Max Holloway

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Max Holloway
Max holloway pic.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 180 cm
Peso 66 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Specialità Muay thai, Jiu jitsu brasiliano
Categoria Pesi piuma
Carriera
Soprannome Blessed
Lil' Evil
Combatte da Stati Uniti Waianae, Stati Uniti
Vittorie 20
per knockout 10
per sottomissione 2
per decisione 8
Sconfitte 4
per sottomissione 1
per decisione 3
 

Jerome-Max Kelii Holloway (Waianae, 4 dicembre 1991) è un lottatore di arti marziali miste statunitense.

Combatte nella divisione dei pesi piuma per la promozione statunitense UFC, nella quale è campione di categoria dal 2017; tra il 2016 e il 2017 ha detenuto anche il titolo ad interim.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

All'età di diciannove anni Holloway si dedicò alle MMA ottenendo un record di 4-0 e aggiudicandosi la settima posizione tra le migliori promesse per il Bloody Elbow's 2012 Wolrd MMA Scouting nella categoria dei pesi piuma. Il primo risultato notevole arrivò nel marzo del 2011, quando sconfisse l'ex campione Strikeforce Harris Sarimento.

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica wikitesto]

Holloway debuttò in UFC nel febbraio del 2012 sostituendo l'infortunato Ricardo Lamas per affrontare Dustin Poirier, da cui venne sconfitto per sottomissione al primo round. Al suo secondo match, disputato a giugno durante la finale di The Ultimate Fighter 15, sconfisse per decisione unanime Pat Schilling.

Ad agosto dello stesso anno si scontrò con Justin Lawrence vincendo per KO tecnico nel secondo round; successivamente affrontò Leonard Garcia il 29 dicembre all'evento UFC 155, rimpiazzando l'infortunato Cody McKenzie, e ancora una volta vinse il match per decisione non unanime. A maggio del 2013 venne sconfitto ai punti da Dennis Bermudez, mentre ad agosto sostituì Andy Ogle per poter affrontare l'irlandese Conor McGregor, che lo sconfisse per decisione unanime.

A gennaio del 2014 ritornò alla vittoria sconfiggendo il nuovo arrivato Will Chope per KO tecnico al secondo round, ottenendo anche il riconoscimento Knockout of the Night; ad aprile confisse Andre Fili sottomettendolo al terzo round. Ad agosto avrebbe dovuto affrontare Mirsad Bektić, sostituendo l'infortunato Ernest Chavez, ma Bektic venne rimosso dalla card e rimpiazzato dal nuovo arrivato Clay Collard. Holloway vinse per KO tecnico al terzo round.

Ancora una volta Holloway venne scelto come sostituto per affrontare Akira Corassani ad ottobre: l'incontro finì per KO a favore di Holloway, che ottenne il riconoscimento Performance of the Night. A febbraio del 2015 allungò la sua striscia vincente ottenendo un punteggio favorevole dai giudici contro Cole Miller. Ad aprile dovette affrontò Cub Swanson, che riuscì a sottomettere con una ghigliottina al terzo round ottenendo il suo secondo premio Performance of the Night.

Ad agosto affrontò il brasiliano Charles Oliveira vincendo l'incontro per infortunio: dopo poco più di un minuto Holloway arrestò un tentativo di takedown da parte del brasiliano e, ottenendo una posizione dominante in clinch, schiacciò involontariamente la testa di Oliveira contro la gabbia, che essendo mal posizionato estese troppo il collo provocandosi l'infortunio. Successivamente venne rivelato che Oliveira subì lo strappo dell'esofago. Holloway divenne così il più giovane lottatore ad ottenere dieci vittorie in UFC.

A dicembre allunga la sua striscia vincente sconfiggendo per decisione unanime Jeremy Stephens all'evento UFC 194; il 4 giugno 2016 affrontò Ricardo Lamas all'evento UFC 199 e Holloway ottenne un'altra vittoria per decisione unanime.

Il 10 dicembre avrebbe dovuto affrontare l'ex campione dei pesi leggeri UFC Anthony Pettis in un incontro valido per il titolo dei pesi piuma ad interim all'evento UFC 206, ma Pettis superò il limite di peso e questo gli costò la sanzione consistente nel fatto che se avesse vinto l'incontro non avrebbe comunque ottenuto la cintura. Holloway, tuttavia, riuscì a imporsi al quarto round per KO tecnico e a ottenere il suo terzo riconoscimento come Performance of the Night.

Campione dei pesi piuma UFC[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 giugno 2017, a UFC 212, Holloway affrontò il brasiliano José Aldo per unificare i titoli dei pesi piuma e riuscì a vincere per KO tecnico alla terza ripresa, ottenendo inoltre il premio Fight of the Night. Il 2 dicembre, a UFC 218, avrebbe dovuto affrontare l'ex campione Frankie Edgar, ma quest'ultimo dovette rinunciare a causa di un infortunio e venne sostituito da Aldo: Holloway riuscì a battere per la seconda volta il brasiliano ancora per KO tecnico alla terza ripresa.

L'incontro con Edgar venne quindi fissato per il 3 marzo a UFC 222, ma stavolta fu Holloway a dover rinunciare a causa di un infortunio. In seguito all'infortunio subìto da Tony Ferguson, Holloway viene scelto come avversario di Khabib Nurmagomedov per UFC 223 il 7 aprile con in palio il titolo dei pesi leggeri, ma successivamente la commissione atletica del Nevada dichiara Holloway non in grado di rientrare nel limite di peso (cosa confermata dalle condizioni dello stesso) e al suo posto viene scelto Al Iaquinta.

Torna a combattere l'8 dicembre 2018 difendendo con successo il titolo dei pesi piuma contro l'imbattuto Brian Ortega, sul quale si impone per TKO (stop medico) alla fine del quarto round. La vittoria gli vale il doppio riconoscimento Fight of the Night e Performance of the Night.

Il 13 aprile 2019 affronta per la seconda volta in carriera Dustin Poirier con in palio il titolo ad interim dei pesi leggeri: ancora una volta, tuttavia, Holloway ha la peggio e al termine dei cinque round viene dichiarato sconfitto per decisione unanime; entrambi ottengono il riconoscimento Fight of the Night.

Il 27 luglio 2019 affronta l'ex campione dei pesi leggeri Frankie Edgar in un incontro valido per il titolo dei pesi piuma; al termine dei cinque round Blessed si conferma campione imponendosi per decisione unanime.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Luogo Note
Vittoria 21-4 Stati Uniti Frankie Edgar Decisione (unanime) UFC 240: Holloway vs. Edgar 27 luglio 2019 5 5:00 Canada Edmonton, Canada Difende il titolo dei pesi piuma UFC
Sconfitta 20-4 Stati Uniti Dustin Poirier Decisione (unanime) UFC 236: Holloway vs. Poirier 2 13 aprile 2019 5 5:00 Stati Uniti Atlanta, Stati Uniti Per il titolo dei pesi leggeri UFC ad interim, Fight of the Night
Vittoria 20-3 Stati Uniti Brian Ortega KO tecnico (stop medico) UFC 231: Holloway vs. Ortega 8 dicembre 2018 4 5:00 Canada Toronto, Canada Difende il titolo dei pesi piuma UFC, Performance of the Night, Fight of the Night
Vittoria 19-3 Brasile José Aldo KO tecnico (pugni) UFC 218: Holloway vs. Aldo 2 3 dicembre 2017 3 4:51 Stati Uniti Detroit, Stati Uniti Difende il titolo dei pesi piuma UFC
Vittoria 18-3 Brasile José Aldo KO tecnico (pugni) UFC 212: Aldo vs. Holloway 3 giugno 2017 3 4:13 Brasile Rio de Janeiro, Brasile Vince e unifica il titolo dei pesi piuma UFC, Fight of the Night
Vittoria 17-3 Stati Uniti Anthony Pettis KO Tecnico (pugni) UFC 206: Holloway vs. Pettis 10 dicembre 2016 3 4:50 Canada Toronto, Canada Vince il titolo dei pesi piuma UFC ad interim, incontro catchweight (148 libbre), Performance of the Night
Vittoria 16-3 Stati Uniti Ricardo Lamas Decisione (unanime) UFC 199: Rockhold vs. Bisping 2 4 giugno 2016 3 5:00 Stati Uniti Inglewood, Stati Uniti
Vittoria 15-3 Stati Uniti Jeremy Stephens Decisione (unanime) UFC 194: Aldo vs. McGregor 12 dicembre 2015 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 14-3 Brasile Charles Oliveira KO Tecnico (infortunio al collo) UFC Fight Night: Holloway vs. Oliveira 23 agosto 2015 1 1:39 Canada Saskatoon, Canada
Vittoria 13-3 Stati Uniti Cub Swanson Sottomissione (ghigliottina) UFC on Fox: Machida vs. Rockhold 18 aprile 2015 3 3:58 Stati Uniti Newark, Colorado Performance of the Night
Vittoria 12-3 Stati Uniti Cole Miller Decisione (unanime) UFC Fight Night: Henderson vs. Thatch 14 febbraio 2015 3 5:00 Stati Uniti Broomfield, Colorado
Vittoria 11-3 Svezia Akira Corassani KO (pugni) UFC Fight Night: Nelson vs. Story 4 ottobre 2014 1 3:11 Svezia Stoccolma, Svezia Performance of the Night
Vittoria 10-3 Stati Uniti Clay Collard KO Tecnico (pugni) UFC Fight Night: Henderson vs. dos Anjos 23 agosto 2014 3 3:47 Stati Uniti Tulsa, Stati Uniti Incontro catchweight (149 libbre)
Vittoria 9-3 Stati Uniti Andre Fili Sottomissione (ghigliottina) UFC 172: Jones vs. Teixeira 26 aprile 2014 3 3:39 Stati Uniti Baltimora, Stati Uniti
Vittoria 8-3 Stati Uniti Will Chope KO Tecnico (pugni) UFC Fight Night: Saffiedine vs. Lim 4 gennaio 2014 2 2:27 Singapore Marina Bay, Singapore Knockout of the Night
Sconfitta 7-3 Irlanda Conor McGregor Decisione (unanime) UFC Fight Night: Shogun vs. Sonnen 17 agosto 2013 3 5:00 Stati Uniti Boston, Stati Uniti
Sconfitta 7-2 Stati Uniti Dennis Bermudez Decisione (non unanime) UFC 160: Velasquez vs. Bigfoot 2 25 maggio 2013 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 7-1 Stati Uniti Leonard Garcia Decisione (non unanime) UFC 155: dos Santos vs. Velasquez 2 29 dicembre 2012 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 6-1 Stati Uniti Justin Lawrence KO Tecnico (pugni) UFC 150: Henderson vs. Edgar 2 11 agosto 2012 2 4:49 Stati Uniti Denver, Stati Uniti
Vittoria 5-1 Stati Uniti Pat Schilling Decisione (unanime) The Ultimate Fighter 15 Finale 1 giugno 2012 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 4-1 Stati Uniti Dustin Poirier Sottomissione (mounted triangle armbar) UFC 143: Diaz vs. Condit 4 febbraio 2012 1 3:27 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Debutto in UFC e nei pesi piuma
Vittoria 4-0 Stati Uniti Eddie Rincon Decisione (unanime) UIC 4: War on the Valley Isle 1º luglio 2011 3 5:00 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti
Vittoria 3-0 Stati Uniti Harris Sarmiento Decisione (non unanime) X-1: Champions 3 12 marzo 2011 5 5:00 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti Vince il torneo dei pesi leggeri X-1
Vittoria 2-0 Stati Uniti Bryson Kamaka KO (pugni) X-1: Island Pride 6 novembre 2010 1 3:09 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti
Vittoria 1-0 Stati Uniti Duke Saragosa Decisione (unanime) X-1: Heroes 11 settembre 2010 3 5:00 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]