Il cielo in una stanza/Però ti voglio bene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il cielo in una stanza/Però ti voglio bene
ArtistaGino Paoli
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1960
Album di provenienzaGino Paoli
GenereMusica leggera
Pop
Folk
EtichettaDischi Ricordi
ProduttoreDischi Ricordi
ArrangiamentiGian Piero Reverberi[1]
Registrazionemono
Formati7"
Gino Paoli - cronologia
Singolo precedente
(1960)

Il cielo in una stanza/Però ti voglio bene è un singolo di Gino Paoli, pubblicato e distribuito nel 1960 dalla Dischi Ricordi (catalogo SRL 10-116).[1][2][3]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

La copertina era quella standard forata della Ricordi; il disco non entrò in classifica.

In entrambi i brani l'orchestra è diretta da Gian Piero Reverberi.[1][2]

Il cielo in una stanza[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Il cielo in una stanza (brano musicale).

È una delle canzoni più famose di Gino Paoli, scritta in origine per Mina che l'aveva pubblicata nel giugno del 1960 nel 45 giri Il cielo in una stanza/La notte, grazie all'intervento di Mogol che, credendo in Paoli come autore, gliel'aveva fatta ascoltare e incidere.[4]

Versioni di Gino Paoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1961 - Traccia del 1960 inserita nell'Ep Un uomo vivo (catalogo Ricordi ERL 173).[5][6]
  • 2009 - Duetto con Carla Bruni in Le ciel dans une chambre, versione in francese della canzone con testo della Bruni,[15] inserito nella raccolta in 2 CD Senza fine.[16]

Versioni di Mina e cover di altri artisti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Il cielo in una stanza/La notte.

Di Mina sono note diverse interpretazioni in italiano e in più lingue straniere.

Numerose le cover di altri artisti, spesso significative e di buon successo.

Però ti voglio bene[modifica | modifica wikitesto]

Canzone del lato B del disco, mai inserita in un album.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni musicali Fama.

Lato A
  1. Il cielo in una stanza (Gino Paoli)
Lato B
  1. Però ti voglio bene (testo: Gino Paoli – musica: Gian Franco Reverberi)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il cielo in una stanza/Però ti voglio bene, in Discografia/Anni 60/45 Giri, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  2. ^ a b Il cielo in una stanza/Però ti voglio bene, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  3. ^ Franco Gàbici, Il cielo in una stanza, Hit Parade Italia. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  4. ^ Gabriele Antonucci, Mina: i 75 anni del mito in un libro - Le immagini, Panorama, 25 marzo 2015. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  5. ^ Un uomo vivo, in Discografia/Anni 60/45 Giri, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  6. ^ Un uomo vivo, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  7. ^ a b Gino Paoli, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  8. ^ Gino Paoli, in Teca ICBSA, Internet Culturale. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  9. ^ Gino Paoli allo Studio A, in Discografia/Anni 60, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  10. ^ Gino Paoli allo Studio A, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  11. ^ Rileggendo vecchie lettere d'amore, in Discografia/Anni 70, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  12. ^ Rileggendo vecchie lettere d'amore, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  13. ^ Averti adosso, in Discografia/Anni 80, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  14. ^ Averti adosso, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  15. ^ Fabrizio Basso, Gino Paoli e Carla Bruni, duetto charmant, in Cultura&Spettacoli, Il Secolo XIX, 6 novembre 2009. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  16. ^ Senza fine, in Discografia/Anni 00, Gino Paoli, sito ufficiale. URL consultato il 9 gennaio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica