Emanuela Fanelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Emanuela Fanelli (Roma, 6 luglio 1986) è un'attrice e comica italiana.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Emanuela Fanelli inizia la sua carriera a teatro da adolescente. Esordisce al cinema nel 2015 con Non essere cattivo di Claudio Caligari, a cui fanno seguito altre pellicole: Gli ultimi saranno ultimi e Beata ignoranza di Massimiliano Bruno, Assolo di Laura Morante, La casa di famiglia di Augusto Fornari e A mano disarmata di Claudio Bonivento. Nel 2016 è stata Cinzia, protagonista femminile della serie tv Dov'è Mario? prodotta da Wildside per Sky Uno, al fianco di Corrado Guzzanti.

Ha vinto una serie di riconoscimenti, tra cui la menzione speciale come miglior attrice e come miglior monologo premiata da Carlo Verdone, Daniele Luchetti e Lina Wertmüller vincendo il contest del festival romano di cinema Ciak, si Roma! Nove giorni di grandi interpretazioni.[2]

Nel 2014 ha ricevuto il 48h Film Project come miglior attrice per il suo ruolo nel cortometraggio Un film d'amore.[2] Nel 2018 e nel 2020 ha partecipato con due suoi monologhi in due programmi di Serena Dandini, rispettivamente La TV delle ragazze - Gli Stati Generali 1988-2018 con il monologo Andrà tutto bene e Stati generali con il monologo Il Cerbiatto. Dal 2016 lavora in radio al fianco di Lillo & Greg nel programma 610 di Rai Radio 2 in cui interpreta vari personaggi.[3][4] Nel 2019 è stata una dei protagonisti del programma tv Battute? su Rai 2 e la protagonista del videoclip Immigrato, brano di Checco Zalone pubblicato per promuovere l'uscita nelle sale cinematografiche del suo film Tolo Tolo.

Dal 2020 prende parte al programma Una pezza di Lundini con Valerio Lundini, in onda dal 7 settembre 2020 su Rai 2. Nel 2021 partecipa alla terza serata del Festival di Sanremo 2021 in qualità di ospite per la serata cover al fianco de Lo Stato Sociale, Francesco Pannofino e i lavoratori del mondo dello spettacolo con il brano Non è per sempre degli Afterhours. È stata la madrina della cerimonia di premiazione del Torino Film Festival 2021.[5] Viene in seguito scelta come conduttrice per 60 sul 2, programma celebrativo per i sessant'anni di Rai 2.[6]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Un film d'amore (2014)
  • Cose dell'altro mondo (2017)
  • Biagio - Una storia vera (2019)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 - 48h Film Project come miglior attrice per Un film d'amore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Attori, Agenzia, Casting, Audizioni - RBCasting, su rbcasting.com. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  2. ^ a b https://www.ilsussidiario.net/autori/emanuele-ambrosio, EMANUELA FANELLI CHI E'/ L'attrice premiata da Carlo Verdone e Lina Wertmuller (La tv delle Ragazze), su ilsussidiario.net, 29 novembre 2018. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  3. ^ Emanuela Fanelli, su mymovies.it. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  4. ^ ‘610 LIVE’ in Sala A con Lillo, Greg, Alex Braga & The Frigidaires, su rai.it. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  5. ^ Torino Film Festival, vince "Between two dawns"., su torinoggi.it, 4 dicembre 2021.
  6. ^ Chi è Emanuela Fanelli? Chi è il suo fidanzato? Cosa sappiamo della biografia e della sua vita privata, su NonSolo.TV, 16 dicembre 2021. URL consultato il 16 dicembre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]