Irisbus Civis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Irisbus Civis
CAT Irisbus Civis.jpg
L'Irisbus Civis in versione autobus di Las Vegas
Descrizione generale
Costruttore Italia  Irisbus
Tipo filobus/autobus a guida ottica
Allestimento urbano
Produzione dal 2004 al 2010
Sostituito da Irisbus Crealis Neo

Il Civis è una gamma di filobus e di autobus a guida vincolata prodotta dalla Irisbus. Si distingue dai classici filobus e autobus per la guida ottica.

Il sistema[modifica | modifica wikitesto]

A sinistra in primo piano la telecamera e nell'asfalto le strisce bianche "lette" da essa

Il Civis è simile ai filobus o autobus: a differenza di questi ultimi, la traiettoria è regolata da un sensore ottico il quale ha una telecamera posta nella parte anteriore. Il sensore legge un'apposita segnaletica orizzontale composta da una doppia striscia di linee discontinue bianche presente lungo il percorso e lo sterzo del mezzo ruota, mantenendo la traiettoria costante, senza necessità dell'ausilio umano, ma solo con l'elaborazione dei dati raccolti dai sensori ottici. In caso di necessità, la traiettoria automatica può non essere rispettata e pertanto il guidatore può agire sul volante.

Grazie al sensore ottico, il Civis si può avvicinare alle banchine delle fermate permettendo un accesso a raso. Il veicolo non necessita né di una sede riservata né di un binario metallico di guida.

Il peso totale a terra (PTT) non supera il limite fissato dal Codice della Strada Italiano di 10000 kg per asse e a pieno carico.

Il sensore ottico e la relativa tecnologia, denominato commercialmente come Optiguide[1], è prodotto dalla Siemens Transportation Systems (STS) ed è installato anche negli autobus Irisbus Agora e Irisbus Citelis utilizzati a Rouen.[2]

Commercializzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il Civis a Bologna

Il CIVIS nella versione per Bologna fu omologato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti come filobus.[3]

Dati tecnici:

  • lunghezza: 18,430 m;
  • larghezza: 2,550 m;
  • altezza: 3,400 m.
  • peso totale a pieno carico 30000 kg.
  • Passeggeri: 145[4].

L'Irisbus Civis è in funzione in versione filobus a Castellón de la Plana (Spagna) dal 2008[5] e a Las Vegas (USA) in versione autobus dal 2004[2].

La vicenda di Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Fu prevista la messa in esercizio del Civis in versione filobus bimodale a Bologna. Il veicolo risultò vincitore della gara di appalto che prevedeva la messa in servizio di un mezzo a guida vincolata con doppia possibilità di trazione diesel ed elettrica. La corsia di circolazione del mezzo non necessitava di grandi interventi salvo la verniciatura delle bande, mentre le banchine e le piazzole dovevano essere comunque realizzate per consentire un migliore accesso ai disabili e sarebbero state utilizzate anche da tutti gli altri mezzi della allora ATC (oggi TPER). I primi cantieri furono aperti nel 2007, ma i lavori furono sospesi nell'ottobre 2011, dopo il mancato pronunciamento del Ministero delle Infrastrutture sulla sicurezza del mezzo[6][7].

A seguito dello stop del ministero, il progetto è stato accantonato, ed i 49 mezzi (acquistati prima ancora che fossero terminati i lavori sulle strade) sono rimasti inutilizzati nei depositi TPER[8][9]. Successivamente, nel novembre 2012 il Comune di Bologna e l'Irisbus hanno siglato un accordo per la sostituzione dei 49 Civis acquistati ma mai utilizzati con altrettanti Irisbus Crealis Neo, un filobus anch'esso di produzione Irisbus con caratteristiche tecniche simili al Civis ma con guida di tipo tradizionale e vincolata solo per l'accostamento a raso alle banchine di fermata.[10] Il 2 febbraio 2016 il Sindaco di Bologna Virginio Merola ha inaugurato la messa in strada dei Crealis su linee tradizionali senza accostamento ottico.

I Crealis vengono utilizzati maggiormente sulla Linea 13 (Borgo Panigale - Rastignano) e la Linea 14 (Pilastro/Due Madonne - Barca), nonché su una nuova linea in fase di sperimentazione, la Linea 15.

Confronti con altri sistemi[modifica | modifica wikitesto]

Phileas[modifica | modifica wikitesto]

Un sistema simile all'Optiguide per quanto riguarda il mantenimento della traiettoria costante è il Phileas.

Questo sistema, per mantenere la traiettoria costante, si basa su guide magnetiche annegate nell'asfalto, mentre quello della Siemens si basa sull'elaborazione, per mezzo di un sensore ottico (una telecamera posta nella parte anteriore), dell'apposita segnaletica orizzontale posta sull'asfalto.

O-Bahn[modifica | modifica wikitesto]

Un altro sistema simile all'Optiguide, per quanto riguarda il mantenimento della traiettoria costante, è l'O-Bahn che utilizza autobus parzialmente modificati con percorsi vincolati meccanicamente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) A First in Spain: Optiguide for Castellon's Trolleybus Line, su w1.siemens.com, 2 luglio 2008. URL consultato il 14 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2009).
  2. ^ a b Las Vegas : Civis entra in esercizio - Il Civis consegnato a Las Vegas, in www.irisbus.com - sito ufficiale irisbus, 30 luglio 2004. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  3. ^ Omologazione Civis 2005, su antismog.org. URL consultato il 28 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2015).
  4. ^ Progetto CIVIS, su atc.bo.it. URL consultato il 10 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2007).
  5. ^ (EN) The Spanish city of Castellon, near Valencia, placed into service on June 26 three Civis new-generation trolleybuses fitted with Siemens' Optiguide system, to equip its first High Service Level Bus line., su irisbus.co.uk. URL consultato il 10 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2009).
  6. ^ Olivio Romanini, Civis al capolinea.Non si fa.Merola e Atc fermano tutto., in Corriere di Bologna, 19 ottobre 2011, 2. URL consultato il 19 ottobre 2011.
  7. ^ Redazionale, Stop al Civis, il Comune pronto a un contenzioso con Irisbus, in Repubblica.it, 19 ottobre 2011. URL consultato il 19 ottobre 2011.
  8. ^ David Marceddu, L'eredità del Civis: inchieste, milioni buttati via e viabilità stravolta.
  9. ^ David Marceddu, Civis di Bologna, denunciato altro danno erariale: si arriva a 91 milioni di euro.
  10. ^ Redazione, Civis addio, arrivano 49 Crealis Nuovi filobus a fibra ottica.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti