I Feel It Coming

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I Feel It Coming
I Feel It Coming.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaThe Weeknd
FeaturingDaft Punk
Tipo albumSingolo
Pubblicazione18 novembre 2016
(vedi date di pubblicazione)
Durata4:29
Album di provenienzaStarboy
GenereDisco
EtichettaXO, Republic Records
ProduttoreDaft Punk
Doc McKinney, Cirkut, Abel "The Weeknd" Tesfaye (coproduzione)
Registrazione2016
Gang Studio, Parigi (Francia)
Conway Recording Studios, Los Angeles (California)
FormatiDownload digitale
Certificazioni
Dischi d'oroGermania Germania[1]
(vendite: 200 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia (3)[2]
(vendite: 210 000+)
Belgio Belgio[3]
(vendite: 20 000+)
Danimarca Danimarca[4]
(vendite: 30 000+)
Italia Italia (2)[5]
(vendite: 100 000+)
Norvegia Norvegia[6]
(vendite: 10 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[7]
(vendite: 30 000+)
Regno Unito Regno Unito[8]
(vendite: 600 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[9]
(vendite: 2 000 000+)
Svezia Svezia (3)[10]
(vendite: 120 000+)
Dischi di diamanteFrancia Francia[11]
(vendite: 250 000+)
The Weeknd - cronologia
Singolo precedente
(2016)
Singolo successivo
(2017)
Daft Punk - cronologia
Singolo precedente
(2016)
Singolo successivo

I Feel It Coming è un singolo del cantautore canadese The Weeknd, il quarto estratto dal terzo album in studio Starboy e pubblicato il 18 novembre 2016.[12]

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Come il brano d'apertura Starboy, anche questo ha visto la collaborazione duo francese di musica elettronica Daft Punk[13] ed è stato in contemporanea a Party Monster.[14]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. I Feel It Coming (ft. Daft Punk) – 4:29 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Martin McKinney, Henry Russell Walter, Eric Chedeville)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti
Produzione
  • Daft Punk – produzione
  • Doc McKinney, Cirkut – coproduzione, ingegneria del suono
  • Abel "The Weeknd" Tesfaye – coproduzione
  • Florian Lagatta, Josh Smith – ingegneria del suono
  • Serban Ghenea – missaggio
  • John Hanes – assistenza al missaggio
  • Tom Coyne, Aya Merrill – mastering

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2016/17) Posizione
massima
Australia[15] 7
Austria[15] 23
Belgio (Fiandre)[15] 3
Belgio (Vallonia)[15] 3
Canada[16] 10
Corea del Sud[17] 2
Danimarca[15] 6
Finlandia[15] 11
Francia[15] 1
Germania[15] 29
Giappone[18] 63
Irlanda[19] 9
Italia[15] 13
Libano[20] 3
Norvegia[15] 5
Nuova Zelanda[15] 7
Paesi Bassi[15] 4
Regno Unito[21] 9
Scozia[22] 17
Spagna[15] 6
Stati Uniti[23] 4
Stati Uniti (pop)[24] 3
Stati Uniti (radio)[25] 3
Svezia[15] 5
Svizzera[15] 7

Date di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Paese Data di pubblicazione Formato
Mondo 18 novembre 2016[12] Download digitale
Regno Unito 24 novembre 2016[26] Airplay
Italia 2 dicembre 2016[27]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 9 giugno 2017.
  2. ^ (EN) Accreditations - 2017 Singles, Australian Recording Industry Association. URL consultato l'11 novembre 2017.
  3. ^ (NL) Goud en Platina – 2017, Ultratop. URL consultato il 9 aprile 2017.
  4. ^ (DA) The Weeknd Feat. Daft Punk "I Feel It Coming", International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 22 aprile 2017.
  5. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  6. ^ (NO) SØK: The Weeknd, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  7. ^ (EN) NZ Top 40 Singles Chart, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 10 aprile 2017.
  8. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 16 luglio 2017. Digitare "I Feel It Coming" in "Search BPI Awards" e premere Invio.
  9. ^ (EN) The Weeknd, I Feel It Coming – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 20 giugno 2017.
  10. ^ (SE) THE WEEKND - I FEEL IT COMING (FEAT. DAFT PUNK), Sverigetopplistan. URL consultato il 4 ottobre 2017.
  11. ^ (FR) Les Certifications, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 7 giugno 2017.
  12. ^ a b (EN) I Feel It Coming, The Weeknd. URL consultato il 24 dicembre 2016.
  13. ^ BBC – Radio 1 – Playlist, su BBC Radio 1, BBC. URL consultato il 2 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2016).
  14. ^ (EN) Peter Helman, The Weeknd – "Party Monster" & "I Feel It Coming" (Feat. Daft Punk), Stereogum, 17 novembre 2016. URL consultato il 24 dicembre 2016.
  15. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (NL) The Weeknd feat. Daft Punk - I Feel It Coming, Ultratop. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  16. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Billboard Canadian Hot 100), Billboard. URL consultato il 21 marzo 2017.
  17. ^ (KO) Gaon Digital Chart – Week 42, 2016, Gaon Chart. URL consultato il 25 ottobre 2016.
  18. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Japan Hot 100), Billboard. URL consultato il 25 gennaio 2017.
  19. ^ (EN) Chart Track: Week 48, 2016, GFK Chart-Track. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  20. ^ (EN) The Official Lebanese Top 20 - Bruno Mars, The Official Lebanese Top 20, 6 novembre 2016. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  21. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100: 02 December 2016 - 08 December 2016, Official Charts Company. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  22. ^ (EN) Official Scottish Singles Sales Chart Top 100: 09 December 2016 - 15 December 2016, Official Charts Company. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  23. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (The Hot 100), Billboard. URL consultato il 2 aprile 2017.
  24. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Pop Songs), Billboard. URL consultato il 2 aprile 2017.
  25. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Radio Songs), Billboard. URL consultato il 18 aprile 2017.
  26. ^ (EN) BBC – Radio 1 – Playlist, BBC, 26 novembre 2016. URL consultato il 2 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2016).
  27. ^ Giorgia Aldi, The Weeknd - I Feel It Coming (feat. Daft Punk) (Radio Date: 09-12-2016), EarOne, 5 dicembre 2016. URL consultato il 2 gennaio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]