Instant Crush

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Instant Crush
Instant Crush video.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaDaft Punk
FeaturingJulian Casablancas
Tipo albumSingolo
Pubblicazione22 novembre 2013
Durata5:37
Album di provenienzaRandom Access Memories
GenereRock alternativo
Disco
EtichettaColumbia
ProduttoreDaft Punk
FormatiDownload digitale, CD
Certificazioni
Dischi d'oroItalia Italia[1]
(vendite: 25 000+)
Daft Punk - cronologia
Singolo precedente
(2013)
Singolo successivo
(2014)
Julian Casablancas - cronologia
Singolo successivo

Instant Crush è un singolo del gruppo musicale francese Daft Punk, il terzo estratto dal quarto album in studio Random Access Memories e pubblicato il 22 novembre 2013.[2]

Il brano ha visto la partecipazione vocale del cantante degli Strokes Julian Casablancas, il quale esegue anche l'assolo di chitarra nella sezione centrale del brano.[3]

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Mentre stavano lavorando alla colonna sonora del film Tron: Legacy nel 2010, i Daft Punk si sono incontrati con Casablancas nel loro studio tramite un amico comune.[4] Il duo, entrambi fan del gruppo di Casablancas, gli Strokes, ha presentato a lui una traccia demo strumentale destinata a un possibile impiego per il prossimo album dei Daft Punk.[4] Casablancas ha reagito positivamente all'ascolto della demo, alla quale ha successivamente fornito alcune parti vocali, formando la base di ciò che sarebbe divenuta Instant Crush.[5]

Il brano definitivo apparso in Random Access Memories è stato prodotto dai Daft Punk con Casablancas, il quale ne esegue anche l'assolo di chitarra. I Daft Punk invece hanno eseguito le parti di tastiera e di sintetizzatore, oltre anche a quelle di chitarra. Altri musicisti che hanno collaborato al brano sono Nathan East (basso) John "JR" Robinson (batteria) e Quinn (percussioni).[3] Il critico John Balfe considera Instant Crush «appropriatamente simile a [un brano degli] Strokes, anche se il tipico parlato [di Casablancas] viene alimentato in modo sostanziale da un vocoder.»[6] Guy-Manuel de Homem-Christo ha notato che «è vero che non si tratta del suo tipico metodo di registrazione, è il modo in cui Julian ha reagito alla traccia e quindi per noi è stato ancora più emozionante.»[7]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip è stato diretto da Warren Fu (responsabile della copertina di Random Access Memories, nonché co-regista del videoclip di Lose Yourself to Dance) e pubblicato il 6 dicembre 2013 sul canale YouTube del duo.[8]

Esso mostra la storia d'amore di due figure di cera, intervallati da alcuni filmati in cui Casablancas canta il brano.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 la cantante Natalie Imbruglia ha pubblicato una reinterpretazione di Instant Crush, inserita successivamente nel suo album Male.[9]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Thomas Bangalter, Julian Casablancas e Guy-Manuel de Homem-Christo.

Download digitale
  1. Instant Crush – 5:37
CD promozionale[10]
  1. Instant Crush (Radio Edit) – 4:13
  2. Instant Crush (Album Version) – 5:38

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti
Produzione
  • Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christoproduzione
  • Julian Casablancas – coproduzione
  • Peter Franco – registrazione, assistenza missaggio
  • Mick Guzauski – registrazione, missaggio
  • Florian Lagatta – registrazione
  • Daniel Lerner – ingegneria audio digitale
  • Seth Waldmann – assistenza missaggio, assistenza registrazione
  • Cory Brice, Nicolas Essig, Eric Eylands, Derek Karlquist, Miguel Lara, Mike Larson, Kevin Mills, Charlie Pakkari, Bill Rahko, Kyle Stevens, Doug Tyo, Eric Weaver – assistenza registrazione
  • Alana Da Fonseca, Phil Joly – registrazione aggiuntiva
  • Bob Ludwigmastering

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2013/14) Posizione
massima
Belgio (Fiandre)[11] 23
Belgio (Vallonia)[11] 5
Francia[11] 4
Stati Uniti (dance/electronic)[12] 20
Stati Uniti (dance/electronic digital)[13] 19
Stati Uniti (dance/electronic streaming)[14] 15
Stati Uniti (on-demand)[15] 15
Svezia[11] 37
Svizzera[11] 40

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  2. ^ Da domani in radio "INSTANT CRUSH" dei DAFT PUNK feat. JULIAN CASABLANCAS dei THE STROKES, Sony Music, 21 novembre 2013. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  3. ^ a b (EN) Note di copertina di Random Access Memories, Daft Punk, Columbia Records, CD, LP, download digitale, 17 maggio 2013.
  4. ^ a b (EN) Daft Punk Geeks Out On Star Wars, Paul McCartney, Brian Wilson & J.J. Abrams, KROQ-FM, 18 giugno 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  5. ^ (EN) Joseph Ghosn, Olivier Wicker, Daft Punk Revient Avec Random Access Memories, Le Nouvel Observateur, 18 aprile 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  6. ^ (EN) John Balfe, First Listen – Daft Punk's Random Access Memories, entertainment.ie, 3 maggio 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  7. ^ (EN) Kathy McCabe, Daft Punk's human touch in new album Random Access Memories, News.com.au, 9 maggio 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  8. ^ Filmato audio Daft Punk - Instant Crush ft. Julian Casablancas, su YouTube, 6 dicembre 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  9. ^ La cover di Natalie Imbruglia di "Instant Crush" dei Daft Punk, Il Post, 13 marzo 2015. URL consultato l'8 novembre 2015.
  10. ^ (EN) Daft Punk Starring Julian Casablancas – Instant Crush, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  11. ^ a b c d e (NL) Daft Punk feat. Julian Casablancas - Instant Crush, Ultratop. URL consultato l'11 novembre 2014.
  12. ^ (EN) Daft Punk - Chart history (Dance/Electronic Songs), Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  13. ^ (EN) Daft Punk - Chart history (Dance/Electronic Digital Songs), Billboard. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  14. ^ (EN) Daft Punk - Chart history (Dance/Electronic Streaming Songs), Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  15. ^ (EN) Daft Punk - Chart history (On-Demand Songs), Billboard. URL consultato il 10 febbraio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]