Idrossido di cobalto(II)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Idrossido di cobalto(II)
Struttura cristallina dello ioduro di cadmio, analoga a quella dell'idrossido di cobalto(II)
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareCo(OH)2
Massa molecolare (u)92,948
Aspettopolvere rosa o blu
Numero CAS21041-93-0
Numero EINECS244-166-4
PubChem10129900
SMILES
O.O.[Co]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)3,597 forma rosa[1]
Solubilità in acqua0,005 g/l a 22,7 ºC[1]
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1)-539,7[2]
ΔfG0 (kJ·mol−1)-454,3[2]
S0m(J·K−1mol−1)79,0[2]
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg)1060 ratto orale[1]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossico a lungo termine irritante pericoloso per l'ambiente
pericolo
Frasi H302+332 - 317 - 319 - 334 - 351 - 410 [1]
Consigli P261 - 273 - 280 - 284 - 304+340+312 - 342+311 [1]

L'idrossido di cobalto(II) è il composto inorganico con formula Co(OH)2, dove il cobalto è nello stato di ossidazione +2. In condizioni normali questo idrossido è di colore rosa, ma si conosce anche una forma blu instabile. La variazione di colore è presumibilmente dovuta a una variazione dell'intorno di coordinazione dello ione cobalto(II).[3]

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Co(OH)2 precipita aggiungendo un idrossido alcalino ad una soluzione acquosa contente un sale di Co(II). Ad esempio si può usare il nitrato di cobalto:

Inizialmente si forma un precitato blu che diventa rapidamente rosa.[4][5]

Idrossido di cobalto(II) rosa
Idrossido di cobalto(II) blu

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'idrossido di cobalto(II) cristallizza con la struttura esagonale tipo CdI2, analogamente ad altri idrossidi di formula M(OH)2 come quelli di Mg, Ca, Mn, Fe, Ni e Cd. I cationi cobalto sono coordinati ottaedricamente.[6]

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

L'idrossido di cobalto(II) è facilmente ossidabile e va conservato in atmosfera inerte. Scaldato sotto vuoto si decompone a CoO + H2O. A contatto con l'aria si ossida lentamente a Co2O3 idrato, di colore bruno.[6] La decomposizione termica all'aria sopra 300 ºC produce Co3O4.[7]

Co(OH)2 è praticamente insolubile in acqua. In soluzione acida si scioglie formando la specie [Co(H2O)6]2+. L'idrossido di cobalto(II) è un idrossido anfotero e si scioglie in soluzioni alcaline concentrate formando gli ioni cobaltato [Co(OH)4]2– e [Co(OH)6]4– di colore blu scuro.[6]

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'idrossido di cobalto(II) è comunemente usato come materiale di partenza per sintetizzare altri composti di cobalto. Viene impiegato industrialmente come catalizzatore e in vernici e inchiostri per tipografia.[7][8]

Tossicità / Indicazioni di sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Il composto è disponibile in commercio. Risulta nocivo se ingerito o inalato e provoca gravi irritazioni agli occhi. È un sospetto cancerogeno, ed è molto tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) G. Brauer, Handbook of preparative inorganic chemistry, vol. 2, 2ª ed., New York, Academic Press, 1965.
  • (DE) A. F. Holleman e N. Wiberg, Lehrbuch der Anorganischen Chemie, Berlino, Walter de Gruyter, 2007, ISBN 978-3-11-017770-1.
  • (EN) C. E. Housecroft e A. G. Sharpe, Inorganic chemistry, 3ª ed., Harlow (England), Pearson Education Limited, 2008, ISBN 978-0-13-175553-6.
  • D. R. Lide (Editor), CRC Handbook of Chemistry and Physics, Internet Version 2005, CRC Press, Boca Raton, 2005. URL consultato il 9 dicembre 2017.
  • (EN) P. Patnaik, Handbook of inorganic chemicals, New York, McGraw-Hill, 2003, ISBN 0-07-049439-8.
  • (EN) H. W. Richardson, Cobalt compounds, in Kirk-Othmer Encyclopedia of Chemical Technology, 4ª ed., John Wiley & Sons, 1998.
  • (DE) E. Riedel e C. Janiak, Cobalt(II)-hydroxid, in Anorganische Chemie, Walter de Gruyter, 2011, ISBN 9783110225662.
  • Sigma-Aldrich, Cobalt(II) hydroxide, su sigmaaldrich.com, 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia