Verbi spagnoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

"Don Quisciotte" di Honoré Daumier
Visione generale
 V · D · M 

I verbi spagnoli sono una delle parti più complesse della grammatica spagnola. Lo spagnolo è una lingua sintetica con un grado di flessione che va dal relativamente moderato fino a uno elevato, rivelato in massima parte nella coniugazione del verbo.

Come è tipico dei verbi di tutte le lingue, i verbi spagnoli esprimono un'azione o stato di un dato oggetto e, similmente ai verbi nella maggior parte delle lingue indoeuropee, quelli spagnoli subiscono la flessione secondo le seguenti categorie:

Il sistema verbale dello spagnolo moderno ha 14 paradigmi distinti e completi[1] (vale a dire insiemi di forme per ogni combinazione di tempo e modo), più un paradigma incompleto[2] (l'imperativo), come pure tre forme atemporali (infinito, gerundio e participio passato).

I 14 tempi regolari sono inoltre suddisvisi in sette tempi semplici e sette tempi composti (noti anche come perfetti). I sette tempi composti sono formati con il verbo ausiliare haber seguito dal participio passato. I verbi possono essere usati in altre forme, similmente il presente progressivo (inglese), il quale nei trattati di grammatica di solito non viene considerato un tempo speciale, ma solo una delle costruzioni verbali perifrastiche.

Nell'antico spagnolo c'erano due tempi (futuro semplice e composto del congiuntivo) che oggi risultano a tutti gli effetti obsoleti.

La coniugazione verbale spagnola è divisa (come quella italiana) in quattro categorie note come modi: indicativo, congiuntivo, imperativo e il cosiddetto, secondo la tradizione, modo infinito (le grammatiche più recenti lo chiamano formas no personales ("forme impersonali"). Questa quarta categoria contiene le tre forme non finite che ogni verbo possiede: infiniti, gerundio e participio passato (più precisamente "participio perfetto passivo"). Il participio passato può concordare per numero e genere proprio come fosse un aggettivo, prendendo quattro possibili forme. C'è inoltre un forma tradizionalmente nota come participio presente (per es. cantante, durmiente), ma di solito viene considerato un aggettivo derivato dal verbo, piuttosto che una forma del verbo stesso, dal momento che non tutti i verbi hanno questa forma.

Molti dei verbi maggiormente usati sono irregolari. Il resto ricade in una delle tre coniugazioni regolari, classificate in base alle loro terminazioni dell'infinito in -ar, -er o -ir. (La vocale della terminazione — a, e o i — viene chiamata vocale tematica.) I verbi in -ar sono quelli più numerosi (come accade per la coniugazione italiana dei verbi in -are) e i più regolari; per giunta, i nuovi verbi di solito adottano la forma -ar. I verbi in -er e -ir sono di meno e comprendono molti irregolari. Ci sono inoltre sottoclassi di verbi semi-regolari che mostrano alternanza vocalica condizionati dall'accento.

Indice

Accidenti di un verbo[modifica | modifica sorgente]

Coniugazione de "correre" in spagnolo.

Un accidente verbale viene definito come uno dei mutamenti della forma che un verbo può subire. I verbi spagnoli hanno cinque accidenti e ogni verbo muta quindi in base ai seguenti:

Persona e numero[modifica | modifica sorgente]

Similmente a quelli italiani, I verbi spagnoli sono coniugati in base a tre persone, ognuna delle quali ha un forma singolare e una plurale. In alcune varietà dello spagnolo, come in una della regione del Río de la Plata, viene usata una forma speciale della seconda persona.

Poiché lo spagnolo è una "lingua pro-drop", il pronome soggetto viene spesso omesso.

Prima persona[modifica | modifica sorgente]

La prima persona grammaticale si riferisce al parlante ('io'), mentre la prima persona plurale al parlante insieme ad almeno un'altra persona.

  • (Yo) hablo. 'Io parlo'.
  • (Nosotros) hablamos. 'Noi parliamo'. (Usato quando ci si riferisce a un gruppo che comprende almeno una persona di sesso maschile).
  • (Nosotras) hablamos. 'Noi parliamo'. (Usato quando ci si riferisce a un gruppo composto interamente da persone di sesso femminile)[3].

Seconda persona[modifica | modifica sorgente]

La seconda persona grammaticale si riferisce al destinatario, il ricevente della comunicazione ('tu, voi'). Lo spagnolo ha diversi pronomi (e forme verbali) per 'tu, voi', a seconda della relazione, familiare o formale, tra emittente e destinatario.

Forme singolari

  • (Tú) hablas. Singolare familiare. Usato quando ci si rivolge a qualcuno a cui si è strettamente affini: membri della famiglia, un amico intimo, un bambino, un domestico. Questo è anche la forma usata per rivolgersi alla divinità.
  • (Vos) hablás. Singolare familiare. Di solito usato allo stesso modo di . Il suo uso è ristretto ad alcune zone dell'America Latina. Nelle regioni dove sono impiegati sia il che il vos, quest'ultimo viene usato per denotare una più stretta affinità.
  • (Usted) habla. Singolare formale. Usato quando ci si rivolge rispettosamente a una persona o a una persona di livello sociale distante. Sebbene questo sia un pronome di seconda persona, esso usa forme verbali (oltre che pronomi oggetto e possessivi) di terza persona, in quanto si sviluppa come contrazione di vuestra merced ('vostra grazia', lett. 'vostra misericordia').

Forme plurali

  • (Vosotros) habláis. Usato quando ci si rivolge a persone strettamente affini: membri della famiglia, amici intimi, bambini, domestici... Questa è la sola forma usata in Spagna.
  • (Ustedes) hablan. Usato quando ci si rivolge rispettosamente a persone o a qualcuno di ceto sociale più distante. Simile a usted, esso usa le forme verbali di terza persona, per le stesse ragioni. Nell'America Latina, la forma ustedes serve come seconda persona plurale per situazioni sia familiari che formali.

Terza persona[modifica | modifica sorgente]

La terza persona grammaticale si riferisce a persona o cosa diversa dal parlante e dal destinatario.

Forme singolari

  • (Él) habla. 'egli/esso parla'. Usato per riferirsi a persona maschile o a cosa di genere (grammaticale) maschile.
  • (Ella) habla. 'lei/essa parla'. Usato per riferirsi a persona femminile o a cosa di genere (grammaticale) femminile.

Forme plurali

  • (Ellos) hablan. 'Loro/essi parlano'. Usato per un gruppo di persone o cose che comprendono almeno una persona o cosa di genere (grammaticale) maschile.
  • (Ellas) hablan. 'Loro/esse parlano'. Usato per riferirisi a un gruppo di persone o cose che sono tutte di genere (grammaticale) femminile.

Modo[modifica | modifica sorgente]

Il modo grammaticale è una delle tante forme distinte usate per segnalare la modalità. Nello spagnolo, ogni verbo ha le sue forme suddivise in tre modi.

  • Modo indicativo: il modo indicativo viene usato per affermazioni fattuali e convinzioni positive. Il condizionale spagnolo — benché semanticamente esprima la dipendenza di un'azione o proposizione rispetto a un'altra — è di solito considerato un "tempo" del modo indicativo, perché, sintatticamente, può apparire in una proposizione indipendente.
  • Modo congiuntivo: il modo congiuntivo esprime un'azione immaginata o desiderata nel passato, presente o futuro.
  • Modo imperativo: il modo imperativo esprime comandi diretti, richieste e proibizioni. Nello spagnolo, l'uso del modo imperativo potrebbe suonare schietto o addirittura brusco, per questo viene usato con parsimonia.

Tempo verbale[modifica | modifica sorgente]

Il tempo di un verbo indica il tempo in cui l'azione è avvenuta, secondo tre possibilità: passato, presente o futuro.

Forme impersonali o non finite del verbo[modifica | modifica sorgente]

Le forme verbali dello spagnolo non finite si riferiscono a un'azione o stato senza indicazioni sul tempo o sulla persona. Lo spagnolo ha tre forme impersonali:

Infinito[modifica | modifica sorgente]

Similmente all'italiano, L'infinito spagnolo è in genere la forma trovata nei dizionari[4]. Nello spagnolo esistono tre diverse terminazioni dell'infinito (corrispondenti a quelle italiane di -are, -ere e -ire):

  • "verbi in -ar" della prima coniugazione (primera conjugación).
Esempi: hablar ('parlare'); cantar ('cantare'); bailar ('ballare, danzare').
  • "verbi in -er" della seconda coniugazione (segunda conjugación).
Esempi: beber ('bere'); leer ('leggere'); comprender ('comprendere').
  • "verbi in -ir" della terza coniugazione (tercera conjugación).
Esempi: vivir ('vivere'); sentir ('sentire'); escribir ('scrivere').

Gerundio[modifica | modifica sorgente]

Nello spagnolo, come nell'italiano, il termine "gerundio" si riferisce a una forma verbale riscontrabile solo in frasi subordinate[5] (modali, causali, ipotetiche, concessive).

  • Per i verbi in -ar, la terminazione è -ando.
Esempi: hablando ('parlando'); cantando ('cantando'); bailando ('ballando, danzando').
  • Per i verbi in -er, la terminazione è -iendo.
Esempi: bebiendo ('bevendo'); leyendo [con mutamento grafico] ('leggendo'); comprendiendo ('comprendendo').
  • Per i verbi in -ir, la terminazione è ugualmente -iendo.
Esempi: viviendo ('vivendo'); sintiendo [con mutamento di vocale tematica] ('sentendo'); escribiendo ('scrivendo').

Participio passato[modifica | modifica sorgente]

Le forme del participio passato spagnolo corrispondono in massima parte a quelle corrispettive italiane terminanti in -ato, -uto e -ito (riferite rispettivamente alla 1a, 2a e 3a coniugazione) e alla forma inglese terminante in -en o -ed:

  • Per i verbi in -ar, la terminazione è -ado.
Esempi: hablado ('parlato'); cantado ('cantato'); bailado ('ballato, danzato').
  • Per i verbi in -er, la terminazione regolare è -ido.
Esempi: bebido ('bevuto'); leído [richiede il segno accentuativo] ('letto'); comprendido ('compreso').
  • Per i verbi in -ir, la terminazione regolare è ugualmente -ido.
Esempi: vivido ('vissuto'); sentido ('sentito'); hervido ('bollito').

Il participio passato, terminate invariabilmente in -o, viene impiegato seguendo la forma del verbo ausiliare haber per formare il tempo composto o il perfetto: He hablado ('Ho parlato'), Habían hablado ('Avevano parlato'), ecc.

Come succede per l'italiano, quando il participio passato viene impiegato come aggettivo, esso concorda con il nome che modifica, per es. una lengua hablada en España ('una lingua parlata in Spagna').

Il participio passato, in modo analogo, concordando con il soggetto di ser o estar, può essere usato per formare, rispettivamente, l'"effettiva" voce passiva (per es. Los platos fueron preparados en la mañana, 'I piatti vennero preparati al mattino') o la "passiva consecutiva" (per es. Los platos ya están preparados, 'I piatti già sono preparati').

Diatesi[modifica | modifica sorgente]

In grammatica, la diatesi o voce di un verbo descrive la relazione tra azione (o stato) espressa dal verbo e i partecipanti identificati dai suoi argomenti (soggetto, oggetto, ecc.).

Quando il soggetto è l'agente o chi compie l'azione, il verbo è diateticamente attivo. Quando il soggetto è il cosiddetto paziente, l'obiettivo o chi subisce l'azione, si ha la forma passiva.

Aspetto verbale[modifica | modifica sorgente]

L'aspetto verbale si riferisce alla possibilità che un'azione sia vista o meno come già completata.

  • Perfetto: nello spagnolo, i verbi coniugati con l'ausiliare haber ('avere [fatto qualcosa]') o il preterito fanno parte del perfetto.
  • Imperfetto: nello spagnolo, i tempi presente, imperfetto e futuro fanno parte dell'imperfetto.[senza fonte]

Coniugazione verbale nello spagnolo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Coniugazione spagnola.

Indicativo[modifica | modifica sorgente]

Il modo indicativo ha cinque tempi, ognuno dei quali ha una forma corrispondente del perfetto. Nelle classificazioni più arcaiche, i tempi condizionali venivano considerati parte di un modo condizionale indipendente. Le forme "continue" (come estoy hablando) non sono di solito considerate parte del paradigma verbale, sebbene appaiano spesso nei libri dedicati ai parlanti inglesi che imparano lo spagnolo. Da notare che i moderni studi grammaticali prendono in considerazione solo le forme semplici come "tempi", mentre le restanti come prodotti di tempi e aspetti.

Tempi semplici (tiempos simples)[modifica | modifica sorgente]

I tempi semplici sono le forme del verbo senza l'uso di un verbo ausiliare o modale. Diamo qui i seguenti tempi semplici spiegandone i loro usi:

Presente[modifica | modifica sorgente]

Il tempo presente è formato dalle terminazioni mostrate sotto:

Pronome soggetto verbi in -ar
(prima coniugazione)
verbi in -er
(seconda coniugazione)
verbi in -ir
(terza coniugazione)
yo -o -o -o
-as -es -es
vos -ás -és -ís
él / ella / usted -a -e -e
nosotros / nosotras -amos -emos -imos
vosotros / vosotras -áis -éis -ís
ellos / ellas / ustedes -an -en -en

Usi del presente indicativo

Questo tempo viene usato per indicare quanto segue:

  • Presente effettivo - esprime un'azione fatta proprio nel momento in cui la si compie.
María habla con Juan por teléfono. ('Maria sta parlando con Juan al telefono').
  • Presente abituale - esprime un'azione fatta regolarmente o abitualmente.
María llega al campo todos los sábados. ('María va in campagna ogni sabato').
  • Presente atemporale - esprime una verità generale non delimitata dal tempo.
Dos más dos son cuatro. ('Due più due fa quattro').
Los planetas giran alrededor del sol. ('I pianeti girano intorno al sole').
  • Presente storico - esprime un'azione accaduta nel passato, ma accettata al presente come fatto storico.
Fernando Magallanes descubre las Filipinas el 15 de marzo de 1521. ('Ferdinando Magellano scopre le Filippine il 15 marzo del 1521').
  • Futuro immediato - esprime un'azione che avverrà in un prossimo futuro con un alto grado di certezza.
Este junio, viajo a España. ('A giugno, vado in Spagna').
  • Valore dell'imperativo - In alcune zone della Spagna e America Latina (ma succede anche per l'italiano), il presente può essere usato (in tono esclamativo) con valore imperativo.
¡Ahora te vas y pides disculpas al señor Ruiz! ('Adesso vai e chiedi scusa al signor Ruiz').
Imperfetto (pretérito imperfecto)[modifica | modifica sorgente]

L'imperfetto è formato con le seguenti terminazioni:

Pronome soggetto verbi in -ar verbi in -er verbi in -ir
yo -aba -ía -ía
tú / Vos -abas -ías -ías
él / ella/ usted -aba -ía -ía
nosotros / nosotras -ábamos -íamos -íamos
vosotros / vosotras -abais -íais -íais
ellos / ellas / ustedes -aban -ían -ían

Usi dell'imperfetto

Questo tempo viene utilizzato per esprimere quanto segue:

  • Azione abituale nel passato. - esprime un'azione fatta abitualmente in un passato indeterminato che non si focalizza sulla sua fine.
Cuando era pequeño, hablaba español con mi abuela. ('Quando ero piccolo, parlavo in spagnolo con mia nonna').
  • Azione interrotta da un'altra azione - esprime un'azione in fase di avanzamento a cui subentra un'altra azione.
Tomábamos la cena cuando Eduardo entró. ('Stavamo cenando quando Eduardo entrò').
  • Descrizione generale del passato - esprime una situazione del passato, come, per esempio, lo sfondo di una narrazione.
Todo estaba tranquilo esa noche. Juan Eduardo miraba el partido de fútbol con su amigo Alejandro. Comían unas porciones de pizza. ('Tutto era tranquillo quella notte. Juan Eduardo stava guardando la partita di calcio con il suo amico Alejandro. Stavano mangiando delle pizze').
  • Cortesia - in alcuni casi, questo passato può essere usato per esprimere gentilezza.
¿Podía usted darme la revista? ('Potreste darmi la rivista?')
Passato remoto (in spagnolo pretérito indefinido)[modifica | modifica sorgente]

Il passato remoto ha le seguenti terminazioni:

Pronome soggetto verbi in -ar verbi in -er verbi in -ir
yo hablé bebí escribí
hablaste(s) bebiste(s) -escribiste(s)
él / ella / usted habló -bebió -escribió
nosotros / nosotras hablamos -bebimos -escribimos
vosotros / vosotras -hablasteis -bebisteis -escribisteis
ellos / ellas / ustedes hablaron -bebieron escribieron

Molto più usato in Spagna rispetto al corrispettivo italiano, il "preterito indefinito" corrisponde formalmente al passato remoto italiano, ma spesso viene tradotto con il passato prossimo.

Usi del preterito

Questo tempo viene utilizzato per esprimere quanto segue:

  • Azione compiuta nel passato - esprime un'azione vista come un evento completato, dove spesso viene accompagnata da espressioni avverbiali come ayer, anteayer, la semana pasada
Ayer, encontré la flor que tú me diste. ('Ieri, ho trovato il fiore che tu mi desti' o '... che mi hai dato').
  • Azione che interrompe un'altra azione - esprime un evento accaduto (e completato) mentre subentra un'altra azione.
Tomábamos la cena cuando entró Eduardo. ('Stavamo cenando quando entrò Eduardo').
  • Una verità generale - esprime una relazione passata vista come terminata.
Las Filipinas fueron parte del Imperio Español. ('Le Filippine furono parte dell'Impero Spagnolo').
Futuro (futuro simple o futuro imperfecto)[modifica | modifica sorgente]

Il tempo futuro usa l'intero infinito come tema a cui vengono aggiunte le seguenti terminazioni:

Pronome soggetto verbi in -ar verbi in -er verbi in - ir
yo
tú / vos -ás -ás -ás
él / ella / usted
nosotros / nosotras -emos -emos -emos
vosotros / vosotras -éis -éis -éis
ellos / ellas / ustedes -án -án -án

Usi del futuro

Questo tempo viene usato per esprimere quanto segue:

  • Azione futura - esprime un'azione fatta nel futuro.
El año próximo, Visitaré Buenos Aires. ('Il prossimo anno, visiterò Buenos Aires').
  • Incertezza o probabilità - esprime inferenza, più che conoscenza diretta.
— ¿Quién estará tocando a la puerta? — Será Fabio. ('Chi starà bussando alla porta? — Sarà Fabio').
  • Commando, proibizione o obbligo
No llevarás a ese hombre a mi casa. ('Non porterai quell'uomo in casa mia').
  • Cortesia
Te importará encender la televisión? ('Ti spiacerebbe accendere la televisione?')

Tempi composti (tiempos compuestos)[modifica | modifica sorgente]

Tutti i tempi composti sono formati con l'ausiliare haber seguito dal participio passato del verbo principale. Haber cambia la sua forma secondo la persona, il numero, ecc., mentre il participio passato resta invariabile, terminando con -o indipendentemente dal numero o genere del soggetto (come in italiano).

"Passato prossimo" (pretérito perfecto)[modifica | modifica sorgente]

Il "pretérito perfecto", simile al passato prossimo italiano, ha come ausiliare il verbo haber, seguito dal participio passato del verbo principale.[6]. Esempio:

Te he dicho mi opinión. ('Ti ho detto la mia opinione').

Nella maggior parte della Spagna questo tempo ha un uso aggiuntivo, per esprimere un'azione passata o evento accaduto in un lasso di tempo incompiuto, o che ha i suoi effetti nel presente:

Este mes ha llovido mucho, pero hoy hace buen día. ('Questo mese ha piovuto molto, ma oggi è una bella giornata').
"Trapassato prossimo" (pretérito pluscuamperfecto)[modifica | modifica sorgente]

Similmente al trapassato prossimo italiano, il "preterito piuccheperfetto" ha come ausiliare la forma dell'imperfetto del verbo haber seguito dal participio passato del verbo principale.

  • (yo) había + participio passato
  • (tu) habías + participio passato
  • (él / ella / usted) había + participio passato
  • (nosotros / nosotras) habíamos + participio passato
  • (vosotros / vosotras) habíais + participio passato
  • (ellos / ellas / ustedes) habían + participio passato

Usi
Questa forma è usata per esprimere quanto segue:

  • Un'azione passata che avvenne prima di un'altra.
Es.: Yo había esperado tres horas cuando él llegó. ('Sono stato ad aspettare tre ore prima che arrivasse', lett. "Avevo aspettato tre ore quando arrivò")
"Trapassato remoto" (pretérito anterior)[modifica | modifica sorgente]

Il "preterito anteriore", similmente al trapassato remoto, combina la forma preterita di haber con il participio passato del verbo principale. È una forma molto rara nello spagnolo parlato, ma viene talvolta usato nella lingua scritta, quasi interamente limitato alle preposizioni subordinate (temporali, avverbiali) — perciò viene di solito introdotto da congiunzioni temporali cuando, apenas, en cuanto, ecc. Viene impiegato per esprimere un'azione terminata immediatamente prima di una altra azione passata.

  • (yo) hube + participio passato
  • (tú) hubiste + participio passato
  • (él / ella / usted) hubo + participio passato
  • (nosotros / nosotras) hubimos + participio passato
  • (vosotros / vosotras) hubisteis + participio passato
  • (ellos / ellas / ustedes) hubieron + participio passato


Es.: Cuando hubieron llegado todos, empezó la ceremonia ('Quando furono arrivati, incominciò la cerimonia').
Es.: Apenas María hubo terminado la canción, su padre entró. ('Appena Maria ebbe terminata la canzone, suo padre arrivò').

Questo tempo viene spesso sostituito dal preterito "indefinito" o "piuccheperfetto", ottenendo lo stesso esito semantico.

Es.: Apenas María terminó la canción, su padre entró. ('Appena Maria terminò la canzone, arrivò suo padre')
Es.: Apenas María había terminado la canción, su padre entró. (lett. 'Appena Maria aveva terminata la canzone, suo padre arrivò')
"Futuro anteriore" (futuro compuesto)[modifica | modifica sorgente]

Il "futuro composto", simile al futuro anteriore italiano, è formato dalla forma del futuro indicativo di haber, seguita dal participio passato del verbo principale.

  • (yo) habré + participio passato
  • (tú) habrás + participio passato
  • (él / ella / usted) habrá + participio passato
  • (nosotros / nosotras) habremos + participio passato
  • (vosotros / vosotras) habréis + participio passato
  • (ellos / ellas / ustedes) habrán + participio passato
Es.: Habré hablado. ('Avrò parlato').
Es.: "Habràs dicho." ('Avrà detto').


Viene usato per:

  • Indicare un'azione futura terminata prima di un'altra azione futura.
Es.: Cuando yo llegue a la fiesta, ya se habrán marchado todos. ('Quando arrivo alla festa, già se ne saranno andati tutti').
  • Fare supposizioni.
Es.: Hace ya una hora que ha terminado la fiesta y Luis no estaba. ¿Por qué no habrá venido? - Imagino que no habrá podido venir debido a su trabajo. (È già un'ora che è finita la festa e Luis non si è fatto vedere. Come mai non sarà venuto? - Immagino che non avrà potuto venire a causa del suo lavoro.)

Condizionale[modifica | modifica sorgente]

Condizionale semplice (condicional simple o pospretérito)[modifica | modifica sorgente]

Come nel caso del futuro, il condizionale usa come tema l'intero infinito. Le sue terminazioni sono le seguenti:

Pronome soggetto verbi in -ar verbi in -er verbi in -ir
yo -ía -ía -ía
tú / Vos -ías -ías -ías
él / ella / usted -ía -ía -ía
nosotros / nosotras -íamos -íamos -íamos
vosotros / vosotras -íais -íais -íais
ellos / ellas / ustedes -ían -ían -ían

Usi del condizionale

Similmente all'italiano, questo tempo viene usato per esprimere quanto segue:

  • Cortesia - l'impiego di questo modo rende più morbida una richiesta, rendendola più educata.
Es.: Señor, ¿podría darme una copa de vino? ('Signore, potrebbe darmi un bicchiere di vino?')
  • Espressione cortese di un desiderio (usando querer).
Es.: Querría mirar la película esta semana. ('Gradirei vedere il film questa settimana').
  • In una proposizione introdotta da "allora", la cui realizzazione dipende da un proposizione ipotetica introdotta da se.
Si yo fuera rico, viajaría a América del Sur. ('Se io fossi ricco, [allora] viaggerei in Sud America').
  • Speculazione riguardo ad eventi passati (la conoscenza del parlante è indiretta, non confermata o approssimativa).
Es.: —¿Cuantas personas asistían a la inauguración del Presidente? — No sé; habría 5.000. ('Quante persone presenziavano all'inaugurazione del Presidente? — Non so; saranno state 5.000').
  • Una azione futura in relazione al passato - esprime un'azione futura immaginata nel passato.
Es.: Cuando era pequeño, pensaba que me gustaría ser médico. ('Quando ero piccolo, pensavo che mi sarebbe piaciuto fare il dottore').
  • Un suggerimento.
Es.: Yo que tú, lo olvidaría totalmente. ('Se fossi in te, lo dimenticherei completamente').

Condizionale perfetto o condizionale composto (condicional compuesto o antepospretérito)[modifica | modifica sorgente]

Similmente al corrispettivo italiano, il condizionale composto spagnolo si riferisce a un'ipotetica azione passata.

Si forma aggiungendo al participio del verbo principale l'ausiliare HABER al condizionale.

Es.: Yo habría hablado si me hubieran dado la oportunidad ('Avrei parlato, se mi avessero data l'opportunità').

Imperativo[modifica | modifica sorgente]

Il modo imperativo ha tre forme specifiche, corrispondenti ai pronomi tú, vos e vosotros ( e vos sono impiegati in diversi dialetti regionali, vosotros solo in Spagna); queste forme sono usate soltanto in espressioni affermative, ma non in quelle negative. Il congiuntivo integra l'imperativo in tutti gli altri casi (il negativo, e le coniugazioni corrispondenti ai pronomi nosotros, él/ella, usted, ellos/ellas e ustedes).

Imperativo affermativo (imperativo positivo)[modifica | modifica sorgente]

La forma positiva dell'imperativo dei verbi regolari si forma rimuovendo la terminazione infinitiva e aggiungendone diverse altre come descritto nel seguente schema:

Pronome soggetto verbi in -ar verbi in -er verbi in -ir
-a -e -e
vos
usted -e -a -a
nosotros / nosotras -emos -amos -amos
vosotros / vosotras -ad (-ar) -ed (-er) -id (-ir)
ustedes -en -an -an

Imperativo negativo (imperativo negativo)[modifica | modifica sorgente]

Per l'imperativo negativo, l'avverbio no viene collocato davanti al verbo, al cui tema vengono attaccate le seguenti terminazioni:

Pronome soggetto verbi in -ar verbi in -er verbi in -ir
-es -as -as
vos
usted -e -a -a
nosotros / nosotras -emos -amos -amos
vosotros / vosotras -éis -áis -áis
ustedes -en -an -an

L'imperativo singolare coincide completamente con la terza persona singolare dell'indicativo, tranne per alcuni verbi irregolari. Il plurale vosotros è sempre lo stesso dell'infinito, ma con la -d finale al posto della -r nel formale e nella forma scritta; La forma del parlato informale è la stessa dell'infinito. Il vos singolare perde la -r dell'infinito, guadagnando un accento scritto indicante la tonicità. Queste forme effettive dell'imperativo sono in grassetto onde distinguerle da quelle propriamente del congiuntivo.

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Le forme di comando affermative del verbo comer[modifica | modifica sorgente]
Soggetto Comando Significato Note
¡Come! 'Mangia!' Forma generale del singolare informale
vos ¡Comé! 'Mangia!' Usato nel dialetto rioplatense e in molta parte dell'America Centrale; uso accettato dalla Real Academia Española.
usted ¡Coma! 'Mangi!' Singolare formale.
nosotros / nosotras ¡Comamos! 'Mangiamo!' Usato come invito.
vosotros / vosotras ¡Comed! 'Mangiate!' Plurale regolare per situazioni informali, sebbene il suo uso stia diventando raro.
vosotros / vosotras ¡Comer! Mangiate! plurale comune usato in Spagna in situazioni informali, sebbene deprecato dalla Real Academia Española.
ustedes ¡Coman! 'Mangino!' Comando formale plurale generale; usato anche come comando plurale familiare nell'America Latina.
Forme di comando negative del verbo comer[modifica | modifica sorgente]
Soggetto Comando Significato Note
¡No comas! 'Non mangiare!' Forma generale del singolare informale
vos ¡No comas! 'Non mangiare!' usato nelle aree del voseo; la sola forma accettata dalla Real Academia Española
vos ¡No comás! 'Non mangiare!' usato da tutta la popolazione voseante; non accettato dalla Real Academia Española
usted ¡No coma! 'non mangi!' o 'non mangiate!' Singolare formale
nosotros / nosotras ¡No comamos! Non mangiamo! Usato come suggerimento
vosotros / vosotras ¡No comáis! Non mangiate! Plurale informale in Spagna
ustedes ¡No coman! Non mangino! Comando formale plurale negativo generale; usato come comando plurale familiare nell'America Latina

La prima persona plurale dell'imperativo, può essere espressa in altri due modi:

  • Il presente indicativo: ¡comemos! (solo per verbi di azione) [senza fonte]
  • Vamos a + infinito: ¡vamos a comer!
Verbo pronominale comerse[modifica | modifica sorgente]
Soggetto Comando Significato Note
¡Cómete ...! Mangia! usato in modo enfatico
vos ¡Comete ...! Mangia! Usato nel dialetto rioplatense; usao deprecato dalla Real Academia Española
usted ¡Cómase ...! Mangi! Singolare formale
nosotros / nosotras ¡Comámonos ...! Mangiamo! la terminazione -s originale si perde davanti al pronome nos, affissato onde evitare suoni cacofonici o dissonanti
vosotros / vosotras ¡Comeos ...! Mangiate! la terminazione -d originale si perde davanti al pronome os, affissato onde evitare suoni cacofonici o dissonanti
vosotros / vosotras ¡Comeros ...! Mangiate! plurale colloquiale usato in Spagna per situazioni informali, sebbene non ammesso dalla Real Academia Española
ustedes ¡Cómanse ...! Mangino! Comando formale plurale generale; usato come comando plurale familiare nell'America Latina
verbo ir[modifica | modifica sorgente]
Pronome soggetto Forma imperativa Significato Note
¡Ve! Va! Forma generale dell'imperativo singolare
vos ¡Andá! Va! Usato perché la forma generale nel voseo imperativo viene a perdere la '-d' finale, aggiungendo un accento. Tuttavia, se facciamo questo, la forma sarà 'í'.
usted ¡Vaya! Vada! La stessa della forma congiuntiva
nosotros / nosotras ¡Vamos! Andiamo! Forma più comune
nosotros / nosotras ¡Vayamos! Andiamo! Forma prescritta ma usata di rado
vosotros / vosotras ¡Id! Andate! Forma prescritta
vosotros / vosotras ¡Ir! Andate! Forma colloquiale
ustedes ¡Vayan! Vadano! Plurale formale; anche familiare nell'America Latina

Il verbo pronominale irse è irregolare nella forma normativa della seconda persona plurale, dato che non perde la -d o la -r:

  • ¡idos! (vosotros) – Andate via! (plurale usato in situazioni informali, raccomandato dalla Real Academia Española, ma estremamente insolito)
  • ¡iros! (vosotros) – Andate via! (comune in Spagna, ma deprecato dalla Real Academia Española)

Congiuntivo[modifica | modifica sorgente]

Il modo congiuntivo ha uno schema di coniugazione separata con meno tempi. Usato quasi esclusivamente nelle proposizioni subordinate per esprimere l'opinione o il giudizio del parlante, quali dubbi, possibilità, emozioni ed eventi che possano o meno succedere.

