Idrossido di calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Idrossido di calcio
Calcium hydroxide.jpg
Nome IUPAC
diidrossido di calcio
Nomi alternativi
calce spenta
calce idratata
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare Ca(OH)2
Massa molecolare (u) 74,10
Aspetto cristallo incolore o polvere bianca
Numero CAS

1305-62-0

Numero EINECS 215-137-3
PubChem 6093208
SMILES [OH-].[OH-].[Ca+2]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 2.24
Costante di dissociazione basica a 298 K 2,3442 × 102 
Solubilità in acqua 1,7 g/l a 293 K[1]
Costante di solubilità a 298 K 4,86 × 10-6 
Temperatura di fusione 580 °C (decomposizione)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo

pericolo

Frasi H 318
Consigli P 280 - 305+351+338 - 313 [1]

L'idrossido di calcio è un composto con formula chimica Ca(OH)2. È un cristallo incolore o una polvere bianca ed è prodotto per idratazione a secco dell'ossido di calcio (denominato anche calce o calce viva). Un nome tradizionale per l'idrossido del calcio è calce spenta o calce idratata.

Comportamento chimico[modifica | modifica wikitesto]

Se riscaldato a 580 °C l'idrossido di calcio si decompone in ossido di calcio e acqua[1].

Una soluzione acquosa satura di idrossido di calcio (circa 0,5%) è detta acqua di calce, ed è una base molto forte che reagisce violentemente con gli acidi.

Il latte di calce è una sospensione di particelle di idrossido di calcio in acqua[3], utile e ampiamente utilizzata in diversi processi chimici.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

A causa della sua proprietà di base forte, l'idrossido di calcio ha molti vari usi tra i quali si annoverano:

  • in edilizia, con il nome tradizionale di grassello di calce, viene impiegato come componente di malte, intonaci, stucchi e pitture;
  • in pittura, viene usato come pigmento pittorico, con il nome di bianco di calce bianca, bianco di Firenze, calce spenta e gesso di Firenze;
  • un tipo di calce, in acqua per il trattamento delle acque luride e il miglioramento del suolo acido (è ad esempio responsabile del colore intenso delle ortensie);
  • la doratura del cuoio;
  • un composto alcalino usato come sostituto della liscivia
  • un reagente ampiamente utilizzato:
    • nell'industria chimica, per la neutralizzazione degli acidi
    • nelle industrie di raffinamento del petrolio, per la fabbricazione di additivi agli olii (alchilsalicilicato, solfatico, fenatico)
    • nell'industria chimica per la fabbricazione di stearato di calcio
    • per neutralizzazione di ambienti acidificati, in particolare le acque sporche in serbatoi
    • nell'industria alimentare per l'elaborazione dell'acqua (per produzione di alcool e bibite analcoliche)
    • nella preparazione di alcuni cibi umani trasformati in ambiente fortemente alcalino, ad esempio il Nixtamal in America latina
    • nell'agro-chimica per neutralizzare l'acidità del terreno
    • per eliminare salamoia di carbonati di calcio e magnesio nella fabbricazione di sale (come alimento) e in farmacopea
    • nel metodo calce-soda per diminuire la durezza dell'acqua
  • un componente:
    • nell'industria petrolchimica per produrre grassi solidi.
    • nella fabbricazione dei pattini dei freni
    • nella fabbricazione di ebanite
    • per la preparazione di miscele in polvere pigmentate, per pittura e decorazioni
    • nelle miscele antiparassitarie e funghicide in agricoltura soprattutto per neutralizzare l'acidità del solfato di rame e ottenere la famosa poltiglia bordolese che ha salvato la viticoltura nel mondo. Tale composto era in uso gia in epoca romana.
    • in acquariologia marina, l'acqua ricca di ioni di calcio idrossido viene immessa col metodo goccia a goccia dopo aver fatto posare la polvere, per il nutrimento dei coralli e delle alghe calcaree e per abbassare i fosfati presenti
  • in odontoiatria, per la medicazione di denti il cui canale radicolare è in necrosi. Le proprietà basiche del composto gli permettono infatti di disinfettare e togliere il dolore causato dai batteri. Il composto è usato solo come medicazione provvisoria.[4]

Rischi[modifica | modifica wikitesto]

Assumere dosi eccessive di idrossido di calcio può provocare molti sintomi pericolosi[5], tra i quali:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c scheda dell'idrossido di calcio su IFA-GESTIS
  2. ^ http://www.carloerbareagenti.com/Repository/DIR199/ITCH0125.htm
  3. ^ Latte di calce. In: Angela Weyer et al. (a cura di), EwaGlos, European Illustrated Glossary Of Conservation Terms For Wall Paintings And Architectural Surfaces. English Definitions with translations into Bulgarian, Croatian, French, German, Hungarian, Italian, Polish, Romanian, Spanish and Turkish, Petersberg, Michael Imhof, 2015, p. 385.
  4. ^ Brenda Gomes et al., In Vitro Antimicrobial Activity of Calcium Hydroxide Pastes and Their Vehicles Against Selected Microorganisms, in Brazilian Dental Journal, vol. 13, nº 3, 2002, DOI:10.1590/S0103-64402002000300002. URL consultato il 5 febbraio 2008.
  5. ^ MSDS Calcium hydroxide, jtbaker.com. URL consultato il 26 dicembre 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]