Crazy World (Scorpions)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crazy World
Artista Scorpions
Tipo album Studio
Pubblicazione 6 novembre 1990
Durata 52 min : 53 s
Dischi 1
Tracce 11
Genere Hard rock
Etichetta Mercury Records
Produttore Keith Olsen
Note Il singolo Wind of Change è quello più venduto di tutti i tempi in Germania
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[10]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oro Finlandia Finlandia[6]
(vendite: 40 716)[7]

Messico Messico[8]
(vendite: 100 000+)

Norvegia Norvegia[9]
(vendite: 25 000+)
Dischi di platino Austria Austria[1]
(vendite: 50 000+)

Canada Canada (2)[2]
(vendite: 200 000+)
Germania Germania (2)[3]
(vendite: 1 000 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[4]
(vendite: 2 000 000+)

Svizzera Svizzera (2)[5]
(vendite: 100 000+)
Scorpions - cronologia
Album precedente
(1990)
Album successivo
(1991)
Singoli
  1. Tease Me Please Me
    Pubblicato: novembre 1990
  2. Don't Believe Her
    Pubblicato: dicembre 1990
  3. Wind of Change
    Pubblicato: gennaio 1991
  4. Send Me an Angel
    Pubblicato: 17 settembre 1991

Crazy World è l'undicesimo album in studio del gruppo hard & heavy tedesco Scorpions, pubblicato nel 1990 dalla Mercury Records.

È stato l'ultimo album del gruppo registrato con il bassista Francis Buchholz, e per questo motivo l'ultimo registrato dalla formazione che ha portato gli Scorpions al successo mondiale. Inoltre, è stato il primo album del gruppo ad essere immesso sul mercato dopo la fine della collaborazione con Dieter Dierks, storico produttore degli Scorpions.

L'album è famoso soprattutto per il singolo Wind of Change, riconosciuto come la canzone simbolo della caduta del Muro di Berlino e della conseguente riunificazione della Germania, oltre che uno dei singoli più venduti nella storia della musica. Altri brani di successo furono Tease Me Please Me, primo singolo estratto e notevole successo negli Stati Uniti, la ballata Send Me an Angel e Hit Between the Eyes (utilizzata due anni dopo come colonna sonora del film Freejack).

Genesi e contesto[modifica | modifica wikitesto]

Con Crazy World , gli Scorpions decisero di essere responsabili della produzione di un album per la prima volta dal 1974, anno in cui pubblicarono Fly to the Rainbow. Dopo anni di collaborazione con lo storico produttore Dieter Dierks, infatti, il gruppo decise di non rinnovare il contratto in scadenza dopo l'uscita di Savage Amusement.

« Anche se guidi una Ferrari, a un certo punto dovrai pure cambiare le gomme. Ci siamo resi conto che era il momento di modificare qualcosa, e poi il contratto era in scadenza... Volevamo dimostrare a Dieter che ce la potevamo fare anche senza di lui.[11] »
(Rudolf Schenker)

Gli Scorpions si rivolsero al produttore di fama internazionale Bruce Fairbairn (forte di collaborazioni con Bon Jovi e Aerosmith) per produrre il nuovo album. Fairbairn, però, si trovò costretto a declinare l'invito in quanto già impegnato con gli AC/DC per The Razors Edge. Fairbairn riuscirà comunque a lavorare per gli Scorpions nel loro album successivo, Face the Heat nel 1993. La scelta finale per la produzione di Crazy World ricadde su Keith Olsen, che aveva già lavorato con gruppi come Journey e Whitesnake. Il primo consiglio che Olsen diede alla band fu quello di rivolgersi a un compositore esterno, e fece il nome di Jim Vallance, che collaborerà a comporre gran parte di Crazy World.

Il presidente statunitense George H. W. Bush è stato pesantemente coinvolto nella decisione di nominare l'album Crazy World.

Inizialmente, la band aveva intenzione di intitolare l'album Restless Night. Tuttavia, verso la fine della fase di produzione del nuovo lavoro, il batterista Herman Rarebell sentì il presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush pronunciare sulla televisione americana: "You have to realize, we live in a crazy world" ("dovete rendervi conto che viviamo in un mondo folle"). Rarebell riconobbe subito il potenziale delle ultime due parole di Bush, per cui propose il titolo di Crazy World.

« Gli ultimi sviluppi politici sono stati davvero folli – è un mondo folle! Due anni fa, quasi nessuno avrebbe creduto alla caduta del muro e alla riunificazione della Germania.[12] »
(Herman Rarebell)

La copertina dell'album fu disegnata dal gruppo Hipgnosis, mentre le foto del booklet presenti al suo interno furono realizzate da Ross Halfin.[13]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Tease Me Please Me (Jabs, Vallance, Meine, Rarebell) – 4:44
  2. Don't Believe Her (Schenker, Vallance, Rarebell, Meine) – 4:55
  3. To Be With You in Heaven (Schenker, Meine) – 4:48
  4. Wind of Change (Meine) – 5:10
  5. Restless Nights (Schenker, Meine, Rarebell, Vallance) – 5:44
  6. Lust or Love (Meine, Rarebell, Vallance) – 4:22
  7. Kicks After Six (Buchholz, Vallance, Rarebell, Meine) – 3:49
  8. Hit Between the Eyes (Schenker, Rarebell, Meine, Vallance) – 4:33
  9. Money And Fame (Jabs, Rarebell) – 5:06
  10. Crazy World (Schenker, Meine, Rarebell, Vallance) – 5:08
  11. Send Me an Angel (Schenker, Meine) – 4:34

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

L'album rappresenta il maggiore successo degli Scorpions a livello internazionale. Pubblicato nel novembre del 1990, ha inizialmente faticato a scalare le classifiche, ma il successo del singolo Wind of Change ha reso la band un fenomeno mondiale e portato il disco nella top 10 delle principali classifiche europee.

L'album ha ottenuto meno successo rispetto ai precedenti negli Stati Uniti, piazzandosi solamente alla posizione numero 21 della Billboard 200. Tuttavia è rimasto in classifica per diversi mesi, il ché gli ha permesso di risultare comunque tra i venti dischi più venduti negli USA alla fine dell'anno[14] e di ottenere la certificazione di doppio disco di platino dalla RIAA.

Nel 1991, Crazy World e Wind of Change sono risultati rispettivamente come l'album e il singolo più venduto dell'anno sia in Germania che in Svizzera.[15][16][17]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1991) Posizione
Austria[33] 6
Canada[34] 88
Germania[15] 1
Italia[25] 50
Paesi Bassi[35] 16
Stati Uniti[14] 17
Svizzera[17] 1
Classifica (1992) Posizione
Germania[36] 50

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Classifica Posizione
massima
1990 Tease Me Please Me Stati Uniti (mainstream rock)[37] 8
1991 Don't Believe Her Stati Uniti (mainstream rock)[37] 13
Regno Unito[38] 77
Wind of Change Germania[39] 1
Francia[40] 1
Austria[41] 1
Svizzera[42] 1
Paesi Bassi[43] 1
Svezia[44] 1
Norvegia[45] 1
Stati Uniti (mainstream rock)[37] 2
Regno Unito[46] 2
Belgio (Fiandre)[47] 2
Stati Uniti[37] 4
Australia[48] 7
Canada[49] 10
Nuova Zelanda[50] 17
Send Me an Angel Svezia[51] 4
Paesi Bassi[52] 4
Belgio (Fiandre)[53] 4
Germania[54] 5
Francia[55] 8
Austria[56] 8
Stati Uniti (mainstream rock)[37] 8
Svizzera[57] 14
Regno Unito[58] 27
Stati Uniti[37] 44

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Austrian album certifications – Scorpions – Crazy World, IFPI Austria. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  2. ^ (EN) Gold Platinum Database - Scorpions, Music Canada. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  3. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  4. ^ (EN) Gold & Platinum Database – Savage Amusement, Recording Industry Association of America. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  5. ^ Hung Medien, The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Scorpions; 'Crazy World'). URL consultato il 22 ottobre 2014.
  6. ^ Kultalevyjen myöntämisrajat, Musiikkituottajat.
  7. ^ Scorpions, Musiikkituottajat.
  8. ^ (ES) Certificaciones – Scorpions, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas.
  9. ^ (NO) IFPI Norsk Platebransje, IFPI. URL consultato il 15 novembre 2014.
  10. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Scorpions" in "Keywords", dunque premere "Search".
  11. ^ Classic Rock Lifestyle Italia, numero 10, settembre 2013, pag. 100
  12. ^ Saarbrücker Zeitung, gennaio 1991
  13. ^ Das gesamte Cover und Booklet des Scorpions-Albums Crazy World bei Cover Paradies
  14. ^ a b (EN) 1991: Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  15. ^ a b (DE) Album – Jahrescharts 1991 su offiziellecharts.de. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  16. ^ (DE) Single – Jahrescharts 1991 su offiziellecharts.de. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  17. ^ a b (DE) Schweizer Jahreshitparade 1991 su Hitparade.ch, Hung Medien. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  18. ^ (EN) Australian Charts – Scorpions – Crazy World su australiancharts.com.
  19. ^ (DE) Austrian Charts – Scorpions – Crazy World su austriancharts.at.
  20. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 54, No. 9, August 03 1991 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  21. ^ (FI) Timo Pennanen, Sisältää hitin - levyt ja esittäjät Suomen musiikkilistoilla vuodesta 1972, 1ª ed., Helsinki, Kustannusosakeyhtiö Otava, 2006, ISBN 978-951-1-21053-5.
  22. ^ (FR) Le Détail des Albums de chaque Artiste, Infodisc.fr. URL consultato il 22 ottobre 2014. Selezionare SCORPIONS e premere OK.
  23. ^ (DE) German Charts – Scorpions – Crazy World su offiziellecharts.de.
  24. ^ (JA) Japan Charts – Scorpions – Crazy World, Oricon Style. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  25. ^ a b Gli album più venduti del 1991, hitparadeitalia.it. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  26. ^ (EN) Norwegian Charts – Scorpions – Crazy World su norwegiancharts.com.
  27. ^ (NL) Dutch Charts – Scorpions – Crazy World su dutchcharts.nl.
  28. ^ (EN) Chart Archive – Scorpions – Crazy World, Chart Stats. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  29. ^ (EN) Allmusic (Scorpions charts and awards), All Media Network.
  30. ^ (EN) Swedish Charts – Scorpions – Crazy World su swedishcharts.com.
  31. ^ (DE) Swiss Charts – Scorpions – Crazy World su hitparade.ch.
  32. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége, 23 giugno 1991. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  33. ^ (DE) Austriancharts – Jahreshitparade 1991, Austriancharts.at. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  34. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 55, No. 3, December 21 1991 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  35. ^ (NL) Jaaroverzichten 1991 su dutchcharts.nl. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  36. ^ (DE) Album – Jahrescharts 1992 su offiziellecharts.de. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  37. ^ a b c d e f (EN) Scorpions – Chart History, Billboard. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  38. ^ (EN) Chart Archive – Scorpions – Don't Believe Her, Chart Stats. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  39. ^ (DE) German Charts – Scorpions – Crazy World su offiziellecharts.de.
  40. ^ (FR) French Charts – Scorpions – Wind of Change su lescharts.com.
  41. ^ (DE) Austrian Charts – Scorpions – Wind of Change su austriancharts.at.
  42. ^ (DE) Swiss Charts – Scorpions – Wind of Change su hitparade.ch.
  43. ^ (NL) Dutch Charts – Scorpions – Wind of Change su dutchcharts.nl.
  44. ^ (EN) Swedish Charts – Scorpions – Wind of Change su swedishcharts.com.
  45. ^ (EN) Norwegian Charts – Scorpions – Wind of Change su norwegiancharts.com.
  46. ^ (EN) Chart Archive – Scorpions – Wind of Change, Chart Stats. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  47. ^ (NL) Ultratop Charts – Scorpions – Wind of Change, Ultratop.
  48. ^ (EN) Australian Charts – Scorpions – Wind of Change su australiancharts.com.
  49. ^ (EN) Top Singles - Volume 54, No. 6, July 13 1991 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  50. ^ (EN) New Zealand Charts – Scorpions – Wind of Change su charts.org.nz.
  51. ^ (EN) Swedish Charts – Scorpions – Send Me an Angel su swedishcharts.com.
  52. ^ (NL) Dutch Charts – Scorpions – Send Me an Angel su dutchcharts.nl.
  53. ^ (NL) Ultratop Charts – Scorpions – Send Me an Angel, Ultratop.
  54. ^ (DE) German Charts – Scorpions – Send Me an Angel su offiziellecharts.de.
  55. ^ (FR) French Charts – Scorpions – Send Me an Angel su lescharts.com.
  56. ^ (DE) Austrian Charts – Scorpions – Send Me an Angel su austriancharts.at.
  57. ^ (DE) Swiss Charts – Scorpions – Send Me an Angel su hitparade.ch.
  58. ^ (EN) Chart Archive – Scorpions – Send Me an Angel, Chart Stats. URL consultato il 22 ottobre 2014.