Tempi semplici (tiempos simples)[modifica | modifica sorgente]

Presente congiuntivo (presente de subjuntivo)[modifica | modifica sorgente]

Il presente congiuntivo dei verbi regolari viene formato con le seguenti terminazioni:

Pronome soggetto verbi in -ar verbi in -er verbi in - ir
yo -e -a -a
-es -as -as
vos -és -ás -ás
él / ella / usted -e -a -a
nosotros / nosotras -emos -amos -amos
vosotros / vosotras -éis -áis -áis
ellos / ellas / ustedes -en -an -an
Imperfetto congiuntivo (imperfecto de subjuntivo)[modifica | modifica sorgente]

L'imperfetto del congiuntivo può essere formato con due tipi di terminazioni: in "-ra" o in "-se", come mostrato sotto. Nell'America Latina, le forme in -ra sono virtualmente le sole forme usate, ascluse quelle in -se. In Spagna, sono utilizzate entrambi i tipi, ma con prevalenza delle forme in -ra.

Imperfetto congiuntivo, forme -ra[modifica | modifica sorgente]
Pronomi soggetto verbi in -ar verbi in -er verbi in -ir
yo -ara -iera -iera
tú / vos -aras -ieras -ieras
él / ella / usted -ara -iera -iera
nosotros / nosotras -áramos -iéramos -iéramos
vosotros / vosotras -arais -ierais -ierais
ellos / ellas / ustedes -aran -ieran -ieran
Imperfetto congiuntivo, forme -se[modifica | modifica sorgente]
Pronomi soggetto verbi in -ar verbi in -er verbi in -ir
yo -ase -iese -iese
-ases -ieses -ieses
él / ella / usted -ase -iese -iese
nosotros / nosotras -ásemos -iésemos -iésemos
vosotros / vosotras -aseis -ieseis -ieseis
ellos / ellas / ustedes -asen -iesen iesen
Futuro congiuntivo (futuro (simple) de subjuntivo)[modifica | modifica sorgente]

Questo tempo non è più impiegato nella lingua moderna, tranne nella lingua giuridica e in alcune espressioni fisse. Le seguenti terminazioni sono legate al tema del preterito:

Pronomi soggetto verbi in -ar verbi in -er verbi in -ir
yo -are -iere -iere
tú / vos -ares -ieres -ieres
él / ella / usted -are -iere -iere
nosotros / nosotras -áremos -iéremos -imos
vosotros / vosotras -areis -ieris -ieris
ellos / ellas / ustedes -aren -ieren -ieren
Es.: Cuando hablaren,... ('Quando possano parlare')

Tempi composti (tiempos compuestos)[modifica | modifica sorgente]

Nel modo congiuntivo, le forme del congiuntivo del verbo haber sono usate con il participio passato del verbo principale.

Presente perfetto congiuntivo (pretérito perfecto de subjuntivo)[modifica | modifica sorgente]
Per es.: Cuando haya hablado... ('Quando io ho/ egli ha /lei abbia parlato,,,,')
Piuccheperfetto congiuntivo (pluscuamperfecto de subjuntivo)[modifica | modifica sorgente]
Per es.: Si hubiera hablado... o Si hubiese hablado... ('Se io/egli/lei avesse parlato...')
Futuro perfetto congiuntivo (futuro compuesto de subjuntivo)[modifica | modifica sorgente]

Similmente al futuro semplice del congiuntivo, questo tempo non è ormai più usato nella lingua moderna.

Es.: Cuando hubiere hablado... ('Nel momento in cui possa aver parlato...')


Osservazioni:

  • Il presente congiuntivo è formato dal tema della prima persona del presente indicativo di un verbo. Tuttavia, per i verbi irregolari, come per es. salir, la prima persona fa salgo[7], mentre il presente congiuntivo sarebbe salga e non *sala[7].
  • La scelta tra il presente e l'imperfetto congiuntivo è determinata dal tempo del verbo principale della frase.
  • Il futuro congiuntivo viene usato di rado nello spagnolo moderno e in massima parte lo si trova in testi antichi, documenti legali e alcune espressioni fisse quali venga lo que viniere ("venga quel che venga", nel senso di "accada quel che accada").

Tempi continui[modifica | modifica sorgente]

Nello spagnolo, i "tempi continui" non sono formalmente riconosciuti come in inglese. Benché l'imperfetto esprima una continuità relativa rispetto al perfetto (per esempio te esperaba 'ti aspettavo'), la continuità di un'azione viene di solito espressa da una perifrasi verbale (perífrasis verbal). Per esempio: estoy leyendo, 'Sto leggendo'. Tuttavia, si può anche dire sigo leyendo, "sto ancora leggendo" (lett. 'Seguo leggendo'); voy leyendo e ando leyendo (lett. 'vado leggendo'), ecc.

Verbi irregolari[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Verbi irregolari spagnoli.

Molti verbi dittongano le vocali tematiche e ed o rispettivamente in ie e ue, in quanto la vocale del tema viene a ricevere l'accento. Tra questi verbi, detti anche a mutamento tematico, troviamo: pensar 'pensare' (pienso, 'penso'), sentarse 'sedersi' (me siento 'mi siedo'), empezar 'iniziare' (empiezo 'io inizio'), volver 'ritornare' (vuelvo 'io ritorno') e acostarse 'coricarsi' (me acuesto 'mi corico').

Virtualmente tutti i verbi della terza coniugazione (-ir), quando hanno nel loro tema -e- od -o-, subiscono un mutamento dell'apertura vocalica in modo che e ed o, in alcune delle loro forme, diventano rispettivamente i e u. Tra questi tipi di verbi troviamo per es. pedir 'chiedere' (pide 'chiede'), competir 'competere' (compite 'compete'), e derretirse 'sciogliersi' (se derrite 'si scioglie').

I verbi cosiddetti (in inglese) "I-Go" aggiungono una -g- mediana alla prima persona singolare del presente (facendo terminare la forma verbale della prima persona in -go — come per esempio: tener 'avere', tengo 'io ho'; venir 'venire', vengo 'vengo')[8]. Questi verbi sono inoltre spesso irregolari in altre forme.

Uso dei verbi[modifica | modifica sorgente]

Forme semplici e continue a confronto[modifica | modifica sorgente]

Nello spagnolo, come in italiano, non c'è distinzione rigorosa tra la forma semplice e quella "continua" come accade invece per l'inglese, dove "I do" è una cosa (un'abitudine) e "I am doing" un'altra (attività corrente). Nello spagnolo, hago può essere sia l'una che l'altra, mentre estoy haciendo dà enfasi a quest'ultima.

Sebbene non così rigoroso come l'inglese, lo spagnolo lo è più del francese o del tedesco, i quali non hanno nessuna distinzione sistematica tra i due concetti.

Questo significato opzionalmente continuo, che può essere sottolineato usando la forma continua, è una caratteristica del presente e dell'imperfetto. Il preterito non ha mai questo significato anche nella forma continua, e il futuro lo possiede solo quando è nella forma continua.

Presente
  • ¿Qué haces? potrebbe significare "che fai" oppure cosa stai facendo" (in inglese "what do you do?" o "what are you doing?"
  • ¿Qué estás haciendo? è precisamente l'esatta forma continua: "cosa stai facendo" (in inglese "what are you doing?").
Imperfetto
  • ¿Qué hacías? potrebbe significare sia "cosa facevi?" (o "cosa eri solito fare?") che "cosa stavi facendo?" (in inglese "what were you doing?")
  • ¿Qué estabas haciendo? è a tutti gli effetti una forma continua: "Cosa stavi facendo?" (in inglese "what were you doing?")
Preterito
  • ¿Qué hiciste? equivale a "cosa facesti?" o "cosa hai fatto?" (in inglese "what did you do?")
  • ¿Qué estuviste haciendo? corrisponde a "cosa stavi facendo?" (in inglese "what have you been doing")

Da notare che poiché il preterito per natura si rifersice a un evento visto come avente un inizio e una fine, e non come un contesto, l'uso della forma continua del verbo aggiunge solo una sensazione in merito alla lunghezza del tempo trascorso durante l'azione. Nello spagnolo il futuro ha due forme principali: il futuro imperfetto (composto) e quello semplice. La differenza tra essi è l'aspetto. Il futuro composto viene formato coniugando "ir" (cioè "andare", ma che in questo caso significa anche "volere") più l'infinito e, talvolta, anche con l'aggiunta di un verbo al "presente progressivo".

Futuro
  • ¿Qué vas a hacer?: is "cosa farai?", lett. "cosa vai a fare?" (implica un'azione di routine)
  • ¿Qué vas a estar haciendo?: "cosa farai?" (non implica necessariamente che sarà fatto)
  • ¿Qué harás?: "cosa farai" (azione sarà completata immediatamente o sarà fatta solo una volta)
  • ¿Qué estarás haciendo?: lett. "cosa starai facendo?".

Presente e futuro a confronto[modifica | modifica sorgente]

Sia il presente che il futuro possono esprimere azioni future, quest'ultimo in modo più esplicito. Ci sono inoltre espressioni che trasmettono il senso del futuro.

  • Mi padre llega mañana = "Mio padre arriva domani" (fuori dal contesto, llega potrebbe significare sta arrivando adesso oppure di solito arriva)
  • Mi padre estará llegando mañana = "Mio padre arriverà domani" (lett. "Mio padre starà arrivando domani")
  • Mi padre va a llegar mañana = (lett. Mio padre va ad arrivare domani) "Mio padre sta per arrivvare domani" [futuro con ir]
  • Mi padre llegará mañana = "Mio padre arriverà domani" (tempo futuro)
  • Mi padre está a punto de llegar = "Mio padre sta sul punto d'arrivare" (futuro immediato con estar a punto)
  • Mi padre ya llega = "Mio padre ora arriva" (futuro con ya) [senza fonte]

Come succede per l'italiano, il tempo futuro può inoltre semplicemente esprimere supposizioni riguardo al presente e al futuro immediato:

  • ¿Qué hora es? Serán las tres = "Che ora è?" "Saranno le tre (ma non ho verificato)".
  • ¿Quién llama a la puerta? Será José = "Chi chiama alla porta? Sarà José".

Lo stesso viene applicato all'imperfetto e al condizionale:

  • ¿Qué hora era? Serían las tres = "Che ora è?" "Sarebbero quasi le tre (ma non ho controllato)".
  • ¿Quién llamaba a la puerta? Sería José = "Chi chiamava alla porta? Deve essere stato José" (lett. "sarebbe José").

Ricerche hanno mostrato che i bambini di lingua spagnola imparano questo uso del tempo futuro prima di usarlo [in situazioni reali] per esprimere eventi futuri [senza fonte][9]. Si usano invece altre costruzioni spiegate dettagliatamente sopra. In alcune regioni di Argentina e Uruguay, i parlanti difficilmente usano il tempo futuro per riferirisi effettivamente al futuro.

In pratica il tempo futuro del modo congiuntivo è piuttosto obsoleto. Oggi come oggi, lo si trova solo in documenti legali e affini; mentre, in altri contesti, lo rimpiazza completamente la forma del passato congiuntivo.

Preterito e imperfetto a confronto[modifica | modifica sorgente]

Significati fondamentali del preterito e dell'imperfetto[modifica | modifica sorgente]

Lo spagnolo ha due tempi passati fondamentali: Il preterito e l'imperfetto. Pecisamente, la differenza tra i due non è nel Tempo ma nell'aspetto grammaticale) in modo simile alle lingue slave. Ad ogni modo, nella grammatica spagnola, vengono convenzionalmente definiti tempi.

La differenza tra il preterito e l'imperfetto (e, in alcuni casi, il perfetto) è spesso difficile da cogliere per i parlanti inglesi. L'inglese ha soltanto una forma di tempo passato, alla quale l'aspetto può essere aggiunto da verbi ausiliari, ma non in modi che corrispondano esattamente a quello che accade con lo spagnolo.

La distinzione tra essi è simile alle distinzioni che occorrono in altre lingue romanze, per esempio tra limparfait e il passé simple / passé composé francesi, o tra limperfetto e passato remoto / passato prossimo in italiano.

L'imperfetto fondamentalmente presenta un'azione o uno stato come contesto ed è essenzialmente descrittivo. Non presenta azioni o stati compiuti, e spesso nemmeno il loro inizio. Come il passato imperfettivo slavo, tende a mostrare azioni compiute abitualmente in passato ma che adesso non si svolgono più. In questo caso si potrebbe dire "Yo jugaba" (Giocavo, ma ora non più), "Yo leìa" (leggevo, ma ora non più), o "Yo escribìa" (scrivevo, ma adesso non più)

Il preterito (ed anche il perfetto, quando applicabile) fondamentalmente presenta un'azione o stato come un evento, ed è essenzialmente narrativo. Presenta le azioni o state come aventi un principio o una fine. Anche questo reca delle somiglianze con il perfettivo slavo, dato che queste azioni vengono solitamente viste come fatte in un preciso momento. Le forme corrispondenti di preterito sarebbero "Yo jugué" (io giocai/ho giocato), "Yo leì" (Io lessi/ho letto) o "Yo escribì" (io scrissi/ho scritto).

Come indicato sopra, decidere se usare il preterito o l'imperfetto può presentare qualche difficoltà per un parlante inglese. Ma ci sono alcuni argomenti, parole e frasi chiave che possono aiutare a decidere se il verbo debba essere coniugato al preterito o all'imperfetto. Queste espressioni occorrono significativamente più spesso con l'uno o l'altro dei due tempi, determinando se un'azione è completa (preterito) o ripetitiva o continuata (imperfetto) nel passato

Parole e frasi chiave che solitamente accompagnano il preterito:

  • ayer (ieri)
  • anteayer (l'altroieri)
  • anoche (stanotte)
  • durante dos siglos (per due secoli)
  • por un rato (per un po')
  • el otro día (l'altro giorno)
  • entonces (allora)
  • luego (allora; e allora/dopo)
  • esta mañana (stamane)
  • esta tarde (questo pomeriggio)
  • la semana pasada (la settimana scorsa)
  • el mes pasado (il mese scorso)
  • el año pasado (l'anno scorso)
  • hace dos días, años (due giorni, anni fa)
  • de repente (improvvisamente)
  • en 1954 (etc.)
  • el 25 de enero (etc.) (date)
  • durante (durante)
  • muchas veces (molte volte)
  • dos veces, tres veces (due volte, tre volte)
  • tantas veces (tante volte)
  • varias veces (diverse volte)
  • nunca (mai)
  • tan pronto como (appena)
  • después que (dopo)
  • desde que (da quando)


Ex: Esta mañana comí huevos y pan tostado. Stamattina ho mangiato uova e pane tostato


Parole e frasi chiave che solitamente accompagnano l'imperfetto

  • a menudo (spesso)
  • a veces (a volte)
  • cada día (ogni giorno)
  • cada semana (ogni settimana)
  • cada mes (ogni mese)
  • cada año (ogni anno)
  • con frecuencia (frequentemente)
  • de vez en cuando (di tanto in tanto)
  • en aquella época (a quel tempo)
  • frecuentemente (frequentemente)
  • generalmente (di solito)
  • todas las semanas (ogni settimana)
  • todos los días (ogni giorno)
  • todo el tiempo (tutto il tempo)
  • constantemente (costantemente)
  • mientras (mentre)
  • regularmente (regolarmente)
  • por lo general (generalmente)
  • todavía (ancora)
  • ya (già)
  • Eran las tres (etc.) (erano le 3, ecc.)
  • Estaba nublado (etc.) (era nuvoloso, ecc.)

Ex: Cada año mi familia iba a Puerto Rico. Es: Ogni anno la mia famiglia andava a Porto Rico.

Rispetto all'uso inglese[modifica | modifica sorgente]

Ulteriori esempi[modifica | modifica sorgente]

Preterito e perfetto a confronto[modifica | modifica sorgente]

Frame of reference includes the present: perfect[modifica | modifica sorgente]

The event itself continues into the present: perfect or present tense[modifica | modifica sorgente]

L'azione continua nel presente: Uso del perfetto o del tempo presente[modifica | modifica sorgente]

Se l'azione ha avuto inizio recentemente e sta anche continuando in questo momento oppure è probabile che riprenda a breve, allora non è possibile utilizzare il preterito in entrambe le lingue. In inglese si utilizza il perfetto, o meglio ancora il perfect continuous. In spagnolo si utilizza il perfetto, o meglio ancora il presente

  • Últimamente ha llovido mucho / Últimamente llueve mucho = "It has rained / It has been raining a lot recently"

Questo è l'unico uso del perfetto comune nel registro colloquiale dell'America Latina.

Variazione dialettale[modifica | modifica sorgente]

Differenza tra il congiuntivo e l'imperativo[modifica | modifica sorgente]

Differenza tra il presente e il futuro congiuntivo[modifica | modifica sorgente]

Differenza tra il preterito e il passato anteriore[modifica | modifica sorgente]

Diversità tra ser ed estar[modifica | modifica sorgente]

Haber: espressione di esistenza[modifica | modifica sorgente]

Haber: obbligo impersonale[modifica | modifica sorgente]

Haber: obbligo personale[modifica | modifica sorgente]

Haber: formazione del perfetto[modifica | modifica sorgente]

Tener[modifica | modifica sorgente]

Negazione[modifica | modifica sorgente]

Espressioni di movimento[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Completi" qui significa, aventi forme per tutte e tre le persone grammaticali sia al singolare che al plurale.
  2. ^ "Incompleto", in riferimento all'imperativo, significa avente forme solo per la seconda persona e la prima persona plurale, e mancante delle forme di terza persona.
  3. ^ In italiano non esiste questa differenziazione del genere della 1a e 2a persona plurale
  4. ^ Forma corrispondente alla "base-form" o "dictionary form" dell'inglese
  5. ^ Mentre nello spagnolo e nell'italiano il gerundio si comporta più come un avverbio, nella grammatica inglese, esso si riferisce alla forma in -ing del verbo usato come nome; per es. nella frase Learning is an easy process for some, la forma gerundiva learning funge da nome.
  6. ^ Il "pretérito perfecto" ha virtualmente lo stesso uso del present perfect inglese
  7. ^ a b Come la forma italiana "salire", etimologicamente simile, ma di significato acquisito diverso, dato che in spagnolo il verbo salir significa "uscire, partire"
  8. ^ Similmente ai corrispettivi verbi italiani "tenere" e "venire", le cui prime persone singolari son rispettivamente "tengo" e "vengo".
  9. ^ Il futuro inglese con "will" può talvolta essere usato con questo significato

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]