Brian Ortega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brian Ortega
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 178[1] cm
Peso 65 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Specialità Jiu jitsu brasiliano, Pugilato
Categoria Pesi piuma
Pesi leggeri
Squadra Stati Uniti Black Belt Surfing
Stati Uniti Black House MMA Gym[2]
Carriera
Soprannome T-City
Combatte da Stati Uniti Torrance, California
Vittorie 13
per knockout 2
per sottomissione 7
per decisione 4
Sconfitte 1
No contest 1
 

Brian Martin Ortega (Los Angeles, 21 febbraio 1991) è un lottatore di arti marziali miste statunitense di origini messicane.

Combatte nella divisione dei pesi piuma per la promozione statunitense UFC, dove è stato un contendente al titolo nel 2018.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica wikitesto]

Con un record di 8-0, Ortega sigla un contratto con la UFC nell'aprile 2014: avrebbe dovuto debuttare contro Diego Brandão il 31 maggio 2014 a The Ultimate Fighter: Brazil 3.[4] Tuttavia, il brasiliano si ritirò dalla sfida alcuni giorni prima dell'evento e la promozione non riuscì a trovare in tempo un suo sostituto, causando l'annullamento del match.[5]

Fece il suo debutto per la UFC il 26 luglio all'evento UFC on Fox 12 contro Mike De La Torre.[6] Benché Ortega avesse originariamente vinto via sottomissione al primo round, il risultato dell'incontro fu cambiato in "No Contest" dopo che egli fu trovato positivo al drostanolone. Ortega fu quindi multato 2.500 dollari e sospeso per un periodo di nove mesi.[7][8]

Dopo una lunga pausa, Ortega combatté Thiago Tavares il 6 giugno 2015 a UFC Fight Night 68.[9] Vinse il combattuto match via KO tecnico al terzo round,[10] oltre a ricevere il premio Fight of the Night.[11]

Ortega affrontò finalmente Diego Brandão il 2 gennaio 2016 a UFC 195.[12] Dopo essere stato messo in difficoltà dalla maggiore abilità del nemico nella fase a piedi, Ortega rimontò nell'ultimo round sottomettendo il rivale alla terza ripresa.[13]

Il 4 giugno affrontò il veterano Clay Guida in occasione dell'evento UFC 199[14]: dopo essersi trovato in difficoltà nei primi due round, Ortega andò a segno nella terza ripresa con una ginocchiata in pieno volto a soli 20 secondi dalla fine dell'incontro, vincendo quindi per KO tecnico.

