Kobane Calling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kobane Calling
fumetto
Kobane Calling.jpg
Copertina del volume completo (aprile 2016 della BAO Publishing)
Lingua orig. italiano
Paese Italia
Autore Zerocalcare
Editore Internazionale srl
1ª edizione 19 gennaio 2015
Albo unico
Genere umoristico, reportage

Kobane Calling è un fumetto dell'autore italiano Zerocalcare. Una parte dell'opera è stata pubblicata nel gennaio del 2015 sul settimanale Internazionale.

L'opera è un reportage in forma grafica del viaggio che ha portato l'autore al confine tra la Turchia e la Siria a pochi chilometri dalla città assediata di Kobanê, tra i difensori curdi del Rojava, opposti alle forze dello Stato Islamico.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Quando senti RATATATA, è ISIS
Quando senti TUM.TUM.TUM. siamo noi»

« E SBOOOM?»

«SBOOOM dipende.
Fuoco e poi SBOOOM è americani.
SBOOOM e basta è ISIS »

(Kobane Calling, Zerocalcare[2])

Nella prima parte del fumetto Zerocalcare racconta i motivi che lo hanno spinto nella piccola cittadina di Mehser, al confine turco-siriano, a poca distanza dalla città assediata di Kobanê, simbolo dell'agognata indipendenza della regione del Rojava, a maggioranza curda, contro le forze dello Stato Islamico.[2][3][4]

Il disegnatore racconta con umorismo gli esiti dell'annuncio, fatto ai genitori, della sua partenza verso Kobanê con un gruppo di volontari romani per supportare la resistenza curda e narrare obiettivamente il conflitto con testimonianze di prima mano. L'arrivo e la permanenza sono quindi tratteggiati nelle vignette con umorismo e digressioni tipiche dello stile di Zerocalcare ma con spirito critico verso le contraddizioni con cui internazionalmente vengono condotti gli interventi bellici e un fortissimo coinvolgimento emotivo verso le persone e i volontari conosciuti.[2][3]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Con il cuore a Kobane - Sommario n. 1085, su Internazionale, 16-22 gennaio 2015. URL consultato il 20 giugno 2015.
  2. ^ a b c Zerocalcare
  3. ^ a b Gennaro Costanzo, Kobane Calling (Internazionale 1085), su Comicus.it, 15 gennaio 2015. URL consultato il 20 giugno 2015.
  4. ^ Loris Cantarelli, Kobane Calling, su Linkiesta.it, 19 gennaio 2015. URL consultato il 20 giugno 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti