Random Access Memories

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Random Access Memories
ArtistaDaft Punk
Tipo albumStudio
Pubblicazione21 maggio 2013
Durata74:24
Dischi1
Tracce13
GenereDisco
Funk
EtichettaColumbia, Daft Life
ProduttoreThomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo
RegistrazioneGang Recording Studio, Parigi (Francia)
Henson Recording Studios, Conway Recording Studios e Capitol Studios, Hollywood (California)
Electric Lady Studios, New York (New York)
FormatiCD, 2 LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroDanimarca Danimarca[1]
(vendite: 15 000+)
Finlandia Finlandia[2]
(vendite: 15 000+)
Giappone Giappone[3]
(vendite: 100 000+)
Spagna Spagna[4]
(vendite: 20 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia (2)[5]
(vendite: 140 000+)
Austria Austria[6]
(vendite: 15 000+)
Belgio Belgio[7]
(vendite: 30 000+)
Canada Canada (2)[8]
(vendite: 160 000+)
Germania Germania[9]
(vendite: 200 000+)
Irlanda Irlanda[10]
(vendite: 15 000+)
Italia Italia[11]
(vendite: 60 000+)
Messico Messico (2)[12]
(vendite: 120 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[13]
(vendite: 15 000+)
Polonia Polonia (2)[14]
(vendite: 40 000+)
Regno Unito Regno Unito[15]
(vendite: 300 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[16]
(vendite: 1 000 000+)
Svezia Svezia[17]
(vendite: 40 000+)
Svizzera Svizzera[18]
(vendite: 20 000+)
Dischi di diamanteFrancia Francia[19]
(vendite: 700 000+)
Daft Punk - cronologia
Album successivo
Singoli
  1. Get Lucky
    Pubblicato: 19 aprile 2013
  2. Lose Yourself to Dance
    Pubblicato: 13 agosto 2013
  3. Instant Crush
    Pubblicato: 22 novembre 2013
  4. Give Life Back to Music
    Pubblicato: 31 gennaio 2014

Random Access Memories è il quarto album in studio del gruppo musicale francese Daft Punk, pubblicato il 17 maggio 2013 dalla Columbia Records.

Anticipato dal singolo Get Lucky, che ha visto la partecipazione di Pharrell Williams e di Nile Rodgers, si tratta del primo album in studio del gruppo a otto anni di distanza dalla pubblicazione di Human After All. Nei primi quattro giorni di pubblicazione ha venduto più di 133.000 copie nel solo Regno Unito, diventando così l'album più velocemente venduto dell'anno.[20]

Il disco è stato premiato ai Grammy Awards 2014 come Album dell'anno e Miglior album dance/elettronico.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'Alive 2006/2007 Tour, i Daft Punk iniziarono a lavorare sul loro nuovo materiale in studio nel 2008. Come volle ricordare Thomas Bangalter, il gruppo avrebbe dato il via ad una serie di sperimentazioni volte ad espandere la gamma di strumenti utilizzati all'interno dei propri album, con la presenza di tastiere, batteria e chitarre per la realizzazione delle demo nell'arco di otto mesi.[21] In origine, il duo fu abbastanza soddisfatto del lavoro in termini di composizione, ma non era altrettanto convinto per quanto riguardava il concept dell'album.[22]

Random Access Memories si sviluppò quindi come parte del loro tour intrapreso nel 2007, e nacque come frutto di numerosi sperimenti musicali operati durante i loro concerti, in seguito a delle collaborazioni con alcuni musicisti.[23] Tali artisti vennero attentamente scelti e selezionati dai Daft Punk, che vollero reclutare il maggior numero possibile di strumentisti degli Anni Settanta e Ottanta, considerata "l'era più adatta e affascinante per questo progetto".[24]

In primo luogo, l'album vanta la presenza del chitarrista Nile Rodgers,[25] frontman dei Chic (in particolare nei brani Get Lucky e Lose Yourself to Dance),[26] il quale spiegò che la sua collaborazione con i Daft Punk era «qualcosa di cui abbiamo parlato per molto tempo. Ci rispettiamo reciprocamente.»[27] Il duo si incontrò con Rodgers per la prima volta durante un listening party dei Daft Punk a New York diversi anni fa, e hanno sempre rimandato una possibile collaborazione a causa di alcuni conflitti di programmazione. Più tardi Thomas Bangalter e Guy-Manuel de Homem-Christo hanno fatto visita presso l'abitazione di Rodgers per una jam session, prendendo successivamente in considerazione la decisione di realizzare una collaborazione ufficiale.[28]

Il compositore e paroliere Paul Williams annunciò in un'intervista del 2010 che avrebbe preso parte al progetto insieme ai Daft Punk, che lo assunsero come tecnico del suono, prima che tale ruolo passasse, nel 2012, a Chris Caswell.

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Random Access Memories fu inciso in gran parte presso i Gang Recording Studio di Parigi, mentre le ultime sezioni ritmiche ebbero luogo in diversi studi di Hollywood, tra cui gli Henson Recording Studios e i Capitol Studios.

I Daft Punk decisero di registrare tutte le tracce dell'album con l'utilizzo della tecnologia digitale e di strumenti elettronici, in modo da inibire la loro creatività e l'innovazione. Hanno inoltre in gran parte utilizzato strumentazione dal vivo, limitando l'uso della musica elettronica, del sintetizzatore modulare e del vocoder.[24] Assunsero quindi come fonico il tastierista Chris Caswell,[29] con il quale il gruppo aveva avuto l'occasione di lavorare nel 2010, durante le riprese del film Tron: Legacy. Il batterista Omar Hakim[30] fu il primo ad essere coinvolto all'interno delle registrazioni del disco: in un primo momento, come pure svelato in un'intervista, Hakim aveva ipotizzato che il duo avrebbe voluto lavorare con lui per realizzare la base strumentale di ogni traccia;[31] al contrario, i Daft Punk specificarono di voler ricreare riff di batteria acustica suonata da Hakim,[32] in modo da dare all'album un tocco leggermente rock.[33] In un'intervista concessa nel novembre 2012 al magazine Guitar World, Nathan East, bassista dei Fourplay, confermò il suo coinvolgimento nel progetto.[34] Greg Leisz venne invece invitato per la creazione di alcune basi strumentali, suonando la pedal steel guitar.[35]

Una console nello studio A degli Henson Recording Studios, la stessa impiegata in Random Access Memories

I Daft Punk hanno invitato anche Nile Rodgers agli Electric Lady Studios di New York,[36] dove dovevano avere luogo gli ultimi lavori di missaggio: il lavoro con il duo francese ha fatto sentire il chitarrista come se "stessi lavorando con dei contemporanei"[37] e che entrambi si sono incoraggiati l'un l'altro durante il progetto.[38] Rodgers ha sottolineato inoltre di come lo stile musicale del duo si sia evoluto grazie all'esplorazione della musica del passato, spiegando che "sono andati indietro per andare avanti."[39]

Vari effetti sonori vennero registrati e inclusi nell'album con l'ausilio di alcuni tecnici del suono della Warner Bros,[40] come affermato da Guy-Manuel Christo.[41] Un esempio di quanto affermato sta nel fatto che, durante una cena tra i vari membri dello staff, i Daft Punk decisero di registrare con dei microfoni, posizionati sui tavoli,[35] i suoni delle posate utilizzate dai clienti di un ristorante. Una scelta analoga venne fatta quando, all'interno di un teatro di posa, venne ricreato l'effetto di una goccia d'acqua, registrato attraverso un sintetizzatore modulare.[42]

La maggior parte delle sedute di registrazione si svolsero a Parigi, mentre le sessioni ritmiche in varie città degli Stati Uniti d'America.[31] L'album venne concepito dal gruppo come il loro "album più sperimentale e completo", che al suo interno incorpora una grande varietà di strumenti, tra cui archi,[43] tastiera,[31] chitarra elettrica[43] e una sezione di strumenti a fiato.[40]

Alla realizzazione del progetto presero parte molti altri musicisti e produttori, come Giorgio Moroder,[44] Chilly Gonzales,[32] James Genus,[45] Pharrell Williams[23] e i The Neptunes.[46]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Tematiche e influenze[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del titolo dell'album ha radici molto complesse. Il membro del gruppo Thomas Bangalter ha spiegato in un'intervista concessa al settimanale Rolling Stone che il nome del disco è stato scelto con l'intenzione di unire e incapsulare il loro interesse per il passato,[47] facendo riferimento sia alla tecnologia sia all'esperienza umana.[48] Mentre infatti la tecnologia attuale consente una illimitata capacità di immagazzinare materiale registrato, il contenuto prodotto dagli artisti contemporanei è diminuito in termini di qualità.

Per quanto riguarda lo stile dell'album, Random Access Memories è stato creato con l'intenzione di rendere omaggio alla musica di fine Anni Settanta e primi Anni Ottanta, in particolare influenzata dal sound elettronico e futuristico della musica house.[49] Come punti di modello e riferimento i Daft Punk hanno ammesso di essersi ispirati a Fleetwood Mac dei Fleetwood Mac e The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd. È stato rivelato anche che Random Access Memories volle essere un tributo per gli artisti che hanno più segnato il duo nel corso della loro formazione, tra cui Michael Jackson,[50] i The Cars e gli Steely Dan.[51]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Le demo iniziali di Random Access Memories sono state create senza un chiaro piano per l'album.[52] Nel corso delle sedute, numerosi percorsi sono stati creati e scartati.[53] In quel periodo, i Daft Punk presero in considerazione l'intero ordine dell'album, simile a quello di Lovesexy di Prince; avevano anche ideato di rilasciare l'album come un cofanetto da quattro dischi, per accogliere il grande volume di contenuti prodotti.[54] La progettazione del lavoro mancò così di una struttura vera e propria fino agli ultimi mesi della produzione.[55]

La traccia d'apertura, Give Life Back to Music, segna l'inizio della collaborazione fra il gruppo e Nile Rodgers all'interno del progetto, e include anche la partecipazione di Paul Jackson Jr. e il batterista John Robinson. Nel testo, i Daft Punk si sono serviti del vocoder. Secondo il parere di Manuel e Thomas, il singolo riflette e si sofferma sull'obbiettivo del duo per creare "musica più lucida ed elegante".[56] Come dichiarato dal NME, l'album inizia con «una stupenda intro rock che cancella ogni traccia dei fragili tocchi techno di Human After All[57]

La traccia seguente, The Game of Love, è stata descritta da Nick Stevenson di Mixmag come «una canzone che parla di amore perduto che tira le corde del cuore, anche se venisse cantato da un androide.»[52] Within è stato uno dei primi brani ad essere registrati per l'album. Per la sua realizzazione è stato incaricato Chilly Gonzales di suonare il pianoforte[58] e di creare una base minima costituita anche da bassi e percussioni. Nel contesto dell'album, Within indica il passaggio delle tonalità in La minore nelle tre precedenti canzoni, alla chiave di Si minore delle tracce successive.[59] Instant Crush venne costruita secondo una demo che i Daft Punk presentarono a Julian Casablancas,[56] che ne fu entusiasta dopo averne sentito la sezione strumentale. La canzone contiene influenze rock e un assolo di chitarra, eseguito dallo stesso Casablancas.[60]

Lose Yourself to Dance è un pezzo funk e disco. Thomas Bangalter e Guy-Manuel de Homem-Christo hanno espresso che il brano è il risultato del desiderio di creare musica dance con batteria reale.[56] In particolare, Bangalter ha elaborato che desideravano ridefinire la musica dance come "qualcosa di più leggero", e che il brano ha la scopo di evocare il senso di essere unificati e collegati sulla pista da ballo.[61] La voce principale nel brano è quella di Pharrell Williams, mentre le voci aggiuntive sono state eseguite dai Daft Punk mediante l'utilizzo di un vocoder,[57] e le parti strumentali sono eseguite da Nile Rodgers alla chitarra, Nathan East al basso e John Robinson alla batteria. In Touch, seconda canzone scritta ed interpretata da Paul Williams, i Daft Punk hanno osservato come il pezzo fosse il più complesso del disco, essendo composto da 250 elementi.[56] Come Pitchfork Media osservò, «la canzone si piega e si deforma, e galleggia su generi, epoche ed emozioni diverse e coinvolgenti», che ricorda molto la natura di A Day in the Life dei Beatles.[54]

Get Lucky è il secondo singolo composto con il featuring vocale di Pharrell Williams. Il singolo rappresenta la nuova frontiera della musica dei Daft Punk, basata su suoni molto più funky e pop rispetto ai suoni molto elettronici dei precedenti album.[62] Da sottolineare il fatto che la canzone non presenta alcun campionamento di altre canzoni, cosa che i Daft Punk erano abituati a fare molto frequentemente (come per esempio nel 2001 con Discovery, fatto quasi interamente con campionamenti di canzoni Anni Settanta[63]). Mother è stato descritto dal gruppo come una sorta di "composizione futuristica", mentre Doin' It Right fu l'ultima canzone incisa durante le sedute di registrazione del disco, fortemente influenzata dal reggae.[56] Infine il brano conclusivo Contact è caratterizzato da un campionamento di We Ride Tonight dei The Sherbs e da un audio tratto dalla missione Apollo 17, concesso dalla NASA e dal capitano Eugene Cernan.[64]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2013, Guy-Manuel de Homem-Christo ha rivelato che i Daft Punk erano in procinto di firmare un contratto discografico con la Sony Music e la Columbia Records, con le quali avrebbero pubblicato il loro quarto album in studio nella primavera dello stesso anno.[65] La data della pubblicazione del disco venne precisata durante un'intervista concessa al The Guardian, previsto per maggio.[65]

Il 26 febbraio 2013, il sito ufficiale di Facebook del gruppo ha annunciato ufficialmente la partecipazione della Columbia Records per la pubblicazione di Random Access Memories[66] mediante una foto di due caschi, con scritto il nome dell'etichetta nell'angolo sotto a destra della foto. In seguito, tale foto venne in seguito esposta in numerosi cartelloni e manifesti in diverse grandi città, come San Francisco, Chicago, New York, Miami, Parigi, Berlino e Roma.[67]

Il 3 marzo 2013, sul celebre programma televisivo Saturday Night Live, è andato in onda uno spot di 15 secondi che mostrava una piccola parte del brano Get Lucky.[68] Il 12 aprile 2013, durante il Coachella Valley Music and Arts Festival 2013, è andato in onda il trailer del brano Get Lucky, rivelando la collaborazione di Nile Rodgers e Pharrell Williams nel brano;[69] il giorno seguente è andato in onda al Saturday Night Live un nuovo spot, della durata di un minuto, molto simile al trailer mostrato al Coachella Valley Music and Arts Festival 2013 del giorno precedente. Anch'esso mostrava Get Lucky.[70]

Il 19 aprile 2013 i Daft Punk hanno pubblicato attraverso il proprio profilo Vevo la versione radiofonica del brano, estratto come singolo apripista dell'album.[71] Il 13 maggio 2013, 8 giorni prima dell'uscita ufficiale di Random Access Memories, tutte le tracce vengono rese disponibili gratuitamente per lo streaming attraverso iTunes Store.[72]

Durante il Gran Premio di Monaco 2013, cinque giorni dopo la pubblicazione del disco, è stata attuata una campagna pubblicitaria del disco in collaborazione con la scuderia Lotus F1 Team, sulle cui vetture sono stati applicati degli adesivi promozionali; inoltre il duo ha partecipato a una serie di scatti e video promozionali con Lotus F1 Team.[73][74]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Entertainment Weekly[75] A
The A.V. Club[76] B+
AllMusic[77] 4.5/5 stelle
Chicago Tribune[78] 3/4 stelle
The Guardian[79] 4/5 stelle
Rolling Stone[80] 4/5 stelle
Slant Magazine[81] 3.5/5 stelle
Spin[82] 8/10
Pitchfork Media[83] 8.8/10
New Musical Express[84] 10/10

Random Access Memories è stato fortemente acclamato dalla critica musicale. Secondo Metacritic, che assegna punteggi su 100 tramite le recensioni di critici influenti, l'album ha totalizzato 87 punti sulla base di 47 recensioni, punteggio che segnala "plauso universale".[85]

La rivista NME ha detto che la nozione ideale per creare un lavoro come questo è semplicemente essere diversi e scavare più a fondo in sé stessi; questo è un vero album. Per questo motivo, il New Musical Express, oltre ad avergli assegnato il massimo voto possibile (10 punti su 10),[86] lo ha posizionato al 497º posto nella classifica dei "500 Migliori album di tutti i tempi".[87] Mark Richardson di Pitchfork Media ha definito l'album come «un innovativo mix di disco music, tech-house ed electro house, che si fonde perfettamente con il pop e il glam degli Anni Settanta». Richardson ha inoltre elogiato la costruzione e la registrazione del disco, dicendo che «gran parte del suo successo non si sarebbe mai avuto senza l'esecuzione magistrale dei musicisti e l'utilizzo perfetto degli strumenti.»[88] In seguito, Pitchfork collocò Random Access Memories al settimo posto nella sua lista dei "50 Migliori album del 2013".[89] Anche Heather Phares di AllMusic, dopo avergli assegnato un voto 4,5 stelle su 5, ha apprezzato molto i tocchi di musica rétro e disco presenti nelle tracce, notando in particolare come «i Daft Punk siano riusciti a superare loro stessi con questo lavoro. Potrebbero essere i dj più promettenti in un futuro prossimo. Ce ne vorrebbero come loro.»[90] Melissa Maerz di Entertainment Weekly lo ha definito «un miscuglio tra singoli radiofonici, atmosfere dello Studio 54, musica jazz. I Daft Punk sono veramente dei veri DJ superstar.» Tale settimanale ha poi dato all'album una rara "A".[91]

La celebre rivista Rolling Stone gli ha assegnato un voto di 4 stelle su 5, così come pure The Guardian,[92] ed entrambi sono rimasti colpiti soprattutto dalla prestazione canora di Pharrell Williams e della chitarra di James Genus in alcuni pezzi dell'album, aggiungendo che, «se i Daft Punk continuassero per questa strada, potrebbero veramente giungere ad un enorme successo in futuro.»[93]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Give Life Back to Music – 4:34 (Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Paul Jackson, Jr., Nile Rodgers)
  2. The Game of Love – 5:21 (Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo)
  3. Giorgio by Moroder – 9:04 (Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Giorgio Moroder)
  4. Within – 3:48 (Thomas Bangalter, Jason "Chilly Gonzales" Beck, Guy-Manuel de Homem-Christo)
  5. Instant Crush – 5:37 (Thomas Bangalter, Julian Casablancas, Guy-Manuel de Homem-Christo)
  6. Lose Yourself to Dance – 5:53 (Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Nile Rodgers, Pharrell Williams)
  7. Touch – 8:18 (Thomas Bangalter, Chris Caswell, Guy-Manuel de Homem-Christo, Paul Williams)
  8. Get Lucky – 6:07 (Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Nile Rodgers, Pharrell Williams)
  9. Beyond – 4:50 (Thomas Bangalter, Chris Caswell, Guy-Manuel de Homem-Christo, Paul Williams)
  10. Motherboard – 5:41 (Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo)
  11. Fragments of Time – 4:39 (Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Todd Imperatrice)
  12. Doin' It Right – 4:11 (Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Noah Lennox)
  13. Contact – 6:21 (Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Stéphane Quême, Garth Porter, Tony Mitchell, Daryl Braithwaite)
Traccia bonus nell'edizione giapponese
  1. Horizon – 4:24 (Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo)
The R.A.M. Interview – 10" bonus presente nell'edizione deluxe
  • Lato A
  1. Part 1 – 12:59
  • Lato B
  1. Part 2 – 13:23

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Orchestra (tracce 3, 7, 9 e 10)
  • Douglas Walter – conduzione
  • Joseph Solido – contractor
  • Assa Dori – primo violino
  • Johana Krejci, Rita Weber, Kevin Connolly, Joel Pargman, Song Lee, Irina Voloshina, Margaret Wooten, Mary K. Sloan, Nina Evtuhov, Miwako Watanabe, Samuel Fischer, Lisa Dondlinger, Rafael Rishik, Cynthia Moussas, Sara Perkins, Neel Hammond, Olivia Tsui, Calabria McChesney, Carrie Kennedy, Lisa Sutton, Audrey Solomon – violini
  • Andrew Picken, Alma Fernandez, Rodney Wirtz, Carolyn Riley, Harry Shirinian, Jody Rubin, Roland Kato, Ray Tischer – viole
  • Christina Soule, Paula Hochalter, Vanessa F. Smith, Timothy Loo, Armen Ksajikian – violoncelli
  • Charles Berghofer, Don Ferrone, Drew Dembowski – contrabbassi
  • Greg Huckins, Steve Kajala, Sara Andon – flauti
  • Earl Dumler – oboe
  • Marty Krystall – clarinetto
  • Gene Cipriano – clarinetto, clarinetto basso
  • Judith Farmer – fagotto
  • David Kosoff – flicorno contralto
  • Nathan Campbell, James Atkinson, Justin Hageman, Stephanie O'Keefe, Danielle Ondarza – corni francesi
  • Gary Grant, Warren Luening, Charles Findley, Larry McGuire – trombe
  • Andrew Martin, Charles Morillas, Charles Looper, Bob McChesney – tromboni
  • Craig Gosnell – trombone basso
  • Brian Kilmore, Mark Converse – percussioni

