Massimo Bordin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massimo Bordin alla premiazione del Premiolino 2009

Massimo Bordin (Roma, 18 agosto 1951Roma, 17 aprile 2019) è stato un giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da giovane aderì alla IV Internazionale e fu per anni un convinto trotskista e prima di approdare a Radio Radicale fece esperienza radiofonica a Radio Città Futura, insieme a Giulio Savelli e Renzo Rossellini. Direttore di Radio Radicale dal 1991 al 31 luglio 2010, curava dal lunedì al venerdì Stampa e Regime, la rassegna stampa dedicata ai temi politici della giornata. Il programma era introdotto dal Requiem di Mozart[1], e fu trasmesso per qualche tempo anche in video da RED TV.

Il 9 luglio 2010 annunciò le sue dimissioni dalla direzione di Radio Radicale, per insanabili divergenze con il suo editore di riferimento, Marco Pannella. Continuerà comunque a lavorare per la testata per la quale, per anni, sarebbe stato interlocutore di Marco Pannella nella conversazione domenicale con il leader radicale.

Insieme alla giornalista Fiamma Nirenstein condusse Mediorientale, rubrica che ogni sette giorni presentava un'intervista su questioni mediorientali. Curò lo Speciale Giustizia e la rubrica America Sociale, con Giovanna Pajetta.

Il 17 aprile 2019 Radio Radicale diede l'annuncio della sua morte[2][3]. Da tempo Bordin era affetto da un tumore ai polmoni[4].

Premio Massimo Bordin per giornalismo e informazione giudiziaria[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 aprile 2019 l'Unione delle Camere Penali ha deciso di istituire un premio intitolato a Massimo Bordin, da assegnare ogni anno, d'intesa con l'Osservatorio per l'Informazione Giudiziaria UCPI, al giornalista o alla testata giornalistica che si sarà maggiormente distinta per correttezza e completezza della informazione fornita su casi e vicende giudiziarie, con particolare riguardo al concreto rispetto della dignità delle persone coinvolte e del principio costituzionale di presunzione di non colpevolezza.[5]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2009 vinse il Premiolino, sezione radio, con la seguente motivazione: " il collega che da anni ci sveglia ogni mattina con le sue puntuali, professionali e graffianti rassegne stampa, cesellando i fatti con opinioni di rara acutezza libertaria ".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lutto a Radio Radicale: morto lo storico direttore Massimo Bordin, su TGcom, 17 aprile 2019. URL consultato il 19 aprile 2019 (archiviato il 18 aprile 2019).
  2. ^ Alessio Falconio, L'annuncio della scomparsa di Massimo Bordin, su Radio Radicale, 17 aprile 2019. URL consultato il 17 aprile 2019.
  3. ^ Filmato audio (IT) È morto Massimo Bordin;: il ricordo di Emma Bonino per la voce di Radio Radicale, su YouTube, Notizie.it, 17 aprile 19. URL consultato il 20 aprile 19.
  4. ^ Morto Massimo Bordin, storica voce di Radio Radicale, su Repubblica.it, 17 aprile 2019.
  5. ^ 'Premio Massimo Bordin per giornalismo e Informazione giudiziaria', su www.camerepenali.it. URL consultato il 20 aprile 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315249393 · ISNI (EN0000 0004 4768 0146 · SBN IT\ICCU\IEIV\050082 · LCCN (ENno2012128697 · WorldCat Identities (ENlccn-no2012128697