Assedio di Magonza (1793)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Assedio di Magonza del 1793
Die Belagerung von 1793 a.jpg
Schema dell'assedio di Magonza del 1793
Data14 aprile - 23 luglio 1793
LuogoMagonza
EsitoVittoria della coalizione
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
23 000 uomini
184 cannoni
36 000 uomini
poi
44 000 uomini
207 cannoni
Perdite
4 000 tra morti e feriti3 000 tra morti e feriti
Voci di guerre presenti su Wikipedia

L'assedio di Magonza del 1793 vide la conquista della città di Magonza (Mayence in francese, Mainz in tedesco) da parte dei Prussiani e degli Austriaci[1], dopo un assedio durato dal 14 aprile al 23 luglio 1793.

L'armata francese che era stata assediata a Magonza venne liberata dietro la promessa di non attaccare più le armate straniere. Essa giunse a Nantes il 6 settembre 1793, sotto il comando del generale Kléber.

Seguito[modifica | modifica wikitesto]

Il bombardamento colpì duramente gran parte della città e portò alla distruzione di molti edifici importanti. Il castello La Favorite, le stalle elettorali, il prevosto, le chiese domenicane e dei gesuiti furono completamente distrutte, mentre la chiesa di Nostra Signora[2], St. Gangolf (entrambi in seguito annullato)[non chiaro] e il duomo di Magonza furono gravemente danneggiati.

Con l'occupazione e l'assedio di Magonza le vecchie strutture sono state finalmente volgendo al termine. L'elettorato di Magonza, e la residenza del suo elettore non ha potuto recuperare dall'occupazione e le azioni politico-militare che ha portato derivano. Gli eventi del 1793 hanno segnato l'inizio e la distruzione del Aurea Moguntia. La città ha perso il suo status di residenza. Il loro status e goffratura dovrebbero cambiare nei prossimi decenni irrevocabili[non chiaro].

Persone legate all'assedio di Magonza[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La città e la cittadella era stata occupata dalle truppe del generale francese maresciallo di Francia Adamo Filippo de Custine il 21 ottobre 1792
  2. ^ La Vergine Maria con Gesù Bambino di Sant´Agostino
  3. ^ Nel 1783, combatté contro i prussiani al comando del 2º battaglione di Lot. Nominato generale di brigata e quindi di divisione il 28 novembre 1973 fu destinato alle armate di Reno e Mosella, di Magonza e d'Italia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Raymond Schmittlein: Un Recit de Guerre de Goethe le Siege de Mayence II. Editions Art et Science. Mayence. 1951.
  • (EN) Smith, D. The Greenhill Napoleonic Wars Data Book. Greenhill Books, 1998.
  • (DE) Goethe: Die Belagerung von Mainz.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]