Dennis Bermudez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dennis Bermudez
Bermund.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 168 cm
Peso 66 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Specialità Lotta
Categoria Pesi leggeri
Pesi piuma
Squadra Stati Uniti Long Island MMA
Carriera
Soprannome The Menace
Combatte da Stati Uniti Farmingdale, Stati Uniti
Vittorie 16
per knockout 4
per sottomissione 3
Sconfitte 5
 

Dennis Ross Bermudez (Saugerties, 13 dicembre 1986) è un lottatore di arti marziali miste statunitense di origini portoricane.

Combatte nella divisione dei pesi piuma per l'organizzazione statunitense UFC; nel 2011 è stato finalista del torneo dell'undicesima stagione del reality show The Ultimate Fighter.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Dennis Ross Bermudez vanta un ottimo background nella lotta collegiale, avendo lottato nella prima divisione NCAA dove divenne un all-american.

Il suo debutto nelle MMA professionistiche è datato 2009, e tra il novembre di quell'anno e giugno 2010 ottenne sei vittorie consecutive, una di queste in un evento su suolo statunitense della promozione russa M-1 Global.

Successivamente prese parte al torneo dei pesi leggeri Shine Fights 3 Grand Prix, dove nei quarti di finale sconfisse Shannon Gugerty ma in semifinale patì la prima sconfitta in carriera per mano dell'esperto Drew Fickett.

Seguì un'ulteriore sconfitta venuta ancora una volta per sottomissione, e successivamente Bermudez venne scelto dalla prestigiosa UFC per prendere parte all'undicesima stagione del reality show The Ultimate Fighter nella categoria dei pesi piuma.

The Ultimate Fighter[modifica | modifica wikitesto]

Bermudez venne inserito nel team guidato da Jason Miller ed opposto alla squadra di Michael Bisping.

Nel primo turno Bermudez si sbarazzò del campione KOTC Jimmie Rivera per KO Tecnico; successivamente mise KO anche Stephen Bass, and in semifinale superò per sottomissione il quotato svedese Akira Corassani, raggiungendo così la finale del torneo ed ottenendo un sicuro contratto da parte dell'UFC.

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica wikitesto]

Bermudez esordì in UFC nel dicembre del 2011 giocandosi la finale del torneo dei pesi piuma contro l'aggressivo brasiliano Diego Brandão: Bermudez venne sconfitto per sottomissione durante il primo round, e fu la sua terza sconfitta consecutiva in incontri ufficiali e la terza per sottomissione; quella sera ottenne il premio Fight of the Night.

I successivi due anni andarono alla grande per Bermudez che inanellò ben cinque vittorie consecutive rispettivamente contro Pablo Garza, Tommy Hayden, Matt Grice, Max Holloway e Steven Siler, ottenendo anche un paio di premi per la miglior sottomissione della serata ed il miglior incontro della serata in due dei cinque incontri.

Nel 2014 venne opposto ad avversari di maggior spessore, ma i risultati non cambiarono in quanto Bermudez mise KO il grappler Jimy Hettes ed ottenne un'importante vittoria sul top fighter Clay Guida, nonché due riconoscimenti Performance of the Night.

La sua striscia vincente venne però interrotta da Ricardo Lamas all'evento UFC 180; quest'ultimo riuscì a stordire Bermudez con una serie di colpi al primo round, per poi chiuderlo in una poderosa ghigliottina.

A luglio patisce un'altra sconfitta da parte di Jeremy Stephens all'evento UFC 189, perdendo a pochi secondi dall'inizio del terzo round; durante la terza ripresa infatti venne colpito in pieno volto con una ginocchiata e successivamente da una serie di pugni che posero fine all'incontro.

Il 17 gennaio 2016 Bermudez avrebbe dovuto affrontare Maximo Blanco. Tuttavia, nei primi giorni di dicembre fu colpito da un'infezione allo stafilococco nello stinco e venne rimpiazzato da Luke Sanders. Dopo un recupero veloce, affrontò Tatsuya Kawajiri il 21 di febbraio, vincendo l'incontro per decisione unanime.

Ad agosto affrontò Rony Jason all'evento UFC Fight Night 92, vincendo l'incontro per decisione unanime.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Gli incontri segnati su sfondo grigio si riferiscono ad incontri di esibizione non ufficiali o comunque non validi per essere integrati nel record da professionista.

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Vittoria 16-5 Brasile Rony Jason Decisione (unanime) UFC Fight Night: Rodriguez vs. Caceres 6 agosto 2016 3 5:00 Stati Uniti Salt Lake City, Stati Uniti
Vittoria 15-5 Giappone Tatsuya Kawajiri Decisione (unanime) UFC Fight Night: Cowboy vs. Cowboy 21 febbraio 2016 3 5:00 Stati Uniti Pittsburgh, Stati Uniti
Sconfitta 14-5 Stati Uniti Jeremy Stephens KO Tecnico (ginocchiata in salto e pugni) UFC 189: Mendes vs. McGregor 11 luglio 2015 3 0:32 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Incontro Catchweight 67.81 kg
Sconfitta 14-4 Stati Uniti Ricardo Lamas Sottomissione (ghigliottina) UFC 180: Werdum vs. Hunt 15 novembre 2014 1 3:18 Messico Città del Messico, Messico
Vittoria 14-3 Stati Uniti Clay Guida Sottomissione (rear naked choke) UFC on Fox: Lawler vs. Brown 26 luglio 2014 2 2:57 Stati Uniti San Jose, Stati Uniti
Vittoria 13-3 Stati Uniti Jimy Hettes KO Tecnico (ginocchiata e pugni) UFC 171: Hendricks vs. Lawler 15 marzo 2014 3 2:57 Stati Uniti Dallas, Stati Uniti
Vittoria 12-3 Stati Uniti Steven Siler Decisione (unanime) UFC: Fight for the Troops 3 6 novembre 2013 3 5:00 Stati Uniti Fort Campbell, Stati Uniti
Vittoria 11-3 Stati Uniti Max Holloway Decisione (non unanime) UFC 160: Velasquez vs. Bigfoot 2 25 maggio 2013 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 10-3 Stati Uniti Matt Grice Decisione (non unanime) UFC 157: Rousey vs. Carmouche 23 febbraio 2013 3 5:00 Stati Uniti Anaheim, Stati Uniti
Vittoria 9-3 Stati Uniti Tommy Hayden Sottomissione (ghigliottina) UFC 150: Henderson vs. Edgar II 11 agosto 2012 1 4:43 Stati Uniti Denver, Stati Uniti
Vittoria 8-3 Stati Uniti Pablo Garza Decisione (unanime) UFC on Fox: Diaz vs. Miller 5 maggio 2012 3 5:00 Stati Uniti East Rutherford, Stati Uniti
Sconfitta 7-3 Brasile Diego Brandão Sottomissione (armbar) The Ultimate Fighter 14 Finale 3 dicembre 2011 1 4:51 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Torneo dei Pesi Piuma TUF 14, Finale
Vittoria NU Svezia Akira Corassani Sottomissione (ghigliottina) The Ultimate Fighter 14 9 novembre 2011 1 3:12 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Torneo dei Pesi Piuma TUF 14, Semifinale
Vittoria NU Stati Uniti Stephen Bass KO Tecnico (pugni) The Ultimate Fighter 14 12 ottobre 2011 2 2:58 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Torneo dei Pesi Piuma TUF 14, Secondo turno
Vittoria NU Stati Uniti Jimmie Rivera KO Tecnico (pugni) The Ultimate Fighter 14 21 settembre 2011 2 1:40 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Torneo dei Pesi Piuma TUF 14, Primo turno
Sconfitta 7–2 Stati Uniti Jordan Rinaldi Sottomissione (rear naked choke) PAFC 4 20 novembre 2010 1 2:13 Stati Uniti Harrisburg, Stati Uniti
Sconfitta 7–1 Stati Uniti Drew Fickett Sottomissione (rear naked choke) Shine Fights 3: 2010 Lightweight Grand Prix 10 settembre 2010 1 2:02 Stati Uniti Newkirk, Stati Uniti Torneo dei Pesi Leggeri SF, Semifinale
Vittoria 7–0 Stati Uniti Shannon Gugerty Decisione (unanime) Shine Fights 3: 2010 Lightweight Grand Prix 10 settembre 2010 3 5:00 Stati Uniti Newkirk, Stati Uniti Torneo dei Pesi Leggeri SF, Quarti di finale
Vittoria 6–0 Stati Uniti Joey Carroll Decisione (unanime) PAFC 3 26 giugno 2010 3 5:00 Stati Uniti Harrisburg, Stati Uniti
Vittoria 5–0 Stati Uniti Kevin Roddy Decisione (unanime) M-1 Selection 2010: The Americas Round 1 3 aprile 2010 3 5:00 Stati Uniti Atlantic City, Stati Uniti
Vittoria 4–0 Stati Uniti Jeremiah Gurley KO Tecnico (pugni) Deathroll MMA: There's Gonna Be A Fight Tonight 2 12 marzo 2010 1 1:55 Stati Uniti Monessen, Stati Uniti
Vittoria 3–0 Brasile Marcos Maciel KO Tecnico (pugni) PAFC 2 7 febbraio 2010 1 2:57 Stati Uniti Harrisburg, Stati Uniti
Vittoria 2–0 Stati Uniti Jimmy Seipel Sottomissione (ghigliottina) Asylum FL 25 6 febbraio 2010 2 0:41 Stati Uniti Filadelfia, Stati Uniti
Vittoria 1–0 Stati Uniti Chris Connor KO Tecnico (pugni) PAFC 1 6 novembre 2009 1 4:01 Stati Uniti Harrisburg, Stati Uniti
Vittoria NU Stati Uniti George Taylor Sottomissione (rear naked choke) Operation Octagon 8 15 agosto 2009 1 2:49 Stati Uniti Manassas, Stati Uniti

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]