Arcidiocesi di Diamantina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Diamantina
Archidioecesis Adamantina
Chiesa latina
Catedral diamantina 01.JPG
Regione ecclesiastica Leste 2
Diocesi suffraganee
Almenara, Araçuaí, Guanhães, Teófilo Otoni
Arcivescovo metropolita Darci José Nicioli, C.SS.R.
Arcivescovi emeriti João Bosco Oliver de Faria
Sacerdoti 72 di cui 64 secolari e 8 regolari
6.375 battezzati per sacerdote
Religiosi 10 uomini, 95 donne
Abitanti 524.000
Battezzati 459.000 (87,6% del totale)
Superficie 45.131 km² in Brasile
Parrocchie 52 (6 vicariati)
Erezione 6 giugno 1854
Rito romano
Cattedrale Sant'Antonio
Indirizzo C.P. 49, Rua do Contrato 104, 39100-000 Diamantina, MG, Brazil
Sito web www.arquidiamantina.org.br
Dati dall'Annuario pontificio 2014 (ch? · gc?)
Chiesa cattolica in Brasile

L'arcidiocesi di Diamantina (in latino: Archidioecesis Adamantina) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica in Brasile appartenente alla regione ecclesiastica Leste 2. Nel 2013 contava 459.000 battezzati su 524.000 abitanti. È retta dall'arcivescovo Darci José Nicioli, C.SS.R.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi comprende i seguenti comuni dello stato brasiliano di Minas Gerais: Alvorada de Minas, Angelândia, Aricanduva, Augusto de Lima, Buenópolis, Buritizeiro, Capelinha, Carbonita, Congonhas do Norte, Corinto, Couto de Magalhães de Minas, Curvelo, Datas, Diamantina, Felício dos Santos, Felixlândia, Gouveia, Inimutaba, Itamarandiba, Joaquim Felício, Lassance, Monjolos, Morro da Garça, Pirapora, Presidente Juscelino, Presidente Kubitschek, Santo Antônio do Itambé, Santo Hipólito, São Gonçalo do Rio Preto, Senador Modestino Gonçalves, Serra Azul de Minas, Serro, Três Marias e Várzea da Palma.

Sede arcivescovile è la città di Diamantina, dove si trova la cattedrale di Sant'Antonio.

Il territorio è suddiviso in 52 parrocchie, raggruppate in 6 foranie: Corinto, Curvelo, Diamantina, Itamarandiba, Pirapora e Serro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Diamantina fu eretta il 6 giugno 1854 con la bolla Gravissimum sollicitudinis di papa Pio IX, ricavandone il territorio dalle diocesi di Mariana, Olinda e Recife (oggi entrambe arcidiocesi) e dall'arcidiocesi di San Salvador di Bahia. Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Rio de Janeiro.

Il 1º maggio 1906 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Mariana.

Il 10 dicembre 1910 e il 25 agosto 1913 cedette porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Montes Claros (oggi arcidiocesi) e di Araçuaí.

Il 28 giugno 1917 è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Quandocumque se praebuit di papa Benedetto XV.

Successivamente, ha ceduto a più riprese porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione di nuove diocesi e precisamente:

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcos Cardoso de Paiva † (15 febbraio 1856 - 1860 dimesso) (vescovo eletto)
  • Sede vacante (1860-1863)
  • João Antônio dos Santos † (28 settembre 1863 - 17 maggio 1905 deceduto)
  • Joaquim Silvério de Souza † (5 maggio 1905 succeduto - 30 agosto 1933 deceduto)
  • Serafim Gomes Jardim da Silva † (26 maggio 1934 - 28 ottobre 1953 ritirato)
  • Jose Newton de Almeida Baptista † (5 gennaio 1954 - 12 marzo 1960 nominato vescovo di Brasília)
  • Geraldo de Proença Sigaud, S.V.D. † (20 dicembre 1960 - 10 settembre 1980 dimesso)
  • Geraldo Majela Reis † (3 febbraio 1981 - 14 maggio 1997 ritirato)
  • Paulo Lopes de Faria † (14 maggio 1997 - 30 maggio 2007 ritirato)
  • João Bosco Oliver de Faria (30 maggio 2007 - 9 marzo 2016 ritirato)
  • Darci José Nicioli, C.SS.R., dal 9 marzo 2016

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2013 su una popolazione di 524.000 persone contava 459.000 battezzati, corrispondenti all'87,6% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 580.367 630.350 92,1 90 55 35 6.448 35 62 66
1966 601.200 650.000 92,5 87 67 20 6.910 5 86 40
1968  ? 680.000  ? 71 65 6  ? 11 38
1976 582.123 598.534 97,3 59 49 10 9.866 13 34 56
1980 605.018 650.020 93,1 42 30 12 14.405 18 120 42
1990 524.000 540.000 97,0 52 36 16 10.076 1 20 118 30
1999 564.000 587.000 96,1 53 47 6 10.641 1 13 61 43
2000 571.000 594.000 96,1 57 50 7 10.017 1 14 61 44
2001 420.010 450.602 93,2 56 52 4 7.500 1 11 63 45
2002 447.861 480.487 93,2 57 53 4 7.857 1 11 62 45
2003 486.864 586.584 83,0 56 52 4 8.694 1 11 62 45
2004 486.864 586.584 83,0 59 55 4 8.251 1 11 62 47
2006 431.748 488.000 88,5 61 57 4 7.077 1 9 63 50
2013 459.000 524.000 87,6 72 64 8 6.375 10 95 52

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera del Vaticano Arcidiocesi cattoliche del Brasile Bandiera del Brasile
Aparecida | Aracaju | Belém do Pará | Belo Horizonte | Botucatu | Brasília | Campinas | Campo Grande | Cascavel | Cuiabá | Curitiba | Curitiba degli Ucraini | Diamantina | Feira de Santana | Florianópolis | Fortaleza
Goiânia | Juiz de Fora | Londrina | Maceió | Manaus | Mariana | Maringá | Montes Claros | Natal | Niterói | Olinda e Recife | Palmas | Paraíba | Passo Fundo | Pelotas | Porto Alegre | Porto Velho | Pouso Alegre | Ribeirão Preto | Rio de Janeiro | San Paolo | San Salvador di Bahia | Santa Maria | São Luís do Maranhão | Sorocaba | Teresina | Uberaba | Vitória | Vitória da Conquista
Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi