Il cielo in una stanza (brano musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il cielo in una stanza
ArtistaMina
Autore/iGino Paoli
GenereMusica d'autore
Pubblicazione originale
IncisioneIl cielo in una stanza/La notte
e album Il cielo in una stanza
Datagiugno 1960
EtichettaItaldisc
Durata1 min : 59 s
(2 min : 54 s)[1]

Il cielo in una stanza è un brano musicale composto dal cantautore Gino Paoli, pubblicato la prima volta per l'interpretazione di Mina nel 45 giri Il cielo in una stanza/La notte e nell'omonimo album.[2] Nello stesso anno, ma successivamente, fu pubblicato anche dal suo autore sul singolo Il cielo in una stanza/Però ti voglio bene e nel 1961 nell'album eponimo.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La canzone fu scritta dal giovane Paoli quando non era ancora iscritto alla SIAE, per questo nei crediti delle varie versioni del disco figurano Mogol come autore del testo e Toang compositore della musica. Solo successivamente sarà depositata con la firma corretta del solo Paoli.[4]

Il brano, rifiutato da interpreti come Jula de Palma e Miranda Martino, fu proposto a Mina dal paroliere Mogol. Mina, poco convinta e all'inizio anche riluttante, decise di registrarla solo dopo averla sentita eseguita al pianoforte dallo stesso Paoli, ma soprattutto a seguito delle pressioni dei discografici.[5]

Con questo singolo tuttavia, la cantante raggiunse il 15 ottobre 1960, per la seconda volta nella sua carriera (dopo Tintarella di luna/Mai), il traguardo discografico del primo posto nelle vendite. Il pezzo infatti, entrato al quinto/sesto posto nell'estate 1960, rimase in classifica fino all'inizio dell'anno successivo, dopo aver raggiunto il primo posto per 14 settimane diventando il 45 giri più venduto dell'anno, sfiorando nel tempo i 2 milioni di copie vendute.[6][7]

Ispirazione e contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Come raccontato dallo stesso Paoli, il testo descrive l'incontro con una prostituta avvenuto in un bordello di Genova[8] riconoscibile dal "soffitto viola".[9]

Nonostante l'argomento trattato, è considerata una delle più rilevanti espressioni della canzone d'autore italiana e un capolavoro artistico. L'immagine di alta poesia, che evoca l'atto d'amore consumato nella stanza col soffitto viola, trasfigura circostanze e ambienti. La raffinata melodia, inizialmente lenta e confidenziale, conduce gradatamente verso spazi infiniti e trasognati raggiungendo il massimo dell'intensità musicale e poetica, per poi tornare nel finale all'intimità iniziale.[4]

Citazioni e riferimenti nella cultura popolare[modifica | modifica wikitesto]

Il brano fece parte della colonna sonora del film La ragazza con la valigia, facendo la sua comparsa nella scena in cui Romolo (Riccardo Garrone) cerca di baciare Aida (Claudia Cardinale).

La canzone venne citata, in forma umoristica, anche nella commedia La moglie in vacanza... l'amante in città: il maggiordomo Peppino (Lino Banfi) ne recita i versi, storpiandoli, quando tenta vanamente di sedurre Valeria (Barbara Bouchet).

Il pezzo è presente nella colonna sonora del film Quei bravi ragazzi, anche se nei titoli di coda è accreditato con il titolo in inglese (This World We Live In).

Un verso di Ragazzo fortunato, brano di Jovanotti inserito nell'album Lorenzo 1992, recita: "Se io fossi capace scriverei Il cielo in una stanza".

Il pezzo è presente nella colonna sonora del film horror italiano, produzione Netflix A Classic Horror Story

Versioni di Mina[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Il cielo in una stanza/La notte.

Storicamente Mina è stata la prima interprete della canzone e, a giudicare dal successo di pubblico e di critica ottenuto nell'immediato ma anche successivamente, la sua versione rappresenta un punto di riferimento e paragone per tutta la musica leggera italiana e in particolare per la canzone d'autore.[4]

Una versione più lunga (durata 2 min : 54 s), denominata extended, si trova sul singolo Il cielo in una stanza/Stranger Boy pubblicato nel 1965[10] e nelle raccolte su CD Mina Gold (1998) e Ritratto: I singoli Vol. 1 (2010).[1] A parte questi supporti, tutti gli altri utilizzano quella breve.

Di Mina sono note diverse interpretazioni in italiano e in più lingue straniere.

Versioni di Gino Paoli[modifica | modifica wikitesto]

Anche l'autore stesso ha inciso più volte la canzone in italiano e sempre con arrangiamenti diversi.[11]

  • 1961 - Traccia del 1960 inserita nell'EP Un uomo vivo (catalogo Ricordi ERL 173).[12][13]
  • 2009 - Duetto con Carla Bruni in Le ciel dans une chambre, versione in francese della canzone con testo della Bruni,[22] inserito nella raccolta in 2 CD Senza fine.[23]

Versioni strumentali[modifica | modifica wikitesto]

  • 2000 - Manco Inca incide una versione con il flauto di Pan per l'album Italy Love Songs.

Versioni in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Versioni in lingua straniera[modifica | modifica wikitesto]

Cover di altri artisti[modifica | modifica wikitesto]

Numerose le cover di altri artisti, spesso significative e di buon successo.

Anno Artista Titolo Album
1960 Felice Colasso Il cielo in una stanza Felice Colasso e il suo complesso (EP)[24]
1962 Connie Francis This World We Love In Sings Modern Italian Hits (versione bilingue)[25]
1976 Franco Simone[26] Il cielo in una stanza[5] Il poeta con la chitarra (singolo premiato con la Gondola d'oro nel 1977)
1999 Giorgia Il cielo in una stanza[5] Girasole[27]
2002 Carla Bruni Le ciel dans une chambre[28] Quelqu'un m'a dit (Testo in francese di Carla Bruni)[29]
Franco Battiato Il cielo in una stanza Fleurs 3[30]
2006 Massimo Ranieri Il cielo in una stanza Canto perché non so nuotare...da 40 anni[31]
2009 Morgan This World We Love In Italian Songbook Volume 1[32]
Noemi Il cielo in una stanza Noemi (mini-album)[33]
Manuel Miranda[34] Il cielo in una stanza Oltre i confini dell'oceano[35]
Gino Paoli e
Carla Bruni
Le ciel dans une chambre[28] Senza fine (raccolta)[36]
2010 Mike Patton Il cielo in una stanza Mondo cane[37]
2011 Giusy Ferreri Il cielo in una stanza Nata per unire (compilation)[38] e Il mio universo (Deluxe edition)
Noemi Il cielo in una stanza Radio Italia - Mi piace (compilation)[39]
2019 Jaspers Il cielo in una stanza NON CE NE FREGA NIENTE[40][41]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Versione extended, 1965.
  2. ^ Il cielo in una stanza (Mina), in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 29 agosto 2016.
  3. ^ Il cielo in una stanza (Gino Paoli), in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 29 agosto 2016.
  4. ^ a b c Dizionario CurcioLe Canzoni, op. citata, Il cielo in una stanza, p.163.
  5. ^ a b c Franco Gàbici, Il cielo in una stanza, su hitparadeitalia.it, Hit Parade Italia. URL consultato il 29 agosto 2016.
  6. ^ Classifica settimanale vendite singoli 1960, su hitparadeitalia.it, Hit Parade Italia. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  7. ^ Classifica settimanale vendite singoli 1961, su hitparadeitalia.it, Hit Parade Italia. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  8. ^ Intervista a Gino Paoli, in Musica, QN Quotidiano Nazionale, 23 aprile 2009. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  9. ^ Leggere, ascoltare, vedere, in Notizie Cultura e Tempo libero, Il Sole 24 ORE. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  10. ^ Discografia singoli, su minamazzini.it, Mina Mazzini, sito ufficiale. URL consultato il 4 gennaio 2017.
  11. ^ Discografia/Anni 60/45 Giri, su ginopaoli.it, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2016).
  12. ^ Un uomo vivo, in Discografia/Anni 60/45 Giri, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato il 9 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2016).
  13. ^ Un uomo vivo, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  14. ^ a b Gino Paoli, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  15. ^ Gino Paoli, in Teca ICBSA, Internet Culturale. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  16. ^ Gino Paoli allo Studio A, in Discografia/Anni 60, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato il 21 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  17. ^ Gino Paoli allo Studio A, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  18. ^ Rileggendo vecchie lettere d'amore, in Discografia/Anni 70, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato il 21 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2016).
  19. ^ Rileggendo vecchie lettere d'amore, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  20. ^ Averti addosso, in Discografia/Anni 80, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato il 21 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  21. ^ Averti adosso, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  22. ^ Fabrizio Basso, Gino Paoli e Carla Bruni, duetto charmant, in Cultura&Spettacoli, Il Secolo XIX, 6 novembre 2009. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  23. ^ Senza fine, in Discografia/Anni 00, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato il 21 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2016).
  24. ^ Felice Colasso e il suo complesso, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  25. ^ (EN) Discography 1961-1962, su conniefrancis.com, Connie Francis, sito ufficiale. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  26. ^ Discografia, su francosimone.it, Franco Simone, sito ufficiale. URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2013).
  27. ^ Giorgia - Girasole, in Dischi/Recensioni, www.rockol.it. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  28. ^ a b Fabrizio Basso, Gino Paoli e Carla Bruni, duetto charmant, in Cultura&Spettacoli, Il Secolo XIX, 6 novembre 2009. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  29. ^ Andreas Massa Saluzzo, Carla Bruni - Quelqu'un m'a dit, in Recensioni album, www.newsic.it, 12 marzo 2003. URL consultato il 9 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  30. ^ C. Balzarotti, Franco Battiato - Fleurs 3, in Recensioni album, www.newsic.it, 8 settembre 2002. URL consultato il 9 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2016).
  31. ^ (EN) Massimo Ranieri - Canto perché non so nuotare...da 40 anni, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  32. ^ Morgan - Italian Songbook vol.1, in Dischi/Recensioni, www.rockol.it. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  33. ^ Noemi: EP d'esordio della concorrente di X Factor (tracklist) (TXT), in Articoli/News dalla redazione, www.italianissima.info, 29 aprile 2009. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  34. ^ Manuel Miranda, mini Bio e Disco grafia, su antiwarsongs.org, www.antiwarsongs.org. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  35. ^ Manuel Miranda - Oltre i confini dell'oceano, su reverbnation.com, www.reverbnation.com. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  36. ^ (EN) Gino Paoli - Senza fine, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  37. ^ Mike Patton - Mondo Cane, su outune.net, www.outune.net. URL consultato il 9 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2014).
  38. ^ Sanremo 2011, esce 'Nata per unire': l'Italia cantata dagli artisti del Festival, in News/Italia, www.rockol.it, 17 febbraio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  39. ^ Radio Italia - Mi piace (compilation), su radioitalia.it, Radio Italia. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  40. ^ Non Ce Ne Frega Niente - Jaspers Tracklist, Copertina, Canzoni. URL consultato l'8 aprile 2021.
  41. ^ Jaspers NON CE NE FREGA NIENTE, su Rockit.it. URL consultato l'8 aprile 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]