Massimo Teodori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Teodori

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VIII, IX e X
Gruppo
parlamentare
Partito Radicale
Circoscrizione Lazio (VIII e IX), Liguria (X)
Collegio Roma (VIII, IX) e Genova (X)
Incarichi parlamentari
  • Componente della Giunta delle Elezioni dal 6 luglio 1979 all'11 luglio 1983, dal 19 luglio 1983 al 1º luglio 1987 e dal 23 luglio 1987 al 14 giugno 1990
  • Componente della 8a Commissione (Istruzione e Belle Arti) dall'11 luglio 1979 all'11 luglio 1983 e dal 1º dicembre 1984 al 18 febbraio 1986
  • Componente della Commissione Parlamentare d'inchiesta sul Caso Sindona e sulle responsabilità politiche ed amministrative ad esso eventualmente connesse dal 18 settembre 1980 al 27 ottobre 1982
  • Componente della Commissione Parlamentare d'inchiesta sulla loggia massonica P2 dal 17 novembre 1982 all'11 luglio 1983 e dal 12 agosto 1983 al 1º luglio 1987
  • Componente della Giunta Provvisoria delle Elezioni dal 12 luglio 1983 al 19 luglio 1983
  • Componente della 1a Commissione (Affari Costituzionali) dal 7 ottobre 1986 al 1º luglio 1987 e dal 4 agosto 1987 al 14 giugno 1990
  • Componente della 2a Commissione (Interni) dal 12 luglio 1983 al 1º dicembre 1984 e dal 18 febbraio 1986 al 7 ottobre 1986
  • Componente della Commissione Parlamentare sul fenomeno della Mafia dal 2 aprile 1986 al 1º luglio 1987
  • Componente dei Membri dell'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa dal 15 marzo 1984 al 1º luglio 1987
  • Segretario dell'Ufficio di Presidenza dal 19 maggio 1988 al 14 giugno 1990
  • Componente della Delegazione Parlamentare Italiana presso le assemblee del Consiglio d'Europa e della UEO dal 9 novembre 1989 al 14 giugno 1990
  • Componente del Comitato Parlamentare per i procedimenti di accusa dal 19 gennaio 1989 al 14 giugno 1990
  • Componente della Commissione Parlamentare d'inchiesta sul terrorismo in Italia e sulle cause della mancata individuazione dei responsabili delle stragi dal 13 luglio 1988 al 14 giugno 1990
  • Componente del Comitato per gli Affari del Personale dal 22 ottobre 1987 al 14 giugno 1990
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature X legislatura
Gruppo
parlamentare
Federalista Europeo Ecologista
Coalizione Socialisti-socialdemocratici, Verdi e Radicali
Circoscrizione Liguria
Collegio Genova
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Radicale
Titolo di studio Dottore in architettura
Professione storico, professore universitario

Massimo Teodori (Force, 9 settembre 1938) è uno storico, politico, scrittore e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Militante politico nelle organizzazioni giovanili (Gioventù liberale) e universitarie (Unione Goliardica Italiana) diviene ben presto dirigente del Partito Radicale di cui è stato uno dei fondatori nel 1956 e dei rifondatori nel 1963. Deputato eletto nelle liste del Partito Radicale nel 1979 e ancora nel 1983 e nel 1987, si distingue in parlamento per alcune battaglie sui diritti civili e contro la corruzione. Nel 1980 tenne uno dei più lunghi discorsi della storia parlamentare italiana parlando per 16 ore e 15 minuti contro le leggi di emergenza[1].

Durante il periodo di militanza nel Partito Radicale, tra il 1972 e il 1989, è stato tra i promotori dei numerosi referendum proposti dal partito.

Nel 1991, dopo essersi dimesso dalla Camera dei deputati, diviene senatore della Repubblica eletto da una coalizione formata da socialisti, socialdemocratici, radicali e verdi. Nel 1992 insieme ad altri esponenti culturali promuove una lista nazionale denominata "Sì Referendum" guidata da Massimo Severo Giannini che tuttavia non raggiunge il quorum per eleggere rappresentanti in parlamento.

Nel 1994 si candida come capolista della Lista Marco Pannella per la camera per il proporzionale, ma la lista non raggiunge il quorum richiesto del 4%[2].

Nel 2001 è candidato nella lista di Forza Italia, come indipendente, alla Camera dei deputati nel collegio di Cinisello Balsamo; ma viene eletto il candidato de L'Ulivo Marco Fumagalli.[3][4]. Nelle successive elezioni fa dichiarazioni di astensionismo.

È membro delle commissioni di inchiesta degli anni ottanta, "Caso Sindona", "P2", "Antimafia" e della "Commissione Stragi e terrorismo" e redige relazioni di minoranza che divengono importanti strumenti documentari per chi vuole conoscere l'Italia del malaffare.

Nel 2011 fonda "Libera Italia, Associazione nazionale della democrazia laica, liberale e socialista" di cui è presidente.

Attività accademica e giornalistica[modifica | modifica wikitesto]

Massimo Teodori, Marco Pannella ed Elio Vito alla manifestazione antiproibizionista a Roma 1989

Pur essendo laureato in architettura nel 1964, con i professori Bruno Zevi e Ludovico Quaroni, è stato chiamato come professore incaricato nel 1971 ad insegnare "Storia americana" all'università di Lecce. È stato per quasi tre decenni, dal 1979 al 2007 (anno in cui si dimette dall'incarico), professore ordinario di "Storia e istituzioni degli Stati Uniti" quale titolare della cattedra presso la facoltà di scienze politiche dell'Università di Perugia. Ha insegnato anche "Politica italiana contemporanea" alla Luiss di Roma (1977-1981) e alla Johns Hopkins University di Bologna (1975-1977). Negli Stati Uniti ha tenuto corsi e seminari presso la University of California, la Columbia University e l'Università di Harvard.

È stato in passato editorialista di alcuni quotidiani e riviste di diffusione nazionale come il manifesto, L'Indipendente, La Voce, Il Messaggero, Il Giornale, Il Mondo, Panorama, Epoca. Attualmente scrive sui quotidiani Corriere della Sera e Il Sole 24 Ore-domenicale e sul settimanale L'Espresso, oltre a tenere una rubrica sulla rivista Prima Comunicazione.

Dal 2005 al 2007 è stato presidente della Fondazione Italia USA. Autore di oltre trenta volumi di storia contemporanea e americana e di sociologia politica pubblicati in diversi paesi, ha vinto numerosi premi quali il premio Saint Vincent per il giornalismo, il premio Stresa e il premio Ignazio Silone. È stato insignito, primo tra gli italiani, della Menorah d'oro per avere lanciato l'Israele Day.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Libro bianco su il Partito Radicale e le altre organizzazioni della sinistra (a cura, con A. Bandinelli e S. Pergameno), Ediz. radicali 1967.
  • Architettura e città in Gran Bretagna, Cappelli, Bologna 1967.
  • America Radicale, Bramante editrice, Milano, 1969.
  • La nuova sinistra americana, Feltrinelli, Milano, 1970.
  • Note sulla "nuova rivoluzione americana" , Milella, Lecce, 1973.
  • La fine del mito americano. Saggio sulla storia, la politica e la società USA dal 1960 al 1970, Feltrinelli, Milano, 1975.
  • Per l'alternativa, Dal partito del mutamento al progetto socialista, Feltrinelli, Milano, 1975.
  • Storia delle nuove sinistre in Europa, Mulino, Bologna, 1976.
  • Italia e America dalla grande guerra a oggi (a cura, con Gian Giacomo Migone e Giorgio Spini), Marsilio, Padova, 1976.
  • Pluralismo, appunti (coll.), Rai, Roma, 1976.
  • I nuovi radicali, storia e sociologia di un movimento politico (con P.Ignazi e Angelo Panebianco), Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1977.
  • Radicalism in contemporary Age (coll), Columbia University Press, New York, 1977.
  • L'antagonista radicale (a cura), Edizioni radicali, 1978.
  • Radicali o qualunquisti? (con F.Corleone, A.Panebianco, L. Strik Lievers), Savelli, Roma, 1978.
  • Eurocomunismo, mito o realtà (collettaneo), Mondadori, Milano, 1978.
  • La banda Sindona. Storia di un ricatto: DC, Vaticano, Bankitalia, P2, Mafia, servizi segreti, Gammalibri, Milano, 1982.
  • Arcana dominationis e arcana seditionis, tipogr. Abete, Roma, 1985.
  • P2: la controstoria, Sugarco, Milano, 1986.
  • Democrazia, parlamento, Mass media, (coll), Senato Repubblica, 1986.
  • No alla legge sulla droga repressiva, illiberale, ingiusta (a cura), Gruppo federalista europeo, Roma, 1989.
  • Misteri, Montecitorio, Malaffare, prefazione di Ernesto Galli della Loggia, Il Fenicottero, Bologna, 1991.
  • Costituzione italiana e modello americano. Memorandum per la riforma dello Stato, postfazione di Fabio Luca Cavazza, Sperling & Kupfer, Milano, 1992.
  • Come voterai. Tutto quello che devi sapere per capire le nuove proposte di riforma elettorale, Stampa alternativa, Roma, 1993.
  • Ladri di democrazia. Dalla P2 a tangentopoli. Il malaffare politico che ha portato alla fine della Repubblica, Pironti, Napoli, 1994.
  • Una nuova Repubblica? Il voto e la riforma elettorale, il tramonto dei partiti, la questione del governo nella democrazia e l'alternanza, pref. di A. Panebianco, Sperling & Kupfer, Milano, 1994.
  • Marco Pannella. Un eretico liberale nella crisi della Repubblica, Marsilio, Padova, 1996.
  • Il sistema politico americano, Tascabili Newton, Roma, 1996.
  • Storia degli Stati Uniti d'America, Tascabili Newton, Roma, 1996.
  • L'anticomunismo democratico in Italia. Liberali e socialisti che non tacquero su Stalin e Togliatti, Liberal-libri, Firenze, 1998.
  • Soldi e partiti. Quanto costa la democrazia in Italia?, Ponte alle grazie, Milano, 1999.
  • Maledetti americani. Destra, sinistra e cattolici: storia del pregiudizio antiamericano, pref. di Sergio Romano, Mondadori, 2002.
  • Benedetti Americani. Dall'Alleanza Atlantica alla Guerra contro il terrorismo, Mondadori, Milano.
  • L'Europa non è l'America. L'Occidente di fronte al terrorismo, Mondadori, Milano, 2004.
  • Raccontare l'America. Due secoli di orgogli e pregiudizi, Oscar saggi Mondadori, Milano, 2005.
  • Laici. L'imbroglio italiano, Marsilio, Venezia, 2006. Laicismo e laicità. L'imbroglio di una falsa contrapposizione. http://www.filosofia.it/pagine/argomenti/Laicita/Laicitalaicismo_falsa_contrapposizione_MTeodori.PDF
  • Nicola Matteucci, liberale scomodo, Luiss Univ.Press, Roma, 2007.
  • Storia degli Stati Uniti e il sistema politico americano, Newton & Compton, Roma, 2008.
  • Storia dei laici nell'Italia clericale e comunista, Marsilio Venezia, 2008.
  • Contro i clericali. Dal divorzio al testamento biologico:la grande sfida dei laici, Longanesi, Milano,2009.
  • Pannunzio.Dal 'Mondo' al Partito radicale:vita di un intellettuale del Novecento, Mondadori, Milano, 2010.
  • Philip Godgift (pseudonimo), I 99 giorni che travolsero il Cavaliere,Fazi, Roma,2011.
  • Risorgimento laico. Gli inganni clericali sull'Unità d'Italia, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2011
  • Complotti. Come i politici ci ingannano (con Massimo Bordin), Venezia, Marsilio, 2014.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal sito di Radio Radicale
  2. ^ Risultati elettorali su legxiv.camera.it
  3. ^ Corriere della Sera - Centrosinistra, si ripete la frana del 94, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 25 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2011).
  4. ^ Sito elettorale Massimo Teodori candidato della Casa delle Libertà 2001, su massimoteodori.com. URL consultato il 25 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2001).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9928623 · ISNI (EN0000 0001 0868 9816 · SBN IT\ICCU\RAVV\003914 · BNF (FRcb12375703k (data)