Associazione Sportiva Dilettantistica Femminile Juventus Torino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
ASD Femminile Juventus Torino
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px five horizontal Black White stripes.svg Bianco, nero
Simboli Zebra
Dati societari
Città Torino
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Eccellenza
Fondazione 1978
Presidente Italia Andrea Ranieri
Allenatore Italia Stefano Serami
Stadio Stadio "A. Faccioli"
via Aristide Faccoli 72/A, loc. Mirafiori
Torino
(150 posti)
Sito web www.juventusfemminile.com
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Dilettantistica Femminile Juventus Torino, meglio nota come Juventus Femminile o Juventus Torino,[1] è una associazione sportiva dilettantistica di calcio femminile con sede a Torino. Nella stagione 2020-2021 partecipa al campionato di Eccellenza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Rita Guarino, tra le maggiori calciatrici ad avere indossato la maglia del club, qui nella stagione 1990-1991.

La prima società di calcio femminile a prendere il nome di "Juventus" fu l'ACF Juventus,[2] nota agli esordi come Juventus Val di Lanzo, con sede a Lanzo Torinese; fondata e presieduta dall'imprenditore Teresio Signoretto di Cumiana, fu attiva dal 1967 al 1976, anno in cui il patron, adducendo comportamenti antisportivi verso lui e la sua squadra, decise di terminare l'attività ufficiale non iscrivendola più a nessun campionato federale. In quegli stessi anni era attiva anche la Real Juventus che nel 1971 vinse il campionato italiano FICF.

L'attuale società nacque nel 1978 come Vernici Martino, assumendo due anni dopo la denominazione di Juventus Martino, per poi divenire nel 1981 Juve Piemonte. In questi anni, durante i quali cambiò spesso nome per abbinamento, dalla Serie C cominciò a risalire la china fino ad arrivare in Serie A nella stagione 1985. Tornò in massima categoria nell'annata 1991-1992, stavolta come FCF Juventus, ma retrocedette due stagioni più tardi.

Tra gli anni 1990 e gli anni 2000 tornò frequentemente a mutare denominazione, principalmente a seguito di fusioni con altri club minori dell'hinterland torinese quali la Libertas Beinasco e la CaprieVillarAlmese, società con sede a Villar Dora. Nel 2002 prese la denominazione di Juventus 1978, assumendo infine dal 2006 l'attuale nome. Nel 2009 affrontò una nuova fusione, stavolta con il Real Canavese, club di San Giusto Canavese.

