
SpecialitàCaccia
Unità32ª Squadriglia
72ª Squadriglia caccia
75ª Squadriglia caccia
Anni di servizio1936-1945
GradoCapitano
GuerreGuerra civile spagnola
Seconda guerra mondiale
Comandante di76ª Squadriglia caccia, VII Gruppo, 54º Stormo
3ª Squadriglia "Dante Ocarso", 1º Gruppo caccia "Asso di bastoni"
Decorazionivedi qui
Notedati tratti da Ricordato il capitano Pietro Calistri[1]
voci di militari presenti su Wikipedia

Pietro Calistri (Verona, 30 ottobre 1914Dongo, 28 aprile 1945) è stato un militare italiano. Pilota pluridecorato della Regia Aeronautica combatté durante il secondo conflitto mondiale aderendo, in seguito all'armistizio dell'8 settembre 1943, all'Aeronautica Nazionale Repubblicana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Verona il 30 ottobre 1914, da una famiglia[2] originaria di San Martino al Cimino, in provincia di Viterbo.[1] Dopo aver conseguito la maturità classica a Udine nell'anno scolastico 1935-1936,[3] Il 5 settembre 1935 entrò nella Regia Aeronautica come Allievo Ufficiale pilota di complemento, ottenendo il brevetto di pilota il 9 marzo 1936 e quello di pilota militare il 25 luglio dello stesso anno presso la Scuola Caccia situata sull'aeroporto di Aviano.[1] Divenuto Sottotenente di complemento Ruolo Naviganti viene assegnato al 1º Stormo Caccia Terrestre di Campoformido. Nel 1937 parte per la Spagna, dove infuria la guerra civile. Presta servizio nella 32ª Squadriglia del VI Gruppo Caccia, comandata dal Maggiore Ernesto Botto. Al rientro dalla penisola iberica, il 9 giugno 1938, viene promosso Sottotenente[4] in Servizio Permanente Effettivo (S.P.E.) per merito di guerra. Il 21 marzo 1939 ottiene la promozione a Tenente.[4]

La seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

All'entrata in guerra dell'Italia, il 10 giugno 1940, prestava servizio presso la 72ª Squadriglia caccia del 21º Gruppo, entrata subito in azione sul Mediterraneo centrale e su Malta.[4] Proprio 35 miglia a ovest dell'isola, il 17 giugno, conseguì la sua prima vittoria aerea abbattendo un aerosilurante Fairey Swordfish. Trasferito alla 75ª Squadriglia caccia del 23º Gruppo Autonomo Caccia,[5] dal 15 dicembre 1940 al 6 febbraio 1941 combatté in Africa settentrionale. Il 4 gennaio 1941 conseguì la sua seconda vittoria aerea, abbattendo un caccia Hawker Hurricane vicino a Bardia, e il sei dello stesso mese ottenne la promozione a Capitano.

Nell'autunno del 1941 assunse il comando[6] della 377ª Squadriglia[7] Autonoma,[8] equipaggiata con i monoplani da caccia Reggiane Re.2000,[8] basata sull'aeroporto di Trapani Milo.[9] Compito di tale squadriglia consisteva nell'uso operativo del velivolo prodotto dalla Reggiane, acquisito in pochi esemplari dalla Regia Aeronautica, al fine di valutarne le caratteristiche tecniche, ed in particolare i serbatoi alari nelle ali.[8]

Durante i cicli di operazioni belliche sul Mediterraneo e in Africa Settentrionale fu decorato con due Medaglie d'argento al valor militare.[1] Trasferito alla 76ª Squadriglia caccia, 7º Gruppo del 54º Stormo Caccia Terrestre, operò dalle basi siciliane di Trapani, Comiso e Pantelleria venendo insignito di Medaglia di bronzo al valor militare ottenuta sul campo.[10] Nell'agosto 1942 il suo reparto iniziò ad operare dall'aeroporto di Pantelleria, e il 17 agosto abbatté un aerosilurante Bristol Beaufort del No.235 Squadron, circa 35 miglia a ovest dell'isola. Ferito in combattimento il 1º luglio 1943, viene allontanato dalle operazioni e collocato a riposo il 17 dello stesso mese.

Alla proclamazione dell'armistizio con gli anglo-americani, l'8 settembre 1943, si trovava in forza alla 2ª Zona Aerea Territoriale[1] di Padova. Dopo un iniziale sbandamento decise di rispondere all'appello lanciato dal colonnello Botto, e aderì alla Repubblica Sociale Italiana,[4] entrando a far parte della neocostituita Aeronautica Nazionale Repubblicana.[1] Posto al comando della 3ª Squadriglia "Dante Ocarso"[1] (detta "Arciere"), una delle tre che componevano il 1º Gruppo caccia "Asso di bastoni", la comandò fino al febbraio del 1944, quando dovette lasciare l'incarico per motivi di salute. Prestò successivamente servizio in una postazione radar italo-tedesca situata a Senago, come ufficiale addetto alla guida caccia fino al termine delle ostilità.[1] Il 26 aprile fu messo in libertà dal suo comando, e si aggregò ad una colonna della Luftwaffe diretta in Valtellina.[4] Il giorno 27, a tale colonna, si aggregò quella fascista che scortava Mussolini ed altri esponenti del governo della RSI. Arrestato dai partigiani dalla 52ª Brigata Garibaldi "Luigi Clerici", il giorno 28 verrà fucilato[11] a Dongo[4] insieme ad altri gerarchi fascisti, perché ritenuto il pilota personale del duce,[11] che invece era Virgilio Pallottelli.[12] Il suo corpo fu esposto a Piazzale Loreto[1] e successivamente tumulato in una fossa comune.[1] La salma venne identificata[13] nel settembre dello stesso anno, e definitivamente traslata presso il cimitero di San Martino al Cimino.[4]

Durante il ciclo di operazioni belliche, durato dal 10 giugno 1940 al 1º luglio 1943, volò a bordo dei caccia Fiat CR.42 Falco, Reggiane Re.2000 e Aermacchi C.202 Folgore, conseguendo due vittorie accertate, tre probabili.[14] e il danneggiamento di altri tre velivoli.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Comandante di squadriglia da caccia di eccezionale perizia ed ardimento, in aspri combattimenti, in mitragliamenti di mezzi meccanizzati nemici, ed in lunghi voli di ricognizione, guidava il reparto al conseguimento di brillantissime vittorie, confermando elevate qualità di combattente valoroso e di cacciatore audace. Cielo del Mediterraneo e dell'Africa settentrionale, agosto 1940-XVIII febbraio 1941-XIX.»
— 24 ottobre 1941[15]
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«In lunghe navigazioni e crociere, compiute su velivolo monomotore terrestre, su mare aperto, confermava qualità di ottimo ardito pilota. In due brillanti combattimenti, rapidamente conclusi con l'abbattimento dell'avversario, dava prova di alta capacità professionale, aggressività di cacciatore, cosciente sprezzo del pericolo in ogni contingenza.»
— Cielo di Malta, 11 giugno-31 luglio 1940-XVIII.
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
«Partecipava, quale comandante di una squadriglia da caccia, alla luminosa vittoria dell'ala d'Italia nei giorni 14-15 giugno 1942 nel Mediterraneo. Di scorta ad una nostra formazione navale, impegnata in aspro combattimento con numerose unità nemiche, guidava con abilità ed ardimento i propri gregari, assicurando il predominio del cielo della battaglia alla nostra aviazione e sventando le insidie della caccia nemica.»
— Cielo del Mediterraneo, 14-15 giugno 1942.
Croce al merito di guerra  (4) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra (4)
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Medaglia commemorativa della campagna di Spagna - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della campagna di Spagna
Medaglia di benemerenza per i volontari della campagna di Spagna - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di benemerenza per i volontari della campagna di Spagna
avanzamento per merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria avanzamento per merito di guerra

Onorificenze estere[modifica | modifica wikitesto]

Cruz de guerra (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cruz de guerra (Spagna)
— 19 maggio 1939
Medalla de la Campaña 1936-1939 (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Medalla de la Campaña 1936-1939 (Spagna)
— 19 maggio 1939
Medalla Militar Collectiva (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Medalla Militar Collectiva (Spagna)
— 19 maggio 1939

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j Aeronautica, marzo 2007, p. 29.
  2. ^ Il padre Attilio era un ufficiale.
  3. ^ Durante gli studi aveva prestato servizio militare di leva come soldato presso il Distretto Militare di Trieste, congedandosi il 23 giugno 1934.
  4. ^ a b c d e f g http://fondazionersi.org/mediawiki/index.php?title=Pietro_Calistri, su fondazionersi.org.
  5. ^ Il 23º Gruppo era al comando del tenente colonnello Tito Falconi.
  6. ^ Massimello 1998, p. 43.
  7. ^ In realtà formalmente dipendente dal 23º Gruppo.
  8. ^ a b c Massimello 1998, p. 42.
  9. ^ Poco tempo dopo fu sostituito al comando della Squadriglia dal Tenente pilota Giorgio Solaroli di Briona.
  10. ^ Consegnatagli personalmente a San Pietro di Caltagirone da Mussolini, alla presenza del Capo di stato maggiore della Regia Aeronautica, generale Rino Corso Fougier.
  11. ^ a b Massimello 1998, p. 49.
  12. ^ [1].
  13. ^ Durante una delle numerose operazioni di guerra era rimasto seriamente ferito ad una gamba da un colpo di mitragliatrice. Per ripristinare la funzionalità dell'arto i medici gli sostituirono la rotula con una d'argento, e fu da questo particolare che si poté arrivare con certezza all'identificazione della salma.
  14. ^ Un Gloster Gladiator il 26 dicembre 1940, un Hawker Hurricane il giorno dopo e un aerosilurante Bristol Beaufort il 17 agosto 1942.
  15. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n.115, 15 maggio 1942 XX.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annuario Ufficiale Delle Forze Armate Del Regno D'Italia Anno 1943. Part III Regia Aeronautica 1943, Istituto Poligrafico Dello Stato, Roma, 1943
  • Chris Dunning, Solo coraggio! La storia completa della Regia Aeronautica dal 1940 al 1943, Parma, Delta Editrice, 2000.
  • Giulio Lazzati, Stormi d'Italia - Storia dell'aviazione militare italiana, Milano, Ugo Mursia Editore, 1975, ISBN 978-88-425-4079-3.
  • Mirko Molteni, L'aviazione italiana 1940-1945 – Azioni belliche e scelte operative, Bologna, Odoya, 2012, ISBN 978-88-6288-144-9.
  • Luigi Romersa, Gli uomini della seconda guerra mondiale, Milano, Ugo Mursia Editore, 2006, ISBN 978-88-425-3531-7.
  • (EN) Brian Cull e Don Minterne, Hurricanes over Tobruk, London, Grub Street, 2006, ISBN 1-902304-11-X.

Periodici[modifica | modifica wikitesto]

  • Ricordato il capitano Pietro Calistri, in Aeronautica, No.3, Roma, Associazione Arma Aeronautica, marzo 2007, p. 29.
  • Giovanni Massimello, Su Malta col RE 2000, in Storia Militare, nº 63, Parma, Ermanno Albertelli Editore, dicembre 1998, pp. 42-49, ISSN 1122-5289 (WC · ACNP).