La TV delle ragazze - Gli Stati Generali 1988-2018

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La TV delle ragazze - Gli Stati Generali 1988-2018
TVragazze2018.jpg
PaeseItalia
Anno2018
Generecommedia, satirico
Edizioni1
Puntate4
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreSerena Dandini
IdeatoreSerena Dandini, Valentina Amurri, Linda Brunetta
RegiaPiergiorgio Camilli
Rete televisivaRai 3

La TV delle ragazze - Gli Stati Generali 1988-2018 è un programma televisivo italiano comico-satirico condotto da Serena Dandini, in onda su Rai 3 in prima serata dall'8 novembre 2018, remake dello storico programma della rete La TV delle ragazze a 30 anni dalla messa in onda.

Il programma[modifica | modifica wikitesto]

La trasmissione vuole ricordare quello originale a 30 anni esatti dalla messa in onda, ritrasmettendo alcuni degli sketch più divertenti dell'epoca ma soprattutto raccontando cosa è successo all'universo femminile durante gli ultimi 30 anni. Il sottotitolo deriva dalla scena che ricorda gli Stati Generali pre-rivoluzione francese. Il programma comprende monologhi, interviste, dibattiti, imitazioni e storie che hanno come filo conduttore il racconto in chiave comica e ironica dell'odierna condizione femminile e della società di oggi. Protagoniste dei vari sketch del programma le Ragazze Storiche (Angela Finocchiaro, Sabina Guzzanti, Carla Signoris, Francesca Reggiani, Cinzia Leone, Maria Amelia Monti, Tosca D'Aquino, Syusy Blady, Lella Costa, Iaia Forte, Orsetta De Rossi, Eleonora Danco) a cui si affiancano le Ragazze di Oggi (Martina Dell'Ombra, Michela Giraud, Le Sbratz (Serena Tateo, Laura Grimaldi, Guia Scognamiglio), Cristina Chinaglia, Annagaia Marchioro, Emanuela Fanelli, Serena Tateo)[1]; completano il cast le "spalle maschili" Massimo Ghini, Paolo Camilli ed Emanuele Martorelli con la rivista Starmale.

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Puntata Data Ospiti Telespettatori Share
1 8 novembre 2018 Simone Di Pasquale, Bruno Voglino, Paola Cortellesi, Isabella Ragonese, TheMaschilisti, Emma Bonino, Elena Ioli (insegnante di fisica recatasi in Antartide con altre 77 donne da 24 paesi diversi), Geppi Cucciari[2] 1.332.000 5,97%[3]
2 15 novembre 2018 Rita Pelusio, Malika Ayane, Fiorenza De Bernardi, Sonia Bergamasco, Michela Murgia, Brunori Sas con un videomessaggio della madre Mariastella Giacomantonio, Alba Rohrwacher, Cinzia Pennesi (direttrice d'orchestra), The Pills, Isabella Ragonese[4] 1.214.000 5,88%[5]
3 22 novembre 2018 Loredana Bertè, Lilli Gruber, Vittoria Puccini, Zoe Roversi (figlia di Syusy Blady e Patrizio Roversi), The Pills, Isabella Ragonese, Carlotta Natoli, Neri Marcorè 1.307.000 6,04%[6]
4 29 novembre 2018 Amalia Ercoli Finzi (prima donna italiana a laurearsi in ingegneria aerospaziale), Cassandra Fox (danzatrice del ventre), Simone Montedoro, Federica Angeli, Isabella Ragonese, Simone Di Pasquale, Luca Barbarossa, Carolina Crescentini, Anna Foglietta, Fabio Troiano, The Pills, Lucia Ocone, Corrado Guzzanti 1.377.000 6,42%[7]

Recensioni della critica[modifica | modifica wikitesto]

Il programma ha ricevuto diverse recensioni molto positive dalla stampa generalista e specializzata, venendo definito "programma potente che scivola bene e che dà lezioni di satira e TV come 30 anni fa"[2]; "programma che miscela ingredienti semplici, come l'intelligenza, l'educazione, l'irresistibile umorismo per un prodotto croccante ma alla portata di tutti"[8]; "programma che pur non reggendo il confronto con l'originale di 30 anni prima ha dato prova di un certo dinamismo sul fronte satirico, grazie ai contributi del cast orchestrato dalla conduttrice, per la quale gli anni di assenza dal piccolo schermo non si sono fatti sentire"[9].

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

La seconda puntata viene criticata dal senatore Simone Pillon, in quanto l'attrice Angela Finocchiaro, rivolgendosi nel corso del programma a una platea di bambine avrebbe dichiarato che "Gli uomini sono tutti pezzi di merda", e alla domanda da parte di una bambina se lo fosse anche il suo papà, avrebbe risposto "Soprattutto il tuo papà".[10]

Pillon dichiara che "Dire a un bambino che il suo papà – o la mamma – è un "pezzo di m..." è vera e propria violenza psicologica" e annuncia che chiederà spiegazioni alla Rai sulla vicenda nonché le scuse della Finocchiaro.[11]

Prima della messa in onda, l'attrice Alessandra Casella (componente del cast della trasmissione originale) lamentò di essere l'unica delle componenti storiche del varietà satirico a non essere stata coinvolta nel remake.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RAI3: LA TV DELLE RAGAZZE - GLI STATI GENERALI 1988-2018, in Rai - Ufficio Stampa. URL consultato il 19 novembre 2018.
  2. ^ a b Tremate, la Tv delle Ragazze è tornata! (e dà lezioni di satira e tv come 30 anni fa), su tvblog.it. URL consultato il 19 novembre 2018.
  3. ^ Ascolti italiani di giovedì 8 novembre 2018, su antoniogenna.com. URL consultato il 24 novembre 2018.
  4. ^ La Tv delle Ragazze non si siede sugli allori e confeziona una seconda puntata diversa dal debutto: Finocchiaro e Guzzanti in stato di grazia, su tvblog.it. URL consultato il 21 novembre 2018.
  5. ^ Ascolti italiani di giovedì 15 novembre 2018, su antoniogenna.com. URL consultato il 24 novembre 2018.
  6. ^ Ascolti italiani di giovedì 22 novembre 2018, su antoniogenna.com. URL consultato il 24 novembre 2018.
  7. ^ Ascolti italiani di giovedì 29 novembre 2018, su antoniogenna.com. URL consultato il 30 novembre 2018.
  8. ^ La Tv delle ragazze e quella lezione che non abbiamo imparato, in L'Espresso. URL consultato il 19 novembre 2018.
  9. ^ La tv delle ragazze: impossibile replicare l'irriverenza d'un tempo, su davidemaggio.it. URL consultato il 19 novembre 2018.
  10. ^ Il senatore Pillon contro La Tv delle ragazze per «gli uomini pezzi di m****», in Giornalettismo, 16 novembre 2018. URL consultato il 18 novembre 2018.
  11. ^ Rai3, Pillon (Lega), da Angela Finocchiaro parole vergognose, chieda scusa - AGV, in AGV. URL consultato il 18 novembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione