Starboy (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Starboy
Starboy.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaThe Weeknd
FeaturingDaft Punk
Tipo albumSingolo
Pubblicazione22 settembre 2016
Durata3:50
Album di provenienzaStarboy
GenereSynth pop
EtichettaXO, Republic
ProduttoreDaft Punk
Doc McKinney, Cirkut, Abel "The Weeknd" Tesfaye (coproduzione)
Registrazione2016
Gang Studio, Parigi (Francia)
Conway Recording Studio, Los Angeles (California)
FormatiDownload digitale[1]
Certificazioni
Dischi di platinoAustralia Australia (4)[2]
(vendite: 280 000+)
Belgio Belgio (2)[3]
(vendite: 40 000+)
Brasile Brasile (2)[4]
(vendite: 120 000+)
Canada Canada (3)[5]
(vendite: 240 000+)
Danimarca Danimarca (2)[6]
(vendite: 60 000+)
Germania Germania[7]
(vendite: 400 000+)
Italia Italia (3)[8]
(vendite: 150 000+)
Norvegia Norvegia (3)[9]
(vendite: 30 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (2)[10]
(vendite: 60 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[11]
(vendite: 600 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (6)[12]
(vendite: 6 000 000+)
Svezia Svezia (4)[13]
(vendite: 160 000+)
Dischi di diamanteFrancia Francia[14]
(vendite: 250 000+)
The Weeknd - cronologia
Singolo precedente
(2016)
Singolo successivo
(2016)
Daft Punk - cronologia
Singolo precedente
(2014)
Singolo successivo
(2016)

Starboy è un singolo del cantautore canadese The Weeknd, il primo estratto dall'album omonimo e pubblicato il 22 settembre 2016.[15]

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Traccia d'apertura dell'album, il singolo ha visto la partecipazione del duo francese di musica elettronica Daft Punk.[16]

Nella classifica dei 100 migliori brani pop del 2016 stilata dalla rivista statunitense Billboard, il brano si è classificato al quarto posto.[17]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip ha ricevuto una candidatura nella categoria miglior video agli MTV Europe Music Awards 2016,[18] trionfando nella stessa l'8 novembre.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Abel "The Weeknd" Tesfaye, Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Martin McKinney, Henry Russell Walter e Jason Quenneville.

Download digitale
  1. Starboy (ft. Daft Punk) – 3:50
Download digitale – remix
  1. Starboy (Kygo Remix) – 4:04

