Arcidiocesi di Montes Claros

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Montes Claros
Archidioecesis Montisclarensis
Chiesa latina
Regione ecclesiastica Leste 2
Diocesi suffraganee
Janaúba, Januária, Paracatu
Arcivescovo metropolita José Alberto Moura, C.S.S.
Coadiutore João Justino de Medeiros Silva
Sacerdoti 61 di cui 31 secolari e 30 regolari
9.008 battezzati per sacerdote
Religiosi 49 uomini, 80 donne
Diaconi 9 permanenti
Abitanti 732.679
Battezzati 549.509 (75,0% del totale)
Superficie 45.450 km² in Brasile
Parrocchie 37
Erezione 10 dicembre 1910
Rito romano
Indirizzo C.P. 40, Av. Coronel Prates 142, 39310-970 Montes Claros, MG, Brazil
Sito web www.arquimoc.org.br
Dati dall'Annuario pontificio 2005 (ch? · gc?)
Chiesa cattolica in Brasile

L'arcidiocesi di Montes Claros (in latino: Archidioecesis Montisclarensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica in Brasile appartenente alla regione ecclesiastica Leste 2. Nel 2004 contava 549.509 battezzati su 732.679 abitanti. È retta dall'arcivescovo José Alberto Moura, C.S.S.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi comprende i seguenti comuni nella parte settentrionale dello stato brasiliano di Minas Gerais: Montes Claros, Berizal, Bocaiúva, Botumirim, Brasília de Minas, Campo Azul, Capitão Enéas, Claro dos Poções, Coração de Jesus, Cristália, Engenheiro Navarro, Francisco Dumont, Francisco Sá, Fruta de Leite, Glaucilândia, Grão Mogol, Guaraciama, Ibiaí, Itacambira, Japonvar, Jequitaí, Josenópolis, Juramento, Lagoa dos Patos, Lontra, Luislândia, Mirabela, Novorizonte, Olhos-d'Água, Padre Carvalho, Patis, Ponto Chique, Rubelita, Salinas, Santa Cruz de Salinas, São João da Lagoa, São João do Pacuí, São João da Ponte, Taiobeiras e Ubaí.

Sede arcivescovile è la città di Montes Claros, dove si trova la cattedrale di Nostra Signora di Aparecida.

Il territorio è suddiviso in 37 parrocchie, raggruppate in 7 settori: Norte, Sul, Sudeste, Sudoeste, Oeste, Leste e Centro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Montes Claros fu eretta il 10 dicembre 1910 con la bolla Postulat sane di papa Pio X, ricavandone il territorio dalla diocesi di Diamantina (oggi arcidiocesi). Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Mariana.

Il 28 giugno 1917 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Diamantina.

Il 1º marzo 1929, il 15 giugno 1957 e il 5 luglio 2000 ha ceduto porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente della prelatura territoriale di Paracatu (oggi diocesi) e delle diocesi di Januária e di Janaúba.

Il 25 aprile 2001 la diocesi è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Maiori Christifidelium di papa Giovanni Paolo II.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • João Antônio Pimenta † (7 marzo 1911 - 20 luglio 1943 deceduto)
  • Aristides de Araújo Porto † (20 luglio 1943 - 7 aprile 1947 deceduto)
  • Antônio de Almeida Moraes Junior † (29 settembre 1948 - 17 novembre 1951 nominato arcivescovo di Olinda e Recife)
  • Luís Victor Sartori † (4 marzo 1952 - 10 gennaio 1956 nominato vescovo coadiutore di Santa Maria)
  • José Alves de Sà Trindade † (27 maggio 1956 - 1º giugno 1988 ritirato)
  • Geraldo Majela de Castro, O.Praem. † (1º giugno 1988 succeduto - 7 febbraio 2007 ritirato)
  • José Alberto Moura, C.S.S., dal 7 febbraio 2007

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 732.679 persone contava 549.509 battezzati, corrispondenti al 75,0% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 700.000 701.000 99,9 33 18 15 21.212 8 41 26
1965 580.000 600.000 96,7 37 19 18 15.675 18 72 21
1968 625.000 650.000 96,2 38 15 23 16.447 31 60 18
1976 600.000 660.000 90,9 35 17 18 17.142 28 52 23
1980 647.000 704.000 91,9 35 14 21 18.485 34 49 23
1987 832.000 902.000 92,2 44 20 24 18.909 33 92 27
1999 993.000 1.078.000 92,1 50 27 23 19.860 33 129 34
2000 650.000 762.000 85,3 46 23 23 14.130 1 42 114 29
2001 609.604 762.005 80,0 45 21 24 13.546 1 48 127 31
2002 609.604 762.005 80,0 50 24 26 12.192 1 53 100 31
2003 586.143 732.679 80,0 53 30 23 11.059 8 61 80 42
2004 549.509 732.679 75,0 61 31 30 9.008 9 49 80 37

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera del Vaticano Arcidiocesi cattoliche del Brasile Bandiera del Brasile
Aparecida | Aracaju | Belém do Pará | Belo Horizonte | Botucatu | Brasília | Campinas | Campo Grande | Cascavel | Cuiabá | Curitiba | Curitiba degli Ucraini | Diamantina | Feira de Santana | Florianópolis | Fortaleza
Goiânia | Juiz de Fora | Londrina | Maceió | Manaus | Mariana | Maringá | Montes Claros | Natal | Niterói | Olinda e Recife | Palmas | Paraíba | Passo Fundo | Pelotas | Porto Alegre | Porto Velho | Pouso Alegre | Ribeirão Preto | Rio de Janeiro | San Paolo | San Salvador di Bahia | Santa Maria | São Luís do Maranhão | Sorocaba | Teresina | Uberaba | Vitória | Vitória da Conquista