Jahlil Okafor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jahlil Okafor
Jahlil Okafor 2015 Summer League.jpg
Jahlil Okafor nel 2015
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 211 cm
Peso 118 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Centro
Squadra N. Orleans Pelicans
Carriera
Giovanili
Whitney M. Young Magnet High School
2014-2015Duke Blue Devils
Squadre di club
2015-2017Philadelphia 76ers105 (1.528)
2017-2018Brooklyn Nets26 (166)
2018- N. Orleans Pelicans 0 (0)
Nazionale
2011Stati Uniti Stati Uniti U-16
2012Stati Uniti Stati Uniti U-17
2013Stati Uniti Stati Uniti U-19
Palmarès
Transparent.png Campionati mondiali Under-17
Oro Lituania 2012
Transparent.png Campionati mondiali Under-19
Oro Rep. Ceca 2013
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 agosto 2018

Jahlil Okafor (Chicago, 15 dicembre 1995) è un cestista statunitense, attualmente in forza ai New Orleans Pelicans.

È cugino alla lontana di Emeka Okafor, anch'egli cestista.[1][2]

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Philadelphia 76ers (2015-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 giugno 2015 vemne selezionato come terza scelta assoluta nel Draft NBA 2015 dai Philadelphia 76ers.[3] Dopo aver debuttato con 20 punti nella Summer League il 6 luglio, il giorno seguente gli venne fatto firmare dai 76ers un contratto di 2 anni, con una team option per due anni ulteriori. Debuttò con la franchigia della Pennsylvania contro i Boston Celtics il 28 ottobre mettendo a referto 26 punti, 7 rimbalzi e 2 stoppate, registrando però anche 8 palle perse.[4] Quella sera i Sixers giocarono solamente con giocatori di età inferiore ai 24 anni o con meno di tre anni di esperienza in NBA. I primi di novembre fu fermato sul Benjamin Franklin Bridge, ponte tra Philadelphia e Camden, mentre viaggiava con la sua auto a 108 mph (174 km/h), circa due volte e mezzo il limite di velocità consentito di 45 mph (72 km/h). Il 9 novembre ha registrato la sua prima doppia doppia, 20 punti e 15 rimbalzi, contro la squadra della sua città natale, i Chicago Bulls. La partita successiva fece invece registrare 4 stoppate con 21 punti e 7 rimbalzi contro i Toronto Raptors. Nonostante le sole 53 partite giocate, Okafor ha mantenuto medie di tutto rispetto, rivelandosi molto versatile in attacco, pur avendo carenze difensive; ha concluso la stagione da rookie con 17,5 punti, 7 rimbalzi, 1.2 stoppate e tirando col 50% dal campo.[5]

Dopo che i 76ers hanno iniziato la stagione con un record di 0-16, è stato coinvolto il 25 novembre a Boston in una rissa con individui che lo stavano schernendo. Il 30 novembre, dopo aver scoperto che Okafor era stato coinvolto in varie situazioni controverse e pericolose fuori dal campo, i 76ers accettano ad affidargli una guardia del corpo per accompagnarlo in pubblico. Il 1º dicembre Okafor e i 76ers batterono i Los Angeles Lakers, terminando la loro serie negativa di 0-28 (considerando la stagione precedente), la più lunga serie negativa di sempre dello sport professionistico statunitense, e la peggior partenza di sempre dell'NBA, 0-18, pareggiando quella del 2009-2010 dei New Jersey Nets. Il giorno seguente, dopo l'affiorare di un video su TMZ di un'altra rissa risalente a novembre in cui Okafor era coinvolto, i 76ers decisero di sospenderlo per 2 partite.[6][7] Di ritorno dalla sospensione, il 7 dicembre, mise a referto 10 punti e 4 rimbalzi uscendo dalla panchina in una pesante sconfitta, 119-68, per mano dei San Antonio Spurs.[8] Il 16 gennaio 2016 aiuta con 25 punti e 10 rimbalzi i 76ers a battere 114-89 i Portland Trail Blazers, concludendo una serie negativa di 4 partite e portando il record di franchigia a 5-37. Il 27 gennaio vieno nominato per partecipare al Rising Stars Challenge nell'NBA All-Star Weekend 2016.

In febbraio i 76ers scambiarono di posizione Okafor con Nerlens Noel, quindi Okafor venne spostato dal ruolo di centro a quello di ala grande. Il 6 febbraio segna 22 punti e fa registrare il suo record stagionale di rimbalzi, 17, in una vittoria 103-98 con i Brooklyn Nets. Tuttavia lo spostamento durò poche settimane in quanto lo stesso mese Noel venne ceduto via trade ai Dallas Mavericks.

Brooklyn Nets (2017-2018)[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 dicembre 2017 venne scambiato dai 76ers, insieme a Nik Stauskas ed una seconda scelta, ai Brooklyn Nets in cambio di Trevor Booker.[9] Nonostante la trade sembrasse essere vantaggiosa per dare minuti a Okafor, i Nets aumentarono consistentemente i minuti del centro rookie Jarret Allen, accorciando sempre di più il suo spazio nelle rotazioni; in maglia Nets giocò solamente poco più di 10 minuti in 26 partite.

New Orleans Pelicans (2018-)[modifica | modifica wikitesto]

L'8 agosto 2018, Okafor firma un contratto biennale, di cui solo il primo anno è parzialmente garantito, con i New Orleans Pelicans.[10]

Statistiche NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Stagione PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2015-16 Philadelphia 76ers 53 48 30,0 50,8 16,7 68,6 7,0 1,2 0,4 1,2 17,5
2016-17 Philadelphia 76ers 50 33 22,7 51,4 0,0 67,1 4,8 1,2 0,4 1,0 11,8
2017-18 Philadelphia 76ers 2 0 12,5 44,4 0,0 50,0 4,5 0,5 0,0 1,0 5,0
2017-18 Brooklyn Nets 26 0 12,6 56,6 25,0 76,0 2,9 0,4 0,1 0,6 6,4
Carriera 131 81 23,5 51,5 20,0 68,2 5,9 1,0 0,3 1,1 12,9

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Squadra[modifica | modifica wikitesto]

  • Campione NCAA (2015)

Individuali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tim Keeney, Jahlil Okafor’s Family: 5 Fast Facts You Need to Know, in Heavy.com, 25 giugno 2015. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  2. ^ (EN) Philadelphia 76ers officially sign Emeka Okafor, in The Sixer Sense, 25 settembre 2017. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  3. ^ NBA Draft: 76ers get A- for picking Jahlil Okafor at No. 3, in CBSSports.com. URL consultato il 7 gennaio 2017.
  4. ^ (EN) Okafor scores 26 in NBA debut but 76ers fall to Celtics, in FOX Sports, 28 ottobre 2015. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  5. ^ (EN) Jahlil Okafor Stats | Basketball-Reference.com, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 15 giugno 2018.
  6. ^ 'Disappointed' 76ers suspend Okafor two games, in ESPN.com. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  7. ^ Okafor suspended 2 games by 76ers, in SBNation.com. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  8. ^ Game Recap: Spurs 119, 76ers 68 | Philadelphia 76ers, in Philadelphia 76ers. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  9. ^ (EN) From NBA Twitter and media reports, Reports: Philadelphia 76ers trade Jahlil Okafor to Brooklyn Nets | NBA.com, in NBA.com. URL consultato il 7 dicembre 2017.
  10. ^ Pelicans: accordo biennale con primo anno parzialmente garantito con Jahlil Okafor, in Sportando, 8 agosto 2018. URL consultato l'8 agosto 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]