A prima vista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A prima vista
Titolo originale At First Sight
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1999
Durata 129 min
Rapporto 1,85:1
Genere sentimentale
Regia Irwin Winkler
Soggetto Oliver Sacks
Sceneggiatura Steve Levitt
Produttore Rob Cowan, Roger Paradiso, Irwin Winkler
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer
Distribuzione (Italia) Metro-Goldwyn-Mayer, UIP Distribuzione
Fotografia John Seale
Montaggio Julie Monroe
Effetti speciali Jennifer Law-Stump, Jeff Wells
Musiche Mark Isham
Scenografia Jane Musky
Costumi John A. Dunn
Trucco Leonard Engelman, Kathy Jeung, Rosemary Zurlo
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

A prima vista (At First Sight) è un film del 1999 diretto da Irwin Winkler, e interpretato da Val Kilmer e Mira Sorvino.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Virgil è un massofisioterapista in una clinica termale. Amy è un architetto in carriera che s'innamora di lui e vuole che riacquisti la vista che aveva perso all'età di tre anni a causa di una grave malattia agli occhi. Trova via Internet un bravo oculista e lo convince all'operazione nonostante l'opposizione della sorella che lo ha allevato dopo la scomparsa dei genitori. L'operazione riesce ma Virgil si trova completamente a disagio nel mondo dei colori e della parola scritta. I problemi aumentano quando si profila un ritorno alla cecità totale.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il film si basa su una storia vera, quella di Virgil Adamson, narrata da Oliver Sacks nel racconto “Vedere e non vedere”, raccolto nel volume Un Antropologo su Marte, che narra di un uomo di 45 anni divenuto cieco all'età di tre anni circa, a seguito di una malattia.

Il fatto che vedesse ancora alcune luci fece pensare ai medici che i problemi di Virgil non fossero causati da una retinite pigmentosa che aveva intaccato completamente le sue potenzialità visive, bensì fossero conseguenti alla persistenza di due spesse cataratte. L'operazione che fu fatta (dapprima sull'occhio destro) confermò tale ipotesi. Infatti, una volta rimosse le cataratte e sostituito il cristallino con uno artificiale, Virgil riprese a vedere.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema