Leslie Caron

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leslie Caron nel film Lili (1953)

Leslie Caron (Boulogne-Billancourt, 1º luglio 1931) è una ballerina e attrice francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di una danzatrice franco-americana, Margeret Petit e del farmacista Claude Caron. Mentre il fratello maggiore Aimery seguì le orme paterne diventando un chimico, l'educazione di Leslie seguita dalla madre. A 9 anni iniziò a studiare danza classica e a 16 anni faceva già parte del Ballet des Champs Elysées di Roland Petit, dove diventò prima ballerina in opere importanti come Le jeune homme et la mort di Jean Cocteau.

Il cinema[modifica | modifica wikitesto]

Il famoso ballerino statunitense Gene Kelly la vide a Parigi proprio e la scelse per interpretare al suo fianco il musical Un americano a Parigi (1951) per il ruolo da protagonista. L'attrice inizialmente designata, Cyd Charisse aveva infatti dovuto rinunciare al ruolo in quanto in attesa di un figlio. La lavorazione non fu facile per la Caron, non parlava inglese e non aveva confidenza con la macchina da presa inoltre era costretta a ballare sul suolo di cemento. Grazie al successo di questo film la casa di produzione Metro Goldwin Mayer le propose un contratto a lungo termine, fortunatamente non solo in altri musical. Tra i film di questo periodo si possono segnalare Lili del (1953) con Mel Ferrer; 'Papà gambalunga del (1955) nel quale duetta con Fred Astaire ma soprattutto Gigi del (1958) in cui recita e canta con Louis Jourdan e Maurice Chevalier altri due attori francesi affermatisi ad Hollywood. Tra i film non musicali vanno invece segnalati La casa del corvo del 1951, L'uomo che capiva le donne del 1959, La stanza a forma di L del 1962.

Ricevette due nomination agli Academy Award come migliore attrice protagonista, nel 1953 per il ruolo di Lili Daurier in Lili e nel 1964 per il ruolo di Jane Fosset in La stanza a forma di L.

Il suo ultimo film hollywoodiano fu Il gran lupo chiama a fianco di Cary Grant, in seguito si trasferì in Europa preferendo la famiglia o film più intimisti come L'uomo che amava le donne diretto da Francois Truffaut o Contratto diretto da Krzystof Zanussi.

Tra i pochi protagonisti dell'era dei musical della MGM che continuò ancora a recitare, nel 2000 ad esempio apparve in Chocolat, diretto da Lasse Hallstrom. Le sue più recenti apparizioni sono state in un episodio dell'ottava serie di Law & Order: Unità vittime speciali, Il ricordo (2007), e in una puntata della serie poliziesca francese Jo (2012), accanto a Jean Reno. Nel 2016 viene chiamata per fare parte del cast della serie TV britannica I Durrell - La mia famiglia e altri animali.

Il teatro[modifica | modifica wikitesto]

La Caron lavorò anche a teatro. Nel 2010 recitò nel ruolo di Madame Armfeldt nel musical A Little Night Music di Stephen Sondheim.

I matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Leslie Caron si sposò quattro volte. Dal settembre 1951 al 1954 con George Hormel II, nipote del fondatore della Hormel, una società di confezionamento della carne; dal 1956 al 1965 con Peter Hall, regista e direttore teatrale inglese. Nonostante la nascita di due figli, Christopher John Hall divenuto produttore televisivo e Jennifer Carol Hall, una scrittrice, il matrimonio finì con un divorzio che fece epoca, il marito infatti intentando la causa davanti ai giudici indicò l'attore Warren Beatty corresponsabile della fine del matrimonio tanto che dovette anche pagare parte delle spese processuali. I due avevano infatti avuto una breve ma intensa relazione alcuni anni prima Gli altri matrimoni furono dal 1969 al 1980 con Michael Laughlin; infine con il regista Paul Magwood.

Negli anni novanta si occupò di un ristorante albergo "Auberge la Lucarne aux Chouettes" a Villeneuve-sur-Yonne.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Leslie Caron nel trailer di Fanny (1961)

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN19675478 · LCCN: (ENn81139205 · ISNI: (EN0000 0001 1439 1151 · GND: (DE132926008 · BNF: (FRcb11895253w (data)