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2016) Posizione
massima
Australia[19] 2
Austria[19] 8
Belgio (Fiandre)[19] 2
Belgio (Vallonia)[19] 1
Canada[20] 1
Canada (digital)[21] 1
Danimarca[19] 1
Finlandia[19] 3
Francia[22] 1
Germania[19] 3
Giappone[23] 67
Irlanda[24] 2
Italia[19] 6
Norvegia[19] 1
Nuova Zelanda[19] 1
Paesi Bassi[19] 1
Regno Unito[25] 2
Spagna[19] 16
Stati Uniti[26] 1
Stati Uniti (adult pop)[27] 10
Stati Uniti (adult R&B)[28] 18
Stati Uniti (dance/mix show airplay)[29] 2
Stati Uniti (digital)[30] 1
Stati Uniti (on-demand)[31] 1
Stati Uniti (pop)[32] 3
Stati Uniti (R&B)[33] 1
Stati Uniti (R&B streaming)[34] 1
Stati Uniti (R&B/hip-hop)[35] 1
Stati Uniti (R&B/hip-hop airplay)[36] 13
Stati Uniti (R&B/hip-hop digital)[37] 1
Stati Uniti (R&B/hip-hop streaming)[38] 1
Stati Uniti (radio)[39] 2
Stati Uniti (rhythmic)[40] 1
Stati Uniti (streaming)[41] 2
Svezia[19] 1
Svizzera[19] 2
Ungheria[42] 7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Starboy, Google Play. URL consultato il 26 settembre 2016.
  2. ^ (EN) Accreditations - 2017 Singles, Australian Recording Industry Association. URL consultato l'8 marzo 2017.
  3. ^ (NL) Goud en Platina – 2017, Ultratop. URL consultato il 22 aprile 2017.
  4. ^ (PT) Certificados, Associação Brasileira dos Produtores de Discos. URL consultato il 21 maggio 2017.
  5. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 24 dicembre 2016.
  6. ^ (DA) The Weeknd Feat. Daft Punk "Starboy", International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 27 novembre 2017.
  7. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 13 marzo 2017.
  8. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  9. ^ (NO) SØK: The Weeknd, IFPI Norge. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  10. ^ (EN) NZ Top 40 Singles Chart, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 27 febbraio 2017.
  11. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 24 dicembre 2016. Digitare "Starboy" in "Search BPI Awards" e premere Invio.
  12. ^ (EN) The Weeknd, Starboy – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 28 febbraio 2018.
  13. ^ (SV) IFPI Sweden, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 20 dicembre 2017. Scrivere The Weeknd feat. Daft Punk nella barra di ricerca in alto a destra. Fare clic su "Sok" e selezionare Starboy per vedere la certificazione.
  14. ^ (FR) Les Certifications, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  15. ^ (EN) Starboy, The Weeknd. URL consultato il 24 dicembre 2016.
  16. ^ Ascolta "Starboy", la nuova canzone di The Weeknd con i Daft Punk, Rolling Stone Italia, 22 settembre 2016. URL consultato il 26 settembre 2016.
  17. ^ (EN) Billboard's 100 Best Pop Songs of 2016: Critics' Picks, Billboard, 12 dicembre 2016. URL consultato il 16 dicembre 2016.
  18. ^ (EN) James Geddes, The Weeknd's New 'Starboy' Video For Daft Punk Song Collaboration Released, Nominated For MTV EMA [Video], Tech Times, 30 settembre 2016. URL consultato il 13 novembre 2016.
  19. ^ a b c d e f g h i j k l m n (NL) The Weeknd feat. Daft Punk - Starboy, Ultratop. URL consultato il 10 dicembre 2016.
  20. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Billboard Canadian Hot 100), Billboard. URL consultato il 30 novembre 2016.
  21. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Billboard Canadian Digital Songs), Billboard. URL consultato il 27 ottobre 2016.
  22. ^ http://www.snepmusique.com/tops-semaine/top-singles-telecharges/?ye=2016&we=39
  23. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Japan Hot 100), Billboard. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  24. ^ (EN) TOP 100 SINGLES, WEEK ENDING 1 December 2016, GFK Chart-Track. URL consultato il 30 novembre 2016.
  25. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100: 07 October 2016 - 13 October 2016, Official Charts Company. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  26. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (The Hot 100), Billboard. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  27. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Adult Pop Songs), Billboard. URL consultato il 17 novembre 2016.
  28. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Adult R&B Songs), Billboard. URL consultato il 27 ottobre 2016.
  29. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Dance/Mix Show Airplay), Billboard. URL consultato l'11 novembre 2016.
  30. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Digital Songs), Billboard. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  31. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (On-Demand Songs), Billboard. URL consultato il 4 novembre 2016.
  32. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Pop Songs), Billboard. URL consultato il 30 novembre 2016.
  33. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Hot R&B Songs), Billboard. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  34. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (R&B Streaming Songs), Billboard. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  35. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Hot R&B/Hip-Hop Songs), Billboard. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  36. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (R&B/Hip-Hop Airplay), Billboard. URL consultato il 30 novembre 2016.
  37. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (R&B/Hip-Hop Digital Songs), Billboard. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  38. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (R&B/Hip-Hop Streaming Songs), Billboard. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  39. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Radio Songs), Billboard. URL consultato il 17 novembre 2016.
  40. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Rhythmic Songs), Billboard. URL consultato il 27 ottobre 2016.
  41. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Streaming Songs), Billboard. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  42. ^ (HU) Single (track) Top 40 lista, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato l'8 ottobre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]