Paradigma (linguistica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

In grammatica, per paradigma si intende un modello di declinazione (di un sostantivo, di un pronome, di un aggettivo) o di coniugazione verbale solitamente offerto nei manuali.[1]

Il termine indica anche l'insieme delle forme verbali fondamentali, la cui conoscenza permette di coniugare il verbo in tutte le sue forme[1]. Così, ad esempio, in latino, il paradigma è composto da cinque forme:

  1. prima persona singolare dell'indicativo presente attivo
  2. seconda persona singolare dell'indicativo presente attivo (alcuni dizionari omettono questa forma[senza fonte])
  3. prima persona dell'indicativo perfetto attivo
  4. supino attivo
  5. infinito presente attivo

Per esempio, il paradigma di laudare ("lodare") è: laudo, laudas, laudavi, laudatum, laudare.

In greco (ellenistico), il paradigma è composto da sette forme, indicate convenzionalmente in questo ordine:

  1. prima persona dell'indicativo presente attivo
  2. prima persona dell'indicativo futuro attivo
  3. prima persona dell'indicativo aoristo attivo
  4. prima persona dell'indicativo perfetto attivo
  5. prima persona dell'indicativo perfetto medio-passivo
  6. prima persona dell'indicativo aoristo passivo
  7. prima persona dell'indicativo futuro passivo

Per esempio, il paradigma di λύω (luo, "sciogliere") è: λύω, λύσω, ἔλυσα, λέλυκα, λέλυμαι, ἐλύθην, λυθήσομαι.

In inglese, il paradigma (usato per i soli verbi irregolari) è composto da tre forme:

  1. infinito (senza to)
  2. past simple (uguale per tutte le persone tranne che nel verbo to be)
  3. past participle

Per esempio, il paradigma di to sing ("cantare") è: sing, sang, sung.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Scheda su treccani.it.