Jack La Cayenne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jack La Cayenne in Tutti a squola

Jack La Cayenne, pseudonimo di Alberto Longoni (Giussano, 4 gennaio 1937), è un attore, ballerino e caratterista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ballerino e showman, agli inizi della carriera si esibiva insieme ad Adriano Celentano, col nome d'arte di Torquato il Molleggiato, e lo stesso Celentano s'ispirò a lui per le sue celebri mosse e per lo stesso soprannome di "molleggiato".[1] Lanciato dal programma televisivo Primo applauso,[2] divenne subito noto al grande pubblico.[3]

Nel 1958 sposò Vanna Revelli (campionessa italiana di rock and roll), conosciuta con nome d'arte Gelsomina, e insieme formarono un numero di varietà internazionale comico di ballo e canto Jack La Cayenne & Gelsomina. Parteciparono ai primi tour di Adriano Celentano e i Ribelli dal 1957 al 1961. In seguito appaiono in club, teatri e spettacoli televisivi in Europa e negli Stati Uniti. A Broadway appaiono al Latin Quarter Music Hall, poi partecipano al famoso varietà televisivo The Ed Sullivan Show per la CBS. Nel 1966 la coppia si divide: Gelsomina canta con il gruppo inglese Top 3, successivamente negli anni '70 incide dischi in Grecia con la RCA e Polydor. Jack inizia la sua carriera di solista come ballerino e attore in cinema e televisione. Nel 1976 la coppia si riunisce brevemente per partecipare allo spettacolo televisivo della RAI Punto e basta con Gino Bramieri e Sylvie Vartan.

Nel 1978, per le sue esibizioni durante la trasmissione Non stop, riacquistò notorietà: tra i suoi numeri più fortunati, quello in cui riusciva a mettere in bocca un'intera tazzina da caffè.[1][4]

La Cayenne partecipò in seguito a diversi altri varietà di prima serata della RAI, fra i quali Gran Canal di Corrado.

Nel giugno 2016 è stato ospite del programma Techetechetè, in cui proponeva un proprio sketch televisivo degli anni '50 e un filmato di Dario Fo in Mistero buffo.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Prese parte anche a due edizioni della rubrica pubblicitaria televisiva di RAI1 Carosello: nel 1976 pubblicizzando i succhi di frutta Appia Drinkpack, per la Appia, e nel periodo 1969-1975 per la Crema Belpaese, lo yogurt Certosino e Galbi-dessert, della Galbani, con Johnny Dorelli, Daniele Vargas, Leo Gavero e Dalila Di Lazzaro.

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Enrica Panzeri, La tazzina di Jack La Cayenne, su indiscreto.info, 12 agosto 2014. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  2. ^ Vincenzo Rovi, Trenta coppie di scatenati al festival del "rock and roll", Stampa Sera, 11 maggio 1957, pag. 8.
  3. ^ Alessandro Dell'Orto, Il mio show con Silvio al (finto) contrabbasso, in LiberoQuotidiano.it, 15 marzo 2011. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  4. ^ a b Raidue, in Stracult (puntata andata in onda il 3 agosto 2017).
    «Il numero della tazzina in bocca era un'idea di Walter Chiari che io copiai e inserì nel mio repertorio.»

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]