Atherina boyeri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Latterino capoccione
Atherina boyeri 1.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Acanthopterygii
Ordine Atheriniformes
Famiglia Atherinidae
Sottofamiglia Atherininae
Genere Atherina
Specie A. boyeri
Nomenclatura binomiale
Atherina boyeri
Risso, 1810
Sinonimi

Atherina anterina, Atherina bonapartii, Atherina hyalosoma, Atherina lacustris, Atherina lagunae, Atherina mochon, Atherina mochon, Atherina presbyter, Atherina riqueti, Atherina risso, Atherina sarda, Atherina sardinella

Atherina boyeri, conosciuto comunemente come latterino capoccione, è un piccolo pesce d'acqua dolce e marina appartenente alla famiglia Atherinidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Presente nell'intero mar Mediterraneo, nel mar Nero (subsp.pontica), nel mar Caspio (subsp.caspia) ed in alcuni tratti delle coste atlantiche europee.
Essendo molto eurialino, frequenta soprattutto ambienti lagunari e di foce, ma si può incontrare anche in acque del tutto dolci e in mare, in baie riparate con fondi sabbiosi, misti o a Posidonia oceanica.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un pesciolino allungato e slanciato, con occhi molto grandi, bocca grande, obliqua e protrudibile a tubo. La pinna caudale è forcuta, la pinna anale è corta, le pinne dorsali sono due, ben separate e inserite indietro (più indietro delle pinne ventrali. Si riconosce dalla congenere Atherina hepsetus per il muso più corto del diametro dell'occhio e per alcuni particolari della colorazione.
La livrea è argentea con testa e ventre brillanti ed una linea scura sul fianco sulla quale decorre una linea brillante, spesso dorata.
Misura fino a 10 cm di lunghezza.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Ha dieta carnivora: si nutre di larve di pesci, plancton, piccoli crostacei, vermi (policheti) e molluschi[2].

Atherina boyeri

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Gregario, vive in fitti branchi.

Predatori[modifica | modifica wikitesto]

È una delle prede più frequenti di spigole ed altri pesci predatori. Costituisce un anello importantissimo nella catena alimentare delle zone lagunari e di estuario.

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Si cattura con apposite reti da posta (in cui si impiglia per gli opercoli branchiali e la grossa testa) in ambienti lagunari e lacustri. Le sue carni sono ottime; viene consumato fritto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Freyhof, J. & Kottelat, M. (2008), Atherina boyeri su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015.
  2. ^ (EN) Food items reported for Atherina boyeri su FishBase. URL consultato il 15 ottobre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]