Battaglia di Tiffauges

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Tiffauges
parte delle guerre di Vandea
Bataille de Torfou-Tiffauges.JPG
Le donne di Tiffauges fermano i vandeani in fuga per combattere contro i Magontini di Kleber.
Dipinto di Alfred de Chasteignier.
Data 18 settembre 1793
Luogo Tiffauges e Torfou
Esito Vittoria vandeana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
6.000 uomini 20.000 uomini
Perdite
200 morti, 800 feriti 600 morti, 1.000 feriti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Tiffauges (o battaglia di Torfou) venne combattuta il 18 settembre 1793 durante le Guerre di Vandea e per la prima volta i vandeani si scontrarono con un grande esercito di truppe regolari.

Svolgimento della battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Gli eserciti vandeani provenienti da Cholet si incontrarono la sera del 17 settembre tra la campagna di Torfou, le cui fattorie e i suoi raccolti erano stati dati alle fiamme, si accamparono lì per la notte e la sera l'abate Bernier celebrò Messa alla luce delle torce e benedisse 20.000 uomini.

Il giorno dopo verso le nove del mattino, François Charette, il più avanzato di tutto l'esercito vandeano si dispose su un lato di Tiffauges e diede iniziò all'attacco: caricò con i suoi cavalieri e la fanteria al seguito penetrando le linee nemiche, ma presto si fecero prendere dal panico, perché per i vandeani era la prima volta che affrontavano l'esercito repubblicano in campo aperto. Charette riuscì a non fare ritirare i suoi, ma Kléber si lancia all'attacco accerchiando Torfou e costringendo l'esercito vandeano ad ritirarsi verso Tiffauges. In quella difficile situazione, le donne della città, che fino a quel momento stavano pregando per i loro mariti, imbracciarono le armi contro i repubblicani. Nel frattempo si lanciarono all'attacco anche gli altri capi vandeani, e giunse in rinforzo dei repubblicani 15.000 uomini di ritorno dall'assedio di Magonza i "Mayençains".

Cominciarono anche a sparare con l'artiglieria da entrambe le parti, Kléber rimase ferito alla spalla ma continuò a sostenere i suoi uomini, la situazione era in stallo, fu Lescure che diede una svolta alla battaglia, urlò: "Ci sono 400 uomini abbastanza coraggiosi da venire a perire con me?" - "Sì, signor marchese!" risposero 270 vandeani e con questo gruppetto di uomini si lanciò alla carica dei Mayençais, i quali non si aspettavano un attacco del genere e cominciarono a ritirarsi, l'esercito di d'Elbée però li fermò e li mando in rotta. Ormai i vandeani avevano preso il controllo della situazione, ed avevano completamente accerchiato le file repubblicane, prese dal panico. Kléber, nonostante coraggiosamente scelse di non abbandonare i suoi uomini pur essendo ferito, alla fine fu costretto a ritirarsi.