Iveco Turbocity

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Iveco Turbocity
Iveco 480.10.21 Turbocity-U n.402.jpg
Turbocity 480
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Iveco
Tipo Autobus
Inizio produzione 1989
Sostituisce Iveco Effeuno
Fine produzione 1996
Sostituito da Iveco TurboCity R
Altre caratteristiche
Dimensioni e pesi
Lunghezza 9,5/10,5/12/18 m
Larghezza 2,5 m
Altezza circa 3,083 m
Altro
Concorrenti Bredabus 2001
Porte a libro, rototraslanti o ad espulsione

L'Iveco Turbocity è un modello di autobus italiano prodotto dalla Iveco tra il 1989 e il 1996 nello stabilimento di Valle Ufita, in provincia di Avellino.

Contesto e Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il Turbocity nasce come successore dell'Iveco Effeuno rispetto al quale è esteticamente molto simile. La grande differenza tra i due risiede nella meccanica: mentre l'Effeuno è provvisto di un motore UNIC 8220.10 montato in posizione orizzontale posteriore, sul nuovo Turbocity viene installato il motore FIAT 8460.21, erogante 210 cavalli (260 nella versione interurbana e snodata) nell'inedita posizione verticale posteriore: una peculiarità che tuttora caratterizza la maggior parte degli autobus in commercio.

Oltre che dalla stessa Iveco il telaio del TurboCity è stato carrozzato da vari costruttori italiani tra cui Mauri, Seac-Viberti, Portesi e De Simon principalmente per quanto riguarda le versioni urbana e suburbana.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Per adattarsi alle molteplici esigenze dei singoli utilizzatori, il Turbocity è stato prodotto in svariate versioni, allestimenti e lunghezze. Vediamo le principali caratteristiche di ogni allestimento:

Iveco 480[modifica | modifica wikitesto]

  • Allestimento: Urbano
  • Lunghezza: 9 mt[1], 10.5 mt, 12 mt, 18 mt[1]
  • Porte: 3, 4 a libro o rototraslanti (solo su alcuni 480.12)
  • Produzione: dal 1989 al 1993
Un 480.12 carrozzato Viberti

Iveco 580[modifica | modifica wikitesto]

  • Allestimento: Suburbano
  • Lunghezza: 10.5 mt, 12 mt
  • Porte: 2, 3 a libro o rototraslanti (solo su alcuni 580.12)
  • Produzione: dal 1990 al 1993

Iveco 680[modifica | modifica wikitesto]

  • Allestimento: Interurbano
  • Lunghezza: 12 mt
  • Porte: 2 ad espulsione[2]
  • Produzione: dal 1990 al 1996

Socimi 8843[modifica | modifica wikitesto]

Attenzione particolare va dedicata all'Iveco 2480.18, prodotto dalla carrozzeria milanese Socimi appositamente per l'ATM di Milano in 33 esemplari (serie 100-132). Queste macchine svolgono tuttora servizio sulla rete filoviaria milanese.

  • Allestimento: Urbano
  • Lunghezza: 18 mt
  • Porte: 4 rototraslanti
  • Produzione: dal 1990 al 1994

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Uno degli ultimi 480.12 in servizio per TPER

Il Turbocity è stato prodotto in moltissimi esemplari e ha circolato nelle varie versioni nella maggior parte delle città italiane anche se ormai è stato soppiantato in molte di esse da modelli più recenti.

Svariati Turbocity hanno circolato per ATM Milano prima di essere sostituiti da esemplari di Iveco CityClass, in gran parte sono stati venduti all'estero, mentre una piccola serie di mezzi circola ancora sui servizi stadio dopo l'applicazione di grate ai finestrini.

Gli ultimi esemplari di Turbocity dell'ATAC Roma hanno lasciato il servizio nel 2007 sostituiti da Irisbus CityClass CNG, in parte sono stati ritirati come reso dal concessionario Romana Diesel e poi rivenduti, mentre la maggior parte sono stati destinati a demolizione.

La CTM di Cagliari ha sfruttato un consistente numero di 480 da 10.5 e 12 m per oltre vent'anni, dal 1989 al 2010, anno in cui sono stati sostituiti definitivamente da più recenti Mercedes-Benz Citaro.

L'ATC-TPER di Bologna ne ha posseduti in gran numero fino a non molto tempo fa, fino a fine febbraio 2017 è rimasta in servizio la sola matricola 5203. Ora quest'ultima è stata preservata dalla associazione AMAS di Milano.

A Pescara hanno svolto presso la GTM un totale di 14 esemplari così ripartiti: serie 354-360 Iveco 480.12.21 U-Turbocity e 361-364/401-404 Iveco 480.10.21 U-Turbocity.

Un grande quantitativo di Iveco 480.10.21 U-Turbocity carrozzati De Simon ha svolto inoltre servizio a Trieste, circa 60 furono le unità acquistate a più riprese tra il 1990 e il 1992. Tra il 2003 e il 2004 vari veicoli sono stati ceduti ad altre aziende, tra cui BT Brescia, KM Cremona e Onorati Aprilia.

L'azienda che oggi ne possiede il maggior quantitativo è la SVT Vicenza: sono infatti in circolazione ben 36 (su 39 unità originarie) Iveco 480.10 carrozzati De Simon, mentre fino al 2012 circolavano ulteriori 5 Iveco 480.10 non carrozzati da De Simon.

Iveco 480.10.21 U-Turbocity a Pescara

GTT Torino (all'epoca ATM Torino) ha invece acquistato ben 338 autobus nel periodo di tempo 1989-1991 della gamma Turbocity e sono così distribuiti: 152 "480.12.21 Viberti U842" con carrozzeria Viberti; 118 "480.12.21" prodotti da Iveco; 20 "580.12.21" Suburbani; 10 "580.10.21" Suburbani da 10 metri; 21 "480.18.29 Viberti U872" Autosnodati prodotti nel 1993-1994 dalla Viberti (e ultimi autobus prodotti in assoluto dalla storica carrozzeria torinese) e 17 "680.12.26" Interurbani (fonte dati: parco veicoli ufficiale GTT), anche se il numero degli esemplari effettivamente circolanti sta notevolmente calando con il passare degli anni. Purtroppo a partire dai primi mesi del 2012 la quasi totalità dei mezzi in città è stata accantonata o demolita. Nel 2012 sono risultati ben 61 TurboCity di cui 20 Viberti, 27 Iveco, 4 580.10 e 10 580.12. Gli ultimi esemplari di 480.18 carrozzati Viberti sono stati rottamati nel 2011.

Il Turbocity è stato sostituito dal Turbocity R che ne riprende le caratteristiche essenziali essendo però dotato di un nuovo motore e di pianale ribassato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Versione allestita dalla carrozzeria SEAC-Viberti. Non è stata realizzata direttamente dalla Iveco.
  2. ^ Solo su alcuni esemplari in dotazione alla FTV Vicenza (oggi SVT) si riscontra la presenza della porta posteriore rototraslante, ma l'anteriore è sempre ad espulsione.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti