Gian Marco Remondina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gian Marco Remondina
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1996 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1977-1978Romanese32 (4)
1978-1979Pro Vercelli34 (3)
1979-1980Forlì23 (0)
1980-1981Pavia29 (2)
1981Sambenedettese0 (0)
1981-1985Carrarese113 (3)
1985-1986Reggiana32 (2)
1986-1987Orceana24 (0)
1987-1988Fidelis Andria32 (0)
1990-1992Lecco67 (4)
1992-1993Virescit Bergamo? (?)
1993-1996Brescello78 (0)
Carriera da allenatore
199?-1998LegnanoGiovanili
1998-1999Legnano
1999Cremapergo
2000-2003BresciaGiovanili
2004-2005Canzese
2005-2007Sassuolo
2007Piacenza
2008-2010Verona
2011SPAL
2011-2013Feralpisalò
2013-2016Carrarese
2016-2017Pistoiese
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º marzo 2017

Gian Marco Remondina (Rovato, 30 marzo 1958) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È sposato con Tiziana, conosciuta a Carrara, e ha due figli: Anna Giulia (tennista di livello nazionale) e Giacomo, calciatore dilettante[1][2]. Vive a Cossirano.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Remondina era un mediano, che faceva della corsa e della resistenza le sue armi migliori[3][4].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Schiera le sue squadre prevalentemente con il 4-3-3, modulo che all'occorrenza ha variato in un 4-3-1-2[2][5][6]; tuttavia ha applicato anche altri assetti tattici, mantenendo l'impostazione con quattro difensori e una punta centrale[7].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce con la Romanese, nel campionato di Serie D 1977-1978, realizzando 4 reti, suo record personale[3]. A partire dalla stagione successiva milita in Serie C2, con le maglie di Pro Vercelli, Forlì e Pavia[1][3]. Nel 1981 sale brevemente in Serie C1 con la Sambenedettese, prima di trasferirsi alla Carrarese[8]: qui rimane quattro anni, due dei quali agli ordini di Corrado Orrico, conquistando nel 1982 la promozione in Serie C1[1]. Chiude la sua militanza nelle file degli apuani con 113 presenze in campionato[8].

Nel 1985 passa alla Reggiana, con cui disputa il suo ultimo campionato di Serie C1. Prosegue la carriera con le maglie di Orceana e Fidelis Andria, sua unica tappa al Sud, nella quale sfiora la promozione in Serie C1 concludendo il campionato al terzo posto[4]. In seguito milita nel Lecco[3] e nella Virescit[9], e nel 1993, a 35 anni, scende nel Campionato Nazionale Dilettanti ingaggiato dal Brescello. Qui rimane per tre stagioni, ottenendo due promozioni (in Serie C2 nel 1994 e in Serie C1 nel 1995)[3], prima di concludere definitivamente la carriera agonistica.

In carriera ha disputato sette campionati di Serie C1 e sette di Serie C2, aggiudicandosi la Coppa Italia Serie C nell'annata 1982-1983 con la maglia della Carrarese.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia l'attività di allenatore nelle giovanili del Legnano[10], prima di passare sulla panchina della prima squadra, nel Campionato Nazionale Dilettanti 1998-1999[11]. Nella stagione successiva allena il Cremapergo[10][11], nella stessa categoria, venendo esonerato dopo 9 giornate[3].

In seguito passa al settore giovanile del Brescia, dove rimane per tre stagioni[10]. Nel 2004 torna su una panchina di prima squadra allenando la Canzese, in Serie D: la formazione lombarda vince il proprio girone, ottenendo la promozione in Serie C2, tuttavia non viene ammessa al campionato a causa dell'inadeguatezza del campo di gioco[3][10].

In seguito alla mancata iscrizione la società si scioglie[12][13], e l'ex compagno nel Brescello Nereo Bonato chiama Remondina al Sassuolo. Qui ottiene la promozione in Serie C1, vincendo i play-off nel campionato 2005-2006, e nella stagione successiva, sempre sulla panchina dei neroverdi, viene eliminato nei play-off del campionato di Serie C1[3][10].

Nel campionato 2007-2008 sale tra i cadetti, ingaggiato dal Piacenza per sostituire Giuseppe Iachini[14]. Privo del patentino di categoria, figura ufficialmente come vice di Felice Secondini[15], pur essendo a tutti gli effetti l'allenatore della formazione emiliana[14][16][17][18]; a causa di ciò, la società viene deferita dalla Commissione Disciplinare[16]. L'avventura della coppia Secondini-Remondina dura 10 giornate: in ottobre, dopo la sconfitta sul campo del Pisa, arriva l'esonero[10][18], causato dalla deficitaria posizione in classifica e dalle prestazioni deludenti[17].

Nell'estate 2008 Nardino Previdi lo porta all'Hellas Verona, militante in Lega Pro Prima Divisione[3]. Nella prima stagione, alla guida di una formazione composta da giovani e giocatori in prestito, ottiene un piazzamento di centroclassifica[19][20], subendo diverse contestazioni da parte della tifoseria[19]. Nel campionato 2009-2010 il Verona rimane in testa per gran parte della stagione[20], ma all'ultima giornata viene sconfitto in casa e superato dal Portogruaro: in seguito a questo risultato Remondina viene esonerato e sostituito da Giovanni Vavassori[21], che fallisce la promozione ai play-off.

Nel febbraio 2011 subentra a Egidio Notaristefano sulla panchina della SPAL, con l'obiettivo di raggiungere i play-off[22]. A fine stagione fallisce l'obiettivo finendo al decimo posto in campionato; in scadenza di contratto, Remondina e la società decidono di separarsi per divergenze di opinioni[23].

Nell'autunno 2011 viene ingaggiato dal FeralpiSalò, formazione bresciana di Lega Pro Prima Divisione[11], che conduce alla salvezza e da cui viene confermato per la stagione successiva[24]. Al termine della stagione 2012-2013 conclusasi con il 10º posto in classifica e la conquista della salvezza in anticipo, l'allenatore e la società decidono, di comune accordo, di non continuare il loro rapporto lavorativo[25].

Il 6 novembre 2013 viene ingaggiato come tecnico della Carrarese, in sostituzione di Maurizio Braghin[26]. Al termine del campionato, chiuso all'undicesima posizione, rinnova l'accordo fino al 30 giugno 2016[27] e nelle due stagioni successive ottiente un dodicesimo e un quinto posto in campionato.

L'11 giugno 2016 diventa il nuovo allenatore della Pistoiese, con cui firma un contratto annuale.[28] Viene sollevato dall'incarico il 1º marzo 2017 e sostituito da Gianluca Atzori.[29]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 25 marzo 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2004-2005 Italia Canzese D 34 24 6 4 CI-D 6 5 0 1 - - - - - PS 2 1 0 1 42 30 6 6 71,43
2005-2006 Italia Sassuolo C2 34+4 16+2 9+1 9+1 CI-LP 6 2 1 3 - - - - - - - - - - 44 20 11 13 45,45
2006-2007 C1 34+2 17+1 10 7+1 CI-LP 2 0 2 0 - - - - - - - - - - 38 18 12 8 47,37
Totale Sassuolo 74 36 20 18 8 2 3 3 82 38 23 21 46,34
2008-2009 Italia Verona LP-1D 34 11 15 8 CI-LP 4 1 2 1 - - - - - - - - - - 38 12 17 9 31,58
2009-2010 LP-1D 34+4 13+1 16+2 5+1 CI+CI-LP 3+4 2+3 0+0 1+1 - - - - - - - - - - 45 19 18 8 42,22
Totale Verona 72 25 33 14 11 6 2 3 83 31 35 17 37,35
2010-2011 Italia SPAL LP-1D 11 2 4 5 CI-LP - - - - - - - - - - - - - - 11 2 4 5 18,18
2011-2012 Italia Feralpisalò LP-1D 29 9 10 10 CI-LP 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 30 9 10 11 30,00
2012-2013 LP-1D 32 12 7 13 CI-LP 3 1 1 1 - - - - - - - - - - 35 13 8 14 37,14
Totale Feralpisalò 61 21 17 23 4 1 1 2 65 22 18 25 33,85
2013-2014 Italia Carrarese LP-1D 20 9 6 5 CI-LP 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 21 9 6 6 42,86
2014-2015 LP 38 9 17 12 CI-LP 2 0 2 0 - - - - - - - - - - 40 9 19 12 22,50
2015-2016 LP 34 13 12 9 CI-LP 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 36 14 12 10 38,89
Totale Carrarese 92 31 35 26 5 1 2 2 97 32 37 28 32,99
2016-2017 Italia Pistoiese LP 27 7 11 9 CILP 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 29 8 11 10 27,59
Totale carriera 371 146 126 99 36 16 8 12 2 1 0 1 409 163 134 112 39,85

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Carrarese: 1981-1982
Brescello: 1994-1995
Brescello: 1993-1994
Carrarese: 1982-1983

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Canzese: 2004-2005

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Remondina-Carrarese, è una storia di amici Bresciaoggi.it
  2. ^ a b Spal, il mister è Remondina, La Nuova Ferrara, 15 febbraio 2011, pag.33
  3. ^ a b c d e f g h i Remondina: ecco chi è l'allenatore che dovrà rilanciare l'Hellas Tggialloblu.it
  4. ^ a b Brescia e l'amico ritrovato «Con Remondina all'Andria. Mi ha fatto da papà calcistico», La Nuova Ferrara, 16 febbraio 2011, pag.31
  5. ^ Rombo batte tridente 2-0, Remondina: "Verona a doppio modulo" Tggialloblu.it
  6. ^ Spal, presentato Remondina: "Chiedo voglia di lottare e disponibilità. I playoff non possono sfuggirci"[collegamento interrotto] Tuttomercatoweb.com
  7. ^ «Nessun contatto Sarebbe stimolante», La Nuova Ferrara, 14 febbraio 2011, pag.33
  8. ^ a b Remondina, il tributo della Carrarese Feralpisalo.it
  9. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1996, ed. Panini, pag.341
  10. ^ a b c d e f La scheda di Remondina, nuovo allenatore gialloblu, hellasverona.it, 14 giugno 2008. URL consultato l'11 giugno 2013.
  11. ^ a b c Remondina è il nuovo allenatore della FeralpiSalò Feralpisalo.it
  12. ^ Addio Canzese, La Gazzetta dello Sport, 1º luglio 2005
  13. ^ Il Perugia in B e altre 10 di C non iscritte ai rispettivi campionati. Probabile ripescaggio del Napoli. Per la D scadenze iscrizioni l'8 luglio Nuovacosenza.com
  14. ^ a b Calcio, Piacenza: Remondina è il nuovo allenatore Repubblica.it
  15. ^ Piacenza: Secondini allenatore, Remondina sarà il vice Tuttomercatoweb.com
  16. ^ a b Comunicato ufficiale N.52/CDN Figc.it
  17. ^ a b Stagione 2007-2008 Storiapiacenza1919.it
  18. ^ a b In breve, La Repubblica, 24 ottobre 2007, pag.67
  19. ^ a b Stagione 2008-2009 - Parte 1 Hellasstory.net
  20. ^ a b Spal, Remondina di nuovo nella burrasca di Verona, Il Resto del Carlino, 20 aprile 2011
  21. ^ Via Remondina, in panchina Vavassori[collegamento interrotto], L'Arena, 11 maggio 2010
  22. ^ Cambio alla Spal, la panchina viene affidata a Remondina, Il Resto del Carlino, 15 febbraio 2011
  23. ^ Spal, nel giorno di Vecchi c'è il saluto di Remondina, La Nuova Ferrara, 16 giugno 2011
  24. ^ UFFICIALE: Feralpi Salò, confermato il tecnico Remondina Tuttomercatoweb.com
  25. ^ Mister Remondina non sarà l'allenatore della FeralpiSalò il prossimo anno[collegamento interrotto], radiovera.net, 24 maggio 2013. URL consultato l'11 giugno 2013.
  26. ^ UFFICIALE: Carrarese, esonerato Braghin. Arriva Remondina, in Tuttomercatoweb.com, 5 novembre 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.
  27. ^ Carrarese, Remondina: "Qui c'è molto entusiasmo. La passione di Buffon è un monito per tutti noi", in tuttolegapro.com, 14 maggio 2014. URL consultato il 14 maggio 2014.
  28. ^ Ufficiale Remondina nuovo tecnico Arancione uspistoiese1921.it
  29. ^ UFFICIALE: Pistoiese, via Remondina. Ecco Atzori Archiviato il 2 marzo 2017 in Internet Archive. tuttolegapro.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1981. Modena, ed.Panini
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1982. Modena, ed.Panini.
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1983. Modena, ed.Panini.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]