Gene Nelson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gene Nelson

Gene Nelson, nome d'arte di Leander Eugene Berg (Astoria, 24 marzo 1920Los Angeles, 16 settembre 1996), è stato un ballerino, attore, cantante, e regista cinematografico, teatrale e televisivo statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dalla natia Astoria (Oregon), all'età di un anno Gene Nelson seguì la famiglia prima a Seattle e successivamente a Santa Monica (California), dove iniziò ad appassionarsi al ballo e a seguire corsi di danza. Mentre frequentava il liceo, si distinse come ginnasta e come pattinatore sul ghiaccio, facendo il suo debutto sulle scene proprio in quest'ultima veste con la Sonja Henie Hollywood Ice Revue nello spettacolo It Happened on Ice (1937) presso il Broadway's Center Theater.

Notato da un talent scout della 20th Century Fox, Nelson fece un paio di apparizioni non accreditate sul grande schermo in Ho trovato una stella (1939) e Everything Happens at Night (1939), dopodiché fu arruolato e prestò servizio militare durante la seconda guerra mondiale. In quel periodo recitò in un film musicale di propaganda, This Is the Army (1943).

Terminato il conflitto, Nelson riprese la carriera cinematografica e apparve in alcuni altri ruoli non accreditati nei film Barriera invisibile (1947), e Le mura di Gerico (1948). Due anni più tardi firmò un contratto con la Warner Bros. e iniziò a comparire in una serie di pellicole musicali nelle quali si distinse come sorridente e atletico ballerino. Il primo di questi fu The Daughter of Rosie O'Grady (1950), in cui recitò accanto a June Haver, Gordon MacRae e Debbie Reynolds. Nello stesso anno apparve in un altro musical, Tè per due (1950), il primo di una serie di pellicole in cui recitò al fianco della giovane stella della Warner Doris Day. Ispirato alla pièce degli anni venti No, No, Nanette, la vicenda è incentrata su uno spensierato gruppo di artisti esordienti che tentano di scovare il denaro necessario a mettere in piedi una rivista, e Nelson impersonò Tommy Trainor, il primo ballerino della compagnia, dimostrando grande tecnica nei numeri di danza[1].

Nelson chiuse il 1950 con The West Point Story, ancora con Doris Day e con James Cagney e Virginia Mayo. L'anno seguente fu la volta di La ninna nanna di Broadway (1951), in cui ritrovò la Day e Gordon MacRae, e di Femmine bionde (1951), con Dennis Morgan e nuovamente Virginia Mayo. Con quest'ultima attrice Nelson recitò in altre occasioni, come in Il collegio si diverte (1952), che fu interpretato anche da Ronald Reagan, e in Virginia, dieci in amore (1953).

Nel 1954 Nelson cambiò momentaneamente registro e apparve nel poliziesco La città è spenta, con Sterling Hayden, mentre l'anno seguente tornò al musical e fu tra i protagonisti di Oklahoma! (1955), del quale si ricorda in particolare il numero di danza con il lazo sulle note di Everything's Up to Date in Kansas City.

Giunto all'apice della carriera, Nelson apparve sempre più frequentemente sul piccolo schermo in serie antologiche quali The Ford Television Theatre (1955), di genere poliziesco come Indirizzo permanente (1963) e Ironside (1967), e western come Gli uomini della prateria (1959), Gunsmoke (1959-1960), e Northwest Passage (1959), nell'episodio The Fourth Brother, in cui interpretò un uomo che tenta di dimostrare la propria estraneità a un omicidio, accanto a Buddy Ebsen e Keith Larsen. Dall'inizio degli anni sessanta l'attore era inoltre passato dietro la macchina da presa e, in veste di regista, debuttò con la serie televisiva western The Rifleman (1961-1962), mentre per il grande schermo diresse in due occasioni Elvis Presley nelle commedie musicali Il monte di Venere (1964), di cui fu anche co-sceneggiatore, e Avventura in Oriente (1965).

La successiva carriera di regista di Nelson si concentrò sulla televisione, per la quale egli diresse numerosi episodi di show di intrattenimento come The Donna Reed Show (1962-1965), e serie quali The Farmer's Daughter (1963-1965) e Strega per amore (1965). Contribuì al genere poliziesco televisivo, curando la regia di diversi episodi delle serie F.B.I. (1967-1970) e A tutte le auto della polizia (1973-1974). Diresse inoltre un episodio della serie classica di Star Trek, La posta in gioco (The Gamesters of Triskelion), girato nel 1968.

Nelson continuò l'attività di regista durante tutti gli anni settanta, dopo aver ottenuto un grande successo a Broadway nel ruolo di Buddy nella commedia musicale Follies, per la quale ottenne nel 1971 una nomination al premio Tony Award come miglior attore non protagonista in un musical, e con cui riconfermò il proprio talento e stile atletico nella danza.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Gene Nelson sposò nel 1941 Miriam Franklin, dalla quale ebbe un figlio, Douglas, e da cui divorziò nel 1956. Due anni più tardi si risposò con Marilyn Morgan, da cui ebbe due figli, Victoria e Christopher. Dopo il divorzio nel 1974 dalla Morgan, Nelson si risposò per la terza volta nel 1990 con Jean Martin.

Ritiratosi dalle scene dal 1981, dopo un'ultima apparizione nella commedia S.O.B. di Blake Edwards, Nelson morì di cancro il 16 settembre 1996, all'età di settantasei anni.

Filmografia come attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia come regista[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Rinaldi in: Barriera invisibile, Tè per due, Femmine bionde, Il collegio si diverte, Virginia, dieci in amore, Tre americani a Parigi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ George Morris, Doris Day, Milano Libri Edizioni, 1983, pag. 40

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN46968674 · ISNI: (EN0000 0000 5517 9694 · LCCN: (ENn88100605 · GND: (DE1064898130 · BNF: (FRcb141243859 (data)