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christoproduzione
  • Julian Casablancas – coproduzione (traccia 5)
  • Todd Edwards – coproduzione (traccia 11)
  • DJ Falcon – coproduzione (traccia 13)
  • Peter Franco – registrazione, assistenza missaggio
  • Mick Guzauski – registrazione, missaggio
  • Florian Lagatta – registrazione
  • Daniel Lerner – ingegneria audio digitale
  • Seth Waldmann – assistenza missaggio, assistenza registrazione
  • Cory Brice, Nicolas Essig, Eric Eylands, Derek Karlquist, Miguel Lara, Mike Larson, Kevin Mills, Charlie Pakkari, Bill Rahko, Kyle Stevens, Doug Tyo, Eric Weaver – assistenza registrazione
  • Alana Da Fonseca, Phil Joly – registrazione aggiuntiva
  • Guillaume Le Braz – registrazione voce (traccia 3)
  • Bob Ludwigmastering

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2013) Posizione
Australia[116] 5
Australia (dance)[117] 1
Austria[118] 17
Belgio (Fiandre)[119] 3
Belgio (Vallonia)[120] 4
Canada[121] 12
Corea del Sud[122] 7
Danimarca[123] 16
Francia[124] 2
Germania[125] 22
Giappone[126] 76
Irlanda[127] 11
Italia[128] 17
Messico[129] 6
Paesi Bassi[130] 11
Polonia[131] 13
Regno Unito[132] 16
Spagna[133] 31
Stati Uniti[134] 19
Stati Uniti (dance/electronic)[135] 1
Svezia[136] 18
Svizzera[137] 2
Ungheria[138] 66
Classifica (2014) Posizione
Australia[139] 87
Australia (dance)[140] 9
Belgio (Fiandre)[141] 22
Belgio (Vallonia)[142] 11
Corea del Sud[143] 29
Francia[144] 12
Italia[145] 68
Messico[146] 30
Stati Uniti[147] 118
Stati Uniti (dance/electronic)[148] 2
Svezia[149] 74
Svizzera[150] 46

Date di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Paese Data di pubblicazione Formato Etichetta
Australia[151] 17 maggio 2013 CD, 2 LP,
download digitale
Sony Music, Columbia
Belgio[152]
Finlandia[153]
Germania[154]
Irlanda[155]
Nuova Zelanda[156]
Paesi Bassi[157]
Francia[158] 20 maggio 2013
Polonia[159]
Regno Unito[160]
Sudafrica[161]
Canada[162] 21 maggio 2013
Italia[163]
Russia[164]
Stati Uniti[165]
Giappone[166] 22 maggio 2013
India[167]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DA) Album Top-40: Uge 28. 2013, Tracklisten. URL consultato il 13 maggio 2015.
  2. ^ (FI) Daft Punk, Musiikkituottajat. URL consultato il 19 aprile 2015.
  3. ^ (JA) ゴールドディスク認定, Recording Industry Association of Japan. URL consultato il 19 aprile 2015.
  4. ^ (ES) Daft Punk – Random Access Memories, Productores de Música de España. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  5. ^ (EN) Accreditations - 2014 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 10 agosto 2015.
  6. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 30 gennaio 2016. Digitare "Daft Punk" in "Interpret", dunque premere "Suchen".
  7. ^ (NL) Goud en Platina – 2014, Ultratop. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  8. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  9. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 19 aprile 2015.
  10. ^ (EN) 2013 Certification Awards - Platinum, irishcharts.ie. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  11. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 30 settembre 2013.
  12. ^ (ES) Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas, Certificados Musicales Amprofon, Facebook, 7 aprile 2014. URL consultato il 10 aprile 2014.
  13. ^ (EN) NZ Top 40 Albums Chart, The Official New Zealand Music Charts. URL consultato il 23 febbraio 2014.
  14. ^ (PL) Przyznane w 2014 roku, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 19 aprile 2015.
  15. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 22 luglio 2013. Digitare Daft Punk" in "Keywords", dunque premere "Search".
  16. ^ (EN) Random Access Memories – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 6 febbraio 2014.
  17. ^ (SV) Veckolista Album - Vecka 34, 23 augusti 2013, Sverigetopplistan. URL consultato il 19 aprile 2015.
  18. ^ (EN) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 19 aprile 2015.
  19. ^ (FR) Certifications Albums – Année 2013 (PDF), Syndicat national de l'édition phonographique, 18 dicembre 2013. URL consultato il 2 marzo 2014.
  20. ^ Daft Punk: Record di vendite
  21. ^ 'Tron: Legacy's' orchestral score reveals a new side of Daft Punk, su PopMatters. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  22. ^ (FR) Daft Punk revient avec "Random Access Memories", su O le cahier des tendances de L'Obs. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  23. ^ a b Daft Punk Reveal Secrets of New Album - Exclusive, su Rolling Stone. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  24. ^ a b Daft Punk, Random Access Memories: recensione dal web e dei lettori, su Soundsblog.it. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  25. ^ (EN) Chic - FasterLouder, su FasterLouder. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  26. ^ (EN) Exclusive: Daft Punk's new album Random Access Memories is "smoking" - inthemix, su inthemix. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  27. ^ (EN) Exclusive: Daft Punk's new album Random Access Memories is "smoking" - inthemix, su inthemix. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  28. ^ (EN) Chic - FasterLouder, su FasterLouder. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  29. ^ Icons: Mick Guzauski on Engineering and Mixing Daft Punk's "Random Access Memories", su sonicscoop.com. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  30. ^ LaRon Batchelor, Drummer Omar Hakim: Getting Lucky with Daft Punk & Stevie Wonder By LaRon Batchelor, 19 dicembre 2013. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  31. ^ a b c Daft Punk Reveal Secrets of New Album - Exclusive, su Rolling Stone. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  32. ^ a b Editions Larivière :, su numeriques.info. URL consultato il 6 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2013).
  33. ^ (EN) Cover Story: Daft Punk, su Pitchfork. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  34. ^ Interview: Bassist Nathan East Discusses Fourplay's New Album and His Days with Eric Clapton | GuitarWorld, su www.guitarworld.com. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  35. ^ a b Daft Punk, interview-fleuve pour la sortie de “Random Access Memories”, su www.telerama.fr. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  36. ^ Electric Lady Studios: Daft Punk, su electricladystudios.com.
  37. ^ Watch Nile Rodgers Play a Few Riffs From Daft Punk’s New Album, su spin.com.
  38. ^ The Creators Project, Daft Punk | Random Access Memories | The Collaborators: Nile Rodgers, 11 aprile 2013. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  39. ^ Nile Rodgers: New Daft Punk Album 'Went Back to Go Forward', su Rolling Stone. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  40. ^ a b Daft Punk: How the Pioneering Dance Duo Conjured 'Random Access Memories' | Billboard, su Billboard. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  41. ^ NILE RODGERS SIGNS DEAL WITH WARNER BROS, NEW ALBUM DUE IN JUNE, su gigwise.com.
  42. ^ Daft Punk: All Hail Our Robot Overlords, su Rolling Stone. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  43. ^ a b Zach Baron,Christian Anwander, Daft Punk Profile Random Access Memories - GQ May 2013, su GQ. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  44. ^ BREAKING :: Giorgio Moroder Recorded With Daft Punk, su URB Magazine. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  45. ^ Field Day Radio, Field Day Festival, 25 settembre 2012. URL consultato il 3 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2012).
  46. ^ (EN) Daft Punk Produce New N.E.R.D. Track, su Pitchfork. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  47. ^ Daft Punk – Random Access Memories | Recensione | SENTIREASCOLTARE, su sentireascoltare. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  48. ^ Rockol.com s.r.l., √ Recensioni | Dischi | Daft Punk - RANDOM ACCESS MEMORIES su Rockol.it, su Rockol. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  49. ^ Alessio Lana, Daft Punk, Random Access Memories è low tech, su Corriere della Sera. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  50. ^ Daft Punk's, su Stoney Roads. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  51. ^ Random Access Accessories: 30 Albums to Listen to If You Love the New Daft Punk, su Vulture. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  52. ^ a b Daft Punk Reveal Secrets of New Album - Exclusive, su Rolling Stone. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  53. ^ (FR) Daft Punk : « Nous avons tenté une aventure humaine », su O le cahier des tendances de L'Obs. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  54. ^ a b (EN) Cover Story: Daft Punk, su Pitchfork. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  55. ^ (FR) Editions Larivière, su numeriques.info. URL consultato il 10 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2013).
  56. ^ a b c d e (FR) Daft Punk revient avec "Random Access Memories", su O le cahier des tendances de L'Obs. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  57. ^ a b (EN) NME.COM, NME Blogs | NME.COM, su NME.COM. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  58. ^ The Creators Project, Daft Punk | Random Access Memories | The Collaborators: Chilly Gonzales, 30 aprile 2013. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  59. ^ (EN) Louis Lepron, Album Review: Daft Punk - Random Access Memories, su Konbini United Kingdom. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  60. ^ Daft Punk's human touch in new album Random Access Memories, su NewsComAu. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  61. ^ VIBE Summer 2013 Cover: Pharrell And Daft Punk, su Vibe. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  62. ^ Daft Punk Releases Official 'Get Lucky' Single | Billboard, su Billboard. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  63. ^ The Creators Project, Daft Punk | Random Access Memories | The Collaborators: Pharrell Williams, 15 aprile 2013. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  64. ^ (EN) Note di copertina di Random Access Memories, Daft Punk, Columbia Records, CD, 21 maggio 2013.
  65. ^ a b (EN) Guardian music, Daft Punk to release studio album after signing deal with Columbia, in The Guardian, 28 gennaio 2013. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  66. ^ (EN) Daft Punk Confirm Alliance With Columbia, su Pitchfork. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  67. ^ Elliott Batte, Daft Punk Posters Pop Up Across The Globe - Album And Tour Just Around The Corner? - Stereoboard, su Stereoboard.com. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  68. ^ Commercial 03/03/2013 - SNL, su youtube.com.
  69. ^ Trailer "Get Lucky" Trailer - Coachella Festival 2013, su youtube.com.
  70. ^ Trailer "Get Lucky" Trailer - SNL, su youtube.com.
  71. ^ Filmato audio Daft Punk, Daft Punk - Get Lucky (Official Audio) ft. Pharrell Williams, su YouTube, 19 aprile 2013. URL consultato il 29 marzo 2015.
  72. ^ Daft Punk's New Album 'Random Access Memories' Leaks Online, su music.yahoo.com. URL consultato il 14 maggio 2013.
  73. ^ (EN) Miriam Coleman, Daft Punk Attend Monaco Grand Prix to Support Their Own Racecar, Rolling Stone, 26 maggio 2013. URL consultato il 26 giugno 2015.
  74. ^ F1, Gran Premio di Monaco: in gara anche i Daft Punk, Rockol.it, 24 maggio 2013. URL consultato il 26 giugno 2015.
  75. ^ ew.com, http://www.ew.com/ew/article/0,,20700090,00.html.
  76. ^ avclub.com, http://www.avclub.com/articles/daft-punk-random-access-memories,97969/.
  77. ^ allmusic.com, http://www.allmusic.com/album/random-access-memories-mw0002521619.
  78. ^ chicagotribune.com, http://www.chicagotribune.com/entertainment/music/turnitup/chi-daft-punk-album-review-random-access-memories-reviewed-20130517,0,3033475.column.
  79. ^ guardian.co.uk, http://www.guardian.co.uk/music/2013/may/15/daft-punk-random-access-memories-review.
  80. ^ rollingstone.com, http://www.rollingstone.com/music/albumreviews/random-access-memories-20130513.
  81. ^ slantmagazine.com, http://www.slantmagazine.com/music/review/daft-punk-random-access-memories.
  82. ^ spin.com, http://www.spin.com/reviews/daft-punk-random-access-memories-columbia/.
  83. ^ pitchfork.com, http://pitchfork.com/reviews/albums/18028-daft-punk-random-access-memories/.
  84. ^ nme.com, http://www.nme.com/reviews/daft-punk/14423.
  85. ^ Random Access Memories by Daft Punk, su Metacritic. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  86. ^ (EN) NME.COM, NME Blogs | NME.COM, su NME.COM. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  87. ^ (EN) NME.COM, The 500 Greatest Albums Of All Time: 500-401 | NME.COM, su NME.COM. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  88. ^ (EN) Daft Punk: Random Access Memories, su Pitchfork. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  89. ^ (EN) Staff Lists: The Top 50 Albums of 2013, su Pitchfork. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  90. ^ Random Access Memories - Daft Punk | Songs, Reviews, Credits | AllMusic, su AllMusic. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  91. ^ Random Access Memories, su Entertainment Weekly's EW.com. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  92. ^ (EN) Alexis Petridis, Daft Punk: Random Access Memories – review, in The Guardian, 16 maggio 2013. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  93. ^ Daft Punk Random Access Memories Album Review, su Rolling Stone. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  94. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Daft Punk - Random Access Memories, Ultratop. URL consultato il 19 aprile 2015.
  95. ^ (EN) ARIA Dance – Week Commencing 27th May 2013 (PDF), Pandora Archive. URL consultato il 19 aprile 2015.
  96. ^ (EN) Daft Punk - Chart history (Canadian Albums), Billboard. URL consultato il 19 aprile 2015.
  97. ^ (KR) 2013년 23주차 Album Chart, Gaon Chart. URL consultato il 10 maggio 2015.
  98. ^ (HR) Top Kombiniranih – Tjedan 24. 2013., Hrvatska diskografska udruga. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  99. ^ (ET) R2 Eesti müügitabel, nädal 21/2013, Raadio 2. URL consultato il 4 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2013).
  100. ^ (JA) 2013年05月20日~2013年05月26日のCDアルバム週間ランキング, Oricon, 3 giugno 2013. URL consultato il 4 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2013).
  101. ^ (EL) Top-75 Albums Sales Chart (Εβδομάδα: 21/2013), IFPI Greece. URL consultato il 4 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2013).
  102. ^ (EN) Top 100 Artist Album, Week Ending 23 May 2013, GFK Chart Track. URL consultato il 19 aprile 2015.
  103. ^ (ES) Top 100 México – Semana Del 13 al 19 de Mayo 2013 (PDF), Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 4 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2013).
  104. ^ (PL) Sales for the period 20.05.2013 - 26.05.2013, OLiS. URL consultato il 19 aprile 2015.
  105. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 26 May 2013 - 01 June 2013, Official Charts Company. URL consultato il 19 aprile 2015.
  106. ^ (EN) Official Album Downloads Chart Top 100: 26 May 2013 - 01 June 2013, Official Charts Company. URL consultato il 19 aprile 2015.
  107. ^ (EN) Official Physical Albums Chart Top 100: 26 May 2013 - 01 June 2013, Official Charts Company. URL consultato il 19 aprile 2015.
  108. ^ (CS) Hitparáda – Týden 21. 2013., International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 19 aprile 2015.