Tra il 2017 e il 2018 mette insieme altre tre importanti finalizzazioni contro Renato Carneiro, l'esperto Cub Swanson e l'ex campione dei pesi leggeri UFC Frankie Edgar, portando il suo record sul 14-0: viene quindi scelto come contendente al titolo di Max Holloway e l'incontro tra i due si tiene l'8 dicembre a UFC 231. Ortega viene tuttavia battuto per KO tecnico (stop medico) alla quarta ripresa, ma ottiene il premio Fight of the Night.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Luogo Note
Sconfitta 14-1 (1) Stati Uniti Max Holloway KO tecnico (stop medico) UFC 231: Holloway vs. Ortega 8 dicembre 2018 4 5:00 Canada Toronto, Canada Per il titolo dei pesi piuma UFC, Fight of the Night
Vittoria 14-0 (1) Stati Uniti Frankie Edgar KO (pugni) UFC 222: Cyborg vs. Kunitskaya 3 marzo 2018 1 4:44 Stati Uniti Las Vegas, Nevada Performance of the Night
Vittoria 13-0 (1) Stati Uniti Cub Swanson Sottomissione (ghigliottina) UFC Fight Night: Swanson vs. Ortega 9 dicembre 2017 2 3:22 Stati Uniti Fresno, California Performance of the Night, Fight of the Night
Vittoria 12-0 (1) Brasile Renato Carneiro Sottomissione (ghigliottina) UFC 214 29 luglio 2017 3 2:59 Stati Uniti Anaheim, California Fight of the Night
Vittoria 11-0 (1) Stati Uniti Clay Guida KO (ginocchiata) UFC 199 4 Giugno 2016 3 4:40 Stati Uniti Inglewood, California
Vittoria 10-0 (1) Brasile Diego Brandão Sottomissione (triangolo) UFC 195 2 Gennaio 2016 3 1:37 Stati Uniti Las Vegas, Nevada
Vittoria 9-0 (1) Brasile Thiago Tavares KO tecnico (pugni) UFC Fight Night: Boetsch vs. Henderson 6 giugno 2015 3 4:10 Stati Uniti New Orleans, Louisiana Fight of the Night
No Contest 8-0 (1) Stati Uniti Mike de la Torre No Contest (doping) UFC on Fox: Lawler vs. Brown 26 luglio 2014 Stati Uniti San Jose, California Debutto in UFC; la vittoria per sottomissione (rear-naked choke) di Ortega venne convertita in No Contest poiché risultò positivo al drostanolone
Vittoria 8-0 Stati Uniti Keoni Koch Decisione (maggioranza) RFA 12 - Ortega vs. Koch 24 gennaio 2014 5 5:00 Stati Uniti Los Angeles, California Vince il titolo dei pesi piuma RFA
Vittoria 7-0 Stati Uniti Jordan Rinaldi Sottomissione (triangolo) RFA 9 - Munhoz vs. Curran 16 agosto 2013 3 2:29 Stati Uniti Pomona, California
Vittoria 6-0 Stati Uniti Thomas Guimond Sottomissione (triangolo) RITC 20 - Respect In The Cage 4 maggio 2013 1 4:02 Stati Uniti Pomona, California Difende il titolo dei pesi piuma RITC
Vittoria 5-0 Stati Uniti Carlos Garces Decisione (unanime) RITC 10 - Respect In The Cage 4 maggio 2013 5 5:00 Stati Uniti Pomona, California Vince il titolo dei pesi piuma RITC
Vittoria 4-0 Stati Uniti Chris Mercado Decisione (unanime) RITC 9 - Respect In The Cage 15 gennaio 2011 3 5:00 Stati Uniti Pomona, California
Vittoria 3-0 Stati Uniti Vincent Martinez Sottomissione (rear-naked choke) RITC 5 - Respect In The Cage 24 luglio 2010 1 1:54 Stati Uniti Los Angeles, California
Vittoria 2-0 Stati Uniti Brady Harrison Decisione (unanime) Gladiator Challenge - Bad Behavior 27 giugno 2010 3 3:30 Stati Uniti San Jacinto, California
Vittoria 1-0 Stati Uniti John Sassone Sottomissione (triangolo) Gladiator Challenge - Maximum Force 25 aprile 2010 1 1:48 Stati Uniti San Jacinto, California

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brian Ortega, mmajunkie.com.
  2. ^ Black House MMA Brian Ortega Profile Archiviato il 16 febbraio 2012 in Internet Archive.
  3. ^ California Birth Index
  4. ^ Ivan Raupp, Diego Brandão enfrenta o estreante Brian Ortega no TUF Brasil 3 Finale (Brazilian Portuguese), sportv.globo.com, 8 aprile 2014. URL consultato l'8 aprile 2014.
  5. ^ Guilherme Cruz, Diego Brandao injured, TUF: Brazil 3 Finale bout with Brian Ortega scratched, mmafighting.com, 19 maggio 2014. URL consultato il 19 maggio 2013.
  6. ^ Dana Becker, UFC on FOX 12 picks up Brian Ortega-Mike De La Torre, fightline.com, 12 giugno 2014. URL consultato il 12 giugno 2013.
  7. ^ C.J. Tuttle, Ex-RFA Champ Brian Ortega tests positive for anabolic steroids following UFC on Fox 12, sherdog.com, 22 agosto 2014. URL consultato il 22 agosto 2014.
  8. ^ Tristen Critchfield, Brian Ortega apologizes for failed drug test at UFC on Fox 12, sherdog.com, 23 agosto 2014. URL consultato il 23 agosto 2014.
  9. ^ Guilherme Cruz, Thiago Tavares announces fight with Brian Ortega at UFC Fight Night 68, mmafighting.com, 5 maggio 2015. URL consultato il 5 maggio 2015.
  10. ^ Damon Martin, Brian Ortega TKO's Thiago Tavares in crowd pleasing battle, foxsports.com, 6 giugno 2015. URL consultato il 6 giugno 2015.
  11. ^ Matt Erickson, UFC Fight Night 68 bonuses: Dustin Poirier gets $50,000 in front of home fans, mmajunkie.com, 7 giugno 2015. URL consultato il 7 giugno 2015.
  12. ^ Staff, Brian Ortega vs. Diego Brandao added to UFC 195 in Las Vegas, mmajunkie.com, 14 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  13. ^ Steven Marrocoo, UFC 195 results: Brian Ortega's sick jiu-jitsu leads to triangle choke of Diego Brandao, mmajunkie.com, 2 gennaio 2016. URL consultato il 2 gennaio 2016.
  14. ^ Chuck Mindenhall, Clay Guida set to clash with Brian Ortega at UFC 199, mmafighting.com, 13 aprile 2016. URL consultato il 13 aprile 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]