Kelly McGillis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Kelly Ann McGillis (Newport Beach, 9 luglio 1957) è un'attrice statunitense, candidata al Golden Globe nel 1986 per il film Witness - Il testimone.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini inglesi, scozzesi, irlandesi e tedesche, Kelly Ann McGillis nasce a Newport Beach, in California, il 9 luglio 1957 dalla casalinga Joan e dal medico Donald McGillis.[1] Ha due sorelle minori: Karen (nata nel luglio 1959) e Kathleen (nata nell'agosto 1961).[2] Il suo sogno è sempre stato quello della recitazione, e l'attrice cerca di realizzarlo entrando a far parte della Juilliard School di New York: qui partecipa al dramma Love for Love di William Congreve, diretto da John Blatchley.

Nel 1977 si iscrive all'Accademia d'arte drammatica del Pacifico, e nel 1983 ottiene la sua prima parte di rilievo al cinema con Reuben, Reuben. Dopo aver partecipato a due serie televisive, torna sul grande schermo in Witness - Il testimone (1985), in cui interpreta una giovane vedova amish. Per calarsi nella parte, vive per una settimana nella comunità amish della Pennsylvania.

Dopo aver ricevuto la candidatura al Golden Globe, si fa notare nel 1986 in Top Gun, accanto a Tom Cruise. Altri ruoli importanti per la sua carriera sono quelli in Sotto accusa (1988), Gente del Nord (1989) di Ted Kotcheff, L'isola dell'amore (1991), da lei anche prodotto, e A prima vista (1999). La sua partecipazione in Oltre ogni rischio di Abel Ferrara (1989) la consacra come una delle sex symbol di fine anni ottanta, anche perché appare in scena con «scollature vertiginose come la strada dello Stelvio» (definizione di Morando Morandini).

Non è l'unico ruolo sexy della sua carriera: in La maschera di scimmia (2000) interpreta la professoressa Diana Maitland, perversa insegnante universitaria di una ragazza uccisa che intraprende una relazione lesbica con la detective che si occupa del caso. Una delle sue ultime interpretazioni è Nessuno può sentirti, film horror del 2001.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Similmente a quanto avviene nel suo film Sotto accusa (dove però la vittima è impersonata da Jodie Foster), Kelly McGillis è stata realmente vittima di uno stupro.[3] Ha due matrimoni (e due divorzi) alle spalle: il primo con Boyd Black, durato dal 1979 al 1981, e il secondo con il venditore di yacht Fred Tillman, dal 1989 al 2002 e dal quale ha avuto due figlie: Kelsey Lauren (1990) e Sonora Ashley (1993). Attualmente l'attrice è anche proprietaria del Kelly's, ristorante situato a Key West, Florida. Nell'aprile 2009, durante un'intervista, ha pubblicamente rivelato la propria omosessualità.[4]

Nel 2010, McGillis ha stipulato un'unione civile con Melanie Leis, dirigente delle vendite di Philadelphia. Lei e McGillis si erano incontrati nel 2000 quando Leis era una barista al Kelly's Caribbean Bar Grill & Brewery a Key West, in Flor che McGillis possedeva con il suo allora marito Fred Tillman.

McGillis lavorava a tempo pieno con tossicodipendenti e alcolisti al Seabrook House Drug Alcohol Rehab Center, un centro di riabilitazione a Bridgeton, nel New Jersey, quando lei e Leis condividevano una casa a Collingswood.

McGillis vive a Hendersonville, North Carolina. A partire dal 2013, ha insegnato recitazione presso il New York Studio for Stage and Screen NYS3 ad Asheville, North Carolina.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Kelly McGillis è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kelly McGillis Biography (1957-), su filmreference.com, Film Reference.com. URL consultato il 13 luglio 2009.
  2. ^ (EN) Biography for Kelly McGillis, su imdb.com. URL consultato il 13 luglio 2009.
  3. ^ Memoir of a Brief Time in Hell, in People Magazine, 14 novembre 1988.
  4. ^ (EN) Kelly McGillis Says She's Gay on SheWired's 'Girl Rock', su shewired.com, She Wired.com, 30 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2009).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54341504 · ISNI (EN0000 0001 2133 6775 · LCCN (ENn85138226 · GND (DE141217014 · BNE (ESXX1491996 (data) · BNF (FRcb13985891b (data) · J9U (ENHE987007397123005171 (topic) · CONOR.SI (SL72703331 · WorldCat Identities (ENlccn-n85138226