  109. ^ (EN) Official Scottish Albums Chart Top 100: 26 May 2013 - 01 June 2013, Official Charts Company. URL consultato il 19 aprile 2015.
  110. ^ (SL) Zlovešča trinajstica Black Sabbath, RTV Slovenija, 21 giugno 2013. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  111. ^ (EN) Daft Punk - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato il 19 aprile 2015.
  112. ^ (EN) Daft Punk - Chart history (Dance/Electronic Albums), Billboard. URL consultato il 19 aprile 2015.
  113. ^ (EN) Daft Punk - Chart history (Digital Albums), Billboard. URL consultato il 19 aprile 2015.
  114. ^ (EN) Daft Punk - Chart history (Tastemaker Albums), Billboard. URL consultato il 19 aprile 2015.
  115. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 19 aprile 2015.
  116. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Albums 2013, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 19 aprile 2015.
  117. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 50 Dance Albums 2013, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 19 aprile 2015.
  118. ^ (DE) Jahreshitparade 2013, austriancharts.at. URL consultato il 19 aprile 2015.
  119. ^ (NL) Jaaroverzichten 2014 (Vl), Ultratop. URL consultato il 19 aprile 2015.
  120. ^ (FR) Jaaroverzichten 2014 (Wa), Ultratop. URL consultato il 19 aprile 2015.
  121. ^ (EN) Top Canadian Albums: 2014 Year-End Charts, Billboard. URL consultato il 19 aprile 2015.
  122. ^ (KR) 2013년 Album Chart, Gaon Chart. URL consultato il 10 maggio 2015.
  123. ^ (DA) Album Top-100 2013, Tracklisten. URL consultato il 4 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2014).
  124. ^ (FR) Julien Gonçalves, Daft Punk : 600.000 ventes pour l'album "Random Access Memories" en France, Charts in France, 3 marzo 2014. URL consultato il 19 aprile 2015.
  125. ^ (DE) Album – Jahrescharts 2013, offiziellecharts.de. URL consultato il 19 aprile 2015.
  126. ^ (JA) アルバム TOP100" [Album Top 100], Oricon. URL consultato il 19 aprile 2015.
  127. ^ (EN) Best of Albums, Irish Recorded Music Association. URL consultato il 19 aprile 2015.
  128. ^ Classifiche annuali 2013 "Top of the Music" FIMI-GfK, Federazione Industria Musicale Italiana, 2 aprile 2014. URL consultato il 19 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2015).
  129. ^ (ES) Los Más Vendidos 2013, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 4 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2014).
  130. ^ (NL) Jaaroverzichten 2013, dutchcharts.nl. URL consultato il 19 aprile 2015.
  131. ^ (PL) Najchętniej kupowane płyty roku 2013 – podsumowanie listy OLiS, Związek Producentów Audio-Video, 10 febbraio 2014. URL consultato il 4 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  132. ^ (EN) Daniel Lane, The Official Top 40 Biggest Artist Albums Of 2013, Official Charts Company, 1º gennaio 2014. URL consultato il 10 maggio 2015.
  133. ^ (ES) Listas anuales - 2013, Productores de Música de España. URL consultato il 19 aprile 2015.
  134. ^ (EN) Billboard 200 Albums: 2013 Year-End Charts, Billboard. URL consultato il 19 aprile 2015.
  135. ^ (EN) Dance/Electronic Albums: Year End 2013, Billboard. URL consultato il 19 aprile 2015.
  136. ^ (SV) Årslista Album – År 2013, Sverigetopplistan. URL consultato il 19 aprile 2015.
  137. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2013, Schweizer Hitparade. URL consultato il 19 aprile 2015.
  138. ^ (HU) Összesített album- és válogatáslemez-lista - eladási darabszám alapján - 2013, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 19 aprile 2015.
  139. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Albums 2014, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 19 aprile 2015.
  140. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 50 Dance Albums 2014, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 19 aprile 2015.
  141. ^ (NL) Jaaroverzichten 2014 (Vl), Ultratop. URL consultato il 19 aprile 2015.
  142. ^ (FR) Jaaroverzichten 2014 (Wa), Ultratop. URL consultato il 19 aprile 2015.
  143. ^ (KR) 2014년 Album Chart, Gaon Chart. URL consultato il 19 aprile 2015.
  144. ^ (FR) Julien Gonçalves, Les meilleures ventes d'albums de l'année 2014 en France, Charts in France, 19 gennaio 2015. URL consultato il 19 aprile 2015.
  145. ^ Classifiche annuali 2014 "Top of the Music" FIMI-GfK, Federazione Industria Musicale Italiana, 12 gennaio 2015. URL consultato il 19 aprile 2015 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2015).
  146. ^ (ES) Los Más Vendidos 2014, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 4 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2015).
  147. ^ (EN) Billboard 200 Albums: 2014 Year-End Charts, Billboard. URL consultato il 19 aprile 2015.
  148. ^ (EN) Dance/Electronic Albums: Year End 2014, Billboard. URL consultato il 19 aprile 2015.
  149. ^ (SV) Årslista Album – År 2014, Sverigetopplistan. URL consultato il 19 aprile 2015.
  150. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2014, Schweizer Hitparade. URL consultato il 19 aprile 2015.
  151. ^ Random Access Memories, su iTunes AU, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  152. ^ Random Access Memories, su iTunes BE, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  153. ^ Random Access Memories, su iTunes FI, iTunes. URL consultato il 1º aprile 2013.
  154. ^ Random Access Memories, su iTunes DE, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  155. ^ Random Access Memories, su iTunes IE, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  156. ^ Random Access Memories, su iTunes NZ, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  157. ^ Random Access Memories, su iTunes NL, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  158. ^ Random Access Memories, su iTunes FR, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  159. ^ Random Access Memories, su iTunes PL, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  160. ^ Sean Michaels, Daft Punk announce new album, Random Access Memories, su The Guardian, Guardian.co.uk, 25 marzo 2013. URL consultato il 30 marzo 2013.
    «French EDM godfathers continue their slow drip of information ahead of the album's May release [...] The long-awaited LP, the French duo's first with Columbia Records, is due on 20 May in the UK.».
  161. ^ Random Access Memories, su iTunes ZA, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  162. ^ Random Access Memories, su iTunes CA, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  163. ^ Random Access Memories, su iTunes IT, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  164. ^ Random Access Memories, su iTunes RU, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  165. ^ Andy Gensler, Daft Punk 'Get Funky' in New Teaser Ad for 'Random Access Memories', Billboard, 24 marzo 2013. URL consultato il 30 marzo 2013.
  166. ^ Random Access Memories, su iTunes JP, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.
  167. ^ Random Access Memories, su iTunes IN, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica