Battaglia di La Tremblaye

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia di La Tremblaye
parte delle Guerre di Vandea
Lescure.jpg
Lescure ferito nella battaglia di La Tremblaye.
Vetrata della chiesa di Saint-Pavin a Le Pin-en-Mauges, realizzata da Jean Clamensv (~ 1890).
Data15 ottobre 1793
LuogoCholet
EsitoVittoria repubblicana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
~ 15.000 uomini~ 25.000 uomini
Perdite
1.200 - 1.500 morti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di La Tremblaye è stata una battaglia della Prima Guerra di Vandea combattuta il 15 ottobre 1793 a Cholet.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

L'esercito di Magonza continuava ad avanzare, incendiando molte città sul suo passaggio. Il 13 ottobre prese Clisson quindi Tiffauges e Torfou il 14 ottobre. Il 13 ottobre, Charles de Royrand e l'esercito del centro, respinti dalla divisione di Luçon del generale Bard che aveva incendiato Les Herbiers e La Verrie si rifugiò a Mortagne.

Tuttavia i generali vandeani decisero di evacuare la città e ripiegare su Cholet, inviando l'artiglieria a Beaupréau. L'ordine fu rapidamente effettuato e il 15 ottobre le truppe del generale Kléber entrarono a Mortagne trovandola abbandonata, le uniche persone che vi trovarono furono i molti prigionieri repubblicani che i vandeani dovettero lasciare nelle loro celle.

Dalla costa, il generale Alexis Chalbos aveva riformato il suo esercito a Bressuire e riprese la sua marcia, per congiungersi con gli altri due eserciti repubblicani in marcia verso Cholet dove si sarebbe giocata una battaglia decisiva.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Maurice d'Elbée, Louis Marie de Lescure, Charles de Bonchamps e Charles de Royrand dispiegarono le loro truppe a Saint-Christophe-du-Bois. D'Elbée aveva inviato una lettera a François Charette chiedendogli di prendere i repubblicani alle spalle ma non ricevette nessuna risposta.

Il 15 ottobre le truppe dell'esercito di Magonza e della divisione di Luçon passarono all'attacco vicino al castello di La Tremblaye, a sud-ovest di Cholet. Lescure riuscì a fare arretrare la divisione di Luçon, stanca dopo molti giorni di marcia. Il generale Bard, ferito, dovette essere sostituito dal suo tenente, il generale-aiutante Marceau. Beaupuy arrivò in rinforzo dei repubblicani e respinse i vandeani di Lescure, questo mentre cercava di richiamare i suoi uomini venne raggiunto da una pallottola alla testa che lo ferì gravemente, vedendo un loro generale caduto, i vandeani si demoralizzarono e credendolo morto, ripiegarono su Cholet.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Nella sera, il consiglio vandeano si riunì a Cholet mentre i soldati repubblicani si accampavano dinanzi alla città. I generali volevano difendere la città ma le truppe avevano poche munizioni, l'artiglieria e la polvere da sparo si trovavano a Beaupréau con il generale Marigny. Il principe de Talmont, generale di cavalleria, fu quindi incaricato di andare da Marigny e tornare con munizioni e artiglieria, ma alle quattro del mattino ancora non era di ritorno e dovettero evacuare Cholet prima dell'attacco repubblicano, così ripiegarono su Beaupréau lasciando la città ai repubblicani

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Yves Gras, La Guerre de Vendée, éditions Economica, 1994, p. 83.
  • Jean Tabeur, Paris contre la Province, les guerres de l'Ouest, éditions Economica, 2008, pp. 145–146.