Eye II Eye

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eye II Eye
Artista Scorpions
Tipo album Studio
Pubblicazione 22 giugno 1999
Durata 62 min : 49 s
Dischi 1
Tracce 14
Genere Hard rock
Heavy metal
Etichetta PolyGram
Koch Records
Produttore Peter Wolf
Scorpions - cronologia
Album precedente
(1998)
Album successivo
(1999)

Eye II Eye è un album del gruppo musicale tedesco heavy metal Scorpions, pubblicato nel 1999.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album, il più sperimentale della band, esplora sonorità pop/dance decisamente inconsuete per un gruppo che aveva fatto del metal il proprio manifesto, ma se l'esperimento non ha riscosso i favori del pubblico (letteralmente schifato dal nuovo sound) non si può dire che la critica non abbia apprezzato il coraggio ed il tentativo di allargare le proprie frontiere musicali ad una band che non ha fatto niente di diverso da quanto proposto da altri gruppi come gli ZZ Top 10 anni prima e come gli U2 di quel periodo. Se confrontato con il precedente Pure Instinct, il nuovo lavoro si fa apprezzare proprio per la novità e la freschezza del suono, che risulta accattivante e duro nonostante la presenta dei campionamenti elettronici.

Si può contestare agli Scorpions di essere fuori moda (il Rudolf Schenker della copertina sembra un clone di The Edge degli U2), si può criticarli per essere andati troppo avanti nei tempi o giunti troppo tardi (già da qualche tempo imperavano gruppi techno-metal come i Prodigy o i White Zombie) ma non si può rimproverare alla band il fatto di non voler eseguire all'infinito brani melodici e romantici come Wind of Change.

Nonostante l'innovazione del sound, Eye II Eye non si discosta molto nella struttura dagli album degli Scorpions degli ultimi 10 anni: il disco si apre con un brano molto ritmato come Mysterious (in maniera del tutto analoga a Wild Child di Pure Instinct, Alien Nation di Face the Heat e Tease Me Please Me di Crazy World), prosegue con un altro brano dal ritmo sostenuto (in questo caso To Be No. 1) e sfocia poi, come tutti i precedenti, in una lunga scia di ballate intervallate, di tanto in tanto, da un brano nuovamente metal. Anche quest'album, esattamente come tutti i precedenti, si chiude con una struggente ballata, in questo caso con il brano A Moment in a Million Years.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Mysterious (Rieckermann, Schenker, Jabs, J.M. Byron, Meine) – 5:28
  2. To Be No. 1 (Peter Wolf, Jabs, Meine) – 3:57
  3. Obsession (Meine, Wolf) – 4:09
  4. 10 Light Years Away (Mick Jones, Marti Frederiksen, Meine, Schenker) – 3:52
  5. Mind Like a Tree (Schenker, Wolf, Meine) – 5:34
  6. Eye to Eye (Schenker, Meine) – 5:04
  7. What U Give U Get Back (Schenker, Wolf, Meine) – 5:02
  8. Skywriter (Schenker, Meine) – 4:55
  9. Yellow Butterfly (Schenker, Frederiksen, Meine) – 5:44
  10. Freshly Squeezed (Schenker, Wolf, Meine) – 3:58
  11. Priscilla (Schenker, Meine) – 3:17
  12. Du Bist So Schmutzig (Jabs, Schenker, Meine, Kottak) – 3:55
  13. Aleyah (Schenker, Meine) – 4:19
  14. A Moment in a Million Years (Meine) – 3:38

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Mysterious
  • Eye to Eye (b-sides: Yellow Butterfly, A Moment in a Million Years)
  • 10 Light Years Away (b-sides: Start Me Up, You And I (live))
  • To Be No. 1 (b-sides: To Be No. 1 (radio edit), Mind Like a Tree, Mind Power, To Be No. 1 (video))

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Anno Classifica Posizione
massima
1999 Finlandia[1] 37
Francia[2] 50
Germania[3] 6
Giappone[4] 84
Svizzera[5] 49
Ungheria[6] 24

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Classifica Posizione
massima
1999 Mysterious Stati Uniti (mainstream rock)[7] 26
To Be No. 1 Germania[8] 55

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Finnish Charts – Scorpions – Eye II Eye su finnishcharts.com.
  2. ^ (FR) French Charts – Scorpions – Eye II Eye su lescharts.com.
  3. ^ (DE) German Charts – Scorpions – Eye II Eye su offiziellecharts.de.
  4. ^ (JA) Japan Charts – Scorpions – Eye II Eye, Oricon Style. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  5. ^ (DE) Swiss Charts – Scorpions – Eye II Eye su hitparade.ch.
  6. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége, 18 aprile 1999. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  7. ^ (EN) Allmusic (Scorpions charts and awards), All Media Network.
  8. ^ (DE) German Charts – Scorpions – To Be No. 1 su offiziellecharts.de.