Ha disputato il campionato di Serie A2 fino alla stagione 2011-2012, per poi retrocedere in Serie B in quella successiva. Al termine della stagione 2013-2014, presentò istanza tesa a ottenere il riconoscimento del caso di forza maggiore per rinuncia alla Serie B: la Federazione comunicò la sua non ammissione al campionato nazionale cadetto,[3] autorizzandola alla partecipazione al campionato regionale di Serie C. Al termine della stagione 2015-2016, vinse il campionato di Serie C e batté in finale di Coppa Piemonte il Romagnano, portando in bacheca due trofei prima della promozione in Serie B.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Femminile Juventus Torino
  • 1978 - Nasce la Girls Ball Torino Vernici Martino di Nichelino. Si iscrive in Serie C regionale.
  • 1978 - Nel girone unico della Serie C Piemontese. Cambia denominazione e sede in A.C.F. Vernici Martino di Torino.
  • 1979 - Nel girone unico della Serie C Piemontese.
  • 1980 - Nel girone unico della Serie C Piemontese. Cambia denominazione in A.C.F. Juventus Martino.
  • 1981 - In Serie C Piemontese. Cambia denominazione in A.C.F. Juve Piemonte.[4]
  • 1982 - In Serie C Piemontese. La Serie C diventa un campionato nazionale.
  • 1983 - 1ª nel girone A della Serie C. Promossa in Serie B. Cambia denominazione in F.C.F. Elettrik Elcat Juve Piemonte.
  • 1984 - 1ª nel girone A della Serie B. Promossa in Serie A. Vince le finali ed è Campione di Serie B 1984. Cambia denominazione in F.C.F. Juve Piemonte.
  • 1985 - 6ª in Serie A. Cambia denominazione in F.C.F. Juventus Bastino.
  • 1985-1986 - 4ª in Serie A.
  • 1986-1987 - 15ª in Serie A. Retrocede in Serie B, ma rinuncia al campionato iscrivendosi ai campionati regionali piemontesi di Serie C. Cambia denominazione in F.C.F. Juventus.
  • 1987-1988 - In Serie C Piemonte-Valle d'Aosta.
  • 1988-1989 - In Serie C Piemonte-Valle d'Aosta. Promossa in Serie B.
  • 1989-1990 - 6ª nel girone A della Serie B.
  • 1990-1991 - 2ª nel girone A della Serie B, va allo spareggio per la promozione in Serie A. Il 5 maggio 1991 a Roma Stadio Flaminio: Juventus-Acireale 2-1. Promossa in Serie A.
  • 1991-1992 - 13ª in Serie A.
  • 1992-1993 - 15ª in Serie A. Retrocede in Serie B. Rinuncia al campionato di Serie B e si iscrive in Serie C
  • 1993-1994 - In Serie C Piemonte-Valle d'Aosta. Promossa in Serie B.
  • 1994-1995 - 14ª nel girone A della Serie B. Retrocede in Serie C.
  • 1995-1996 - In Serie C Piemonte-Valle d'Aosta.
  • 1996-1997 - In Serie C Piemonte-Valle d'Aosta.
  • 1997-1998 - In Serie C Piemonte-Valle d'Aosta. Si fonde con la Libertas Beinasco cambiando la denominazione in Libertas Beinasco Juventus.
  • 1998-1999 - 1ª nel girone unico della Serie C Piemonte-Valle d'Aosta, perde i play-off d'accesso alla Serie B.
  • 1999-2000 - 6ª nel girone unico della Serie C Piemonte-Valle d'Aosta. Si fonde con la CaprieVillarAlmese cambiando la denominazione in F.C.F. Juventus C.V.A.
  • 2000-2001 - 1ª nel girone A della Serie C Piemonte-Valle d'Aosta. Promossa in Serie B.
  • 2001-2002 - 8ª nel girone A della Serie B. Rinuncia alla Serie B e s'iscrive in Serie C Piemonte-Valle d'Aosta.
  • 2002-2003 - 12ª nel girone unico della Serie C Piemonte-Valle d'Aosta. Cambia denominazione in F.C.F. Juventus 1978.
  • 2003-2004 - 1ª nel girone unico della Serie C Piemonte-Valle d'Aosta. Promossa in Serie B.
  • 2004-2005 - 4ª nel girone A della Serie B.
  • 2005-2006 - 6ª nel girone A della Serie B.
  • 2006-2007 - 6ª nel girone A della Serie B. Cambia denominazione in A.S.D. Femminile Juventus Torino.
  • 2007-2008 - 6ª nel girone A della Serie B.
  • 2008-2009 - 7ª nel girone A della Serie B.
  • 2009-2010 - 2ª nel girone A della Serie B. Promossa in Serie A2. Si fonde con la Real Canavese.
  • 2010-2011 - 8ª nel girone A della Serie A2.
  • 2011-2012 - 11ª nel girone A della Serie A2. Retrocede in Serie C dopo i play-out (perso 1-2 contro l'Atletico Oristano).
  • 2012-2013 - 1ª nel girone unico della Serie C Piemonte-Valle d'Aosta. Promossa in Serie B.
  • 2013-14 - 7ª nel girone A di Serie B. Rinuncia al campionato di Serie B e si iscrive in Serie C.
  • 2014-2015 - 5ª nel girone unico della Serie C Piemonte-Valle d'Aosta.
  • 2015-2016 - 1ª nel girone unico della Serie C Piemonte-Valle d'Aosta. Promossa in Serie B.
  • 2016-2017 - 6ª nel girone A della Serie B.
  • 2017-2018 - 5ª nel girone A della Serie B. Retrocede in Serie C.
  • 2018-2019 - 6ª nel girone A della Serie C.
  • 2019-2020 - 11ª nel girone A della Serie C.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1984

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Femminile Juventus Torino, su calciofemminileitaliano.it.
  2. ^ Largo al calcio femminile! A.C.F. Juventus, in Hurrà Juventus, n. 7, Torino, Juventus F.C., luglio 1970, pp. 20-21.
  3. ^ Decise le ammissioni ai campionati nazionali, su lnd.it, 1º agosto 2014. URL consultato il 27 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2014).
  4. ^ Dal comunicato ufficiale F.I.G.C.F. n. 2 del 18 marzo 